Mutui: da Comissione Senato ok al Fondo di solidarietà

corso amministratore di condominio

Buone notizie per chi ha un mutuo e ha perso il lavoro. Nel pomeriggio di ieri la Commissione permanente finanze e tesoro del Senato ha dato parere favorevole al Regolamento per il “Fondo di solidarietà”, destinato al sostegno di quei nuclei familiari che, dopo aver acceso un mutuo sulla prima casa, si sono trovati nell’impossibilità di affrontarlo a causa di sopraggiunti cambiamenti della condizione economica di partenza. Una misura questa  ideata e fortemente voluta da Federica Rossi Gasparrini, presidente di Federcasalinghe. Attualmente è in vigore il Piano per le famiglie, sostenuto dall’Abi e da diverse associazioni di consumatori. L’Associazione bancaria italiana ha rinnovato per la quinta volta la proroga, mantenendo il “Piano” ancora attivo.

Leggi tutto

Istat, paniere 2013: dentro tablet ed energy drink

Tablet, Smartphone ed Energy drink. Sono questi i prodotti che saltano immediatamente all’occhio, analizzando la rivisitazione al rialzo fatta dall’Istat, in riferimento al numero di beni da includere nel paniere utilizzato per il calcolo dell’inflazione. I prodotti presi in considerazione, per il 2013 saranno 1429, contro i 1383 del 2012. I dispositivi mobili multiuso, essendo ormai prodotti a larghissima diffusione, risultano affidabili rispetto al calcolo dell’inflazione. Tra i tablet inclusi, anche quelli trasformabili, utilizzabili sostanzialmente come pc portatili. Il tutto a danno dei netbook (più snobbati dalle famiglie), che escono dal paniere. All’interno di quest’ultimo anche i cosiddetti energy drink e il gas metano per autotrazione.

Leggi tutto

Capitale di base: cos’è e a cosa serve

Garantire ai giovani un’opportunità per realizzare i propri desideri , indipendentemente dalla loro classe sociale. Questa, in parole povere, l’essenza del Capitale di base, uno strumento che può vantare l’interesse ad esempio della Gran Bretagna (dove è in vigore il Child Trust Fund ) e che trae i suoi principi dal sistema del microcredito. Il Capitale di base, non è un’alternativa al reddito minimo garantito, argomento di tremenda attualità in questo periodo di crisi e di campagna elettorale, ma anzi è complementare al suddetto. Ma cos’è un Capitale di base? E in Italia, funzionerebbe? Francesco Giubileo, Dottore di ricerca in Sociologia ed  autore del libro “Una possibilità per tutti. Proposte per un nuovo welfare” ha provato a tracciare le linee d’intervento.

Leggi tutto

Fiat, Marchionne conferma impegno in Italia. Alfa? Non la vendo

L’Ad Fiat  Sergio Marchionne ha ribadito l’impegno del Lingotto a rimanere in Italia e quindi a dare lavoro a circa 80.000 persone. Marchionne lo ha spiegato ai microfoni della Repubblica delle idee, Intervistato dal giornalista Ezio Mauro direttore di La Repubblica. Il dirigente Fiat ha detto di impegnarsi  a “non chiudere gli stabilimenti in Italia”.  E’ poi intervenuto nuovamente anche sulla questione Alfa, precisando che la casa del Biscione “non è in vendita”.

Leggi tutto

La proposta choc di Berlusconi: Restituiremo l’Imu sulla prima casa

In caso di vittoria del centro-destra alle prossime elezioni, l’Imu sulla prima casa tornerà ai cittadini. Silvio Berlusconi ha svelato alla Fiera di Milano la proposta choc annunciata ieri. Alcuni organi di stampa avevano ipotizzato un “dimezzamento dell’Iva sui consumi”, ma il leader carismatico del Pdl si è spinto ben oltre. L’Imu (definita una !tassa dissennata", perché la prima casa “è sacra”), non sono verrà abolita , ha spiegato il Cavaliere,  ma “quella sulla prima casa versata nel 2012, che ha creato sfiducia ed incertezza”, limitando mutui ed investimenti, verrà restituita, in un mese e volendo, anche in contanti. Berlusconi ha detto che la delibera in tal senso avverrà al primo consiglio dei ministri.

Leggi tutto

Monti. Si punta sulla Flexicurity

Hanno fatto immediatamente discutere le ultime dichiarazioni del presidente del consiglio uscente e leader di Scelta Civica, Mario Monti, in materia di lavoro e tasse. Secondo il premier va garantito “nel tempo l'equilibrio dei sistemi pensionistici pubblici nonostante il progressivo invecchiamento del Paese e le ricadute che ciò comporta sul mercato del lavoro”. Sui contratti …

Leggi tutto

Vacanza-lavoro in Canada: ecco cosa fare

Se avete tra i 18 ed i 35 anni ed un po’ di coraggio, il Canada potrebbe essere la vostra prossima destinazione lavorativa e vacanziera, allo stesso tempo. La singolare iniziativa, che potrebbe però essere quanto mai utile soprattutto ai più giovani (1000 i posti a disposizione), è portata avanti da Esperienza Internazionale Canada. Visitare e conoscere un’altra terra ed un’altra cultura. Divertirsi ed allo stesso tempo lavorare. Per farlo oltre ad avere un’età compresa tra quelle indicate, è necessario essere cittadini italiani, disporre di una somma pari a 2500 euro per le spese iniziali più altri 150 per la quota di partecipazione. Stipulare una polizza assicurativa sanitaria e non aver mai partecipato al programma.

Leggi tutto

Auto: mercato giù del 17%. Cresce l’usato, Fiat tiene

A gennaio il mercato dell’auto ha registrato una significativa riduzione delle vendite. Nel primo mese del 2013 infatti, le immatricolazioni di auto nuove sono state 113.525, il 17,58%  in meno rispetto alle 137.745 di un anno fa. L’usato invece, appare in controtendenza, è infatti cresciuto del 6%. Fiat ha sostanzialmente tenuto: le auto del Lingotto immatricolate a gennaio sono state 34.123 contro le oltre 40.000 dell’anno scorso nello stesso periodo, ma la quota di mercato della fabbrica guidata da Marchionne  è aumentata rispetto sia a dicembre del 2012 (29.27%) , sia a gennaio di un anno fa (29,41%), attestandosi al 30.06%.

Leggi tutto

Eurispes: per gli italiani è sempre più difficile risparmiare

Più di metà degli italiani (oltre il 53%) non è in grado di sostenere adeguatamente la propria famiglia. A risparmiare qualcosa ci riesce solo un quinto degli intervistati. Anzi, nel 60,6%  dei casi avviene l’esatto contrario. I risparmi messi da parte vengono “violati” per arrivare a fine mese. I dati, ben poco rassicuranti, emergono dall’ultimo rapporto Eurispes. Tagliare su ristoranti, palestre, parrucchieri e viaggi, non sempre basta per rientrare nel budget  obbligato del bilancio familiare. Per molti ormai la gita fuori porta  è diventata un lusso e solo chi è stato colpito in maniera non troppo dura dalla crisi, rinunciando a qualche svago riesce ad affrontare i costi sempre crescenti della vita.

Leggi tutto

Fuga dall’università. In dieci anni 58.000 studenti in meno

I giovani italiani sembrano orientarsi sempre meno verso la laurea.  In dieci anni il numero di iscritti agli atenei è calato di 58.000 unità. Circa il 17% in meno, pari al totale degli iscritti alla Statale di Milano. E negli ultimi sei di anni, a scendere drasticamente è stato anche il numero di docenti, il 22% in meno in totale. Non è andata meglio ai corsi di laurea, che tra razionalizzazioni e vere e proprie eliminazioni ora sono 1.195 in meno rispetto a dieci anni fa. Secondo il documento del Cun (Consiglio Universitario Nazionale)  tale riduzione è collegata soprattutto a quella dei docenti, oltre che  a quella della spesa per il diritto allo studio. C’è però anche un altro aspetto. Non più tardi di qualche anno fa si parlava della “sovrannumero” di laureati presenti in Italia, rispetto ad un mercato del lavoro incapace di soddisfare la domanda, molto alta, di lavoratori della conoscenza.

Leggi tutto

Ilva: stipendi ancora bloccati, nuovo no al dissequestro dei beni

Il Gip di Taranto Patrizia Todisco ha nuovamente negato il dissequestro dell’acciaio prodotto dall’Ilva, in un periodo in cui, stando al Gip, non avrebbe potuto farlo. Le 1,7 tonnellate di acciaio, per ora restano dove sono. La vendita del prodotto, dalla quale si potrebbe ricavare circa un miliardo di euro, ad adesso è ancora vietata. Quei soldi, aveva dichiarato Ferrante in occasione del precedente “no” al dissequestro, servono per pagare gli stipendi di febbraio degli operai e per applicare l’Aia. Il problema  riguarda anche la stessa attività dello stabilimento, il quale, se chiudesse, provocherebbe con tutta probabilità una reazione a catena molto pesante, anche in termini di occupazione e non solo a Taranto.

Leggi tutto

Tempi duri per i trasporti: vendita veicoli commerciali giù del 31,7%

Il mondo del trasporto è in crisi. In Italia le vendite dei veicoli commerciali sono drasticamente calate del 31,7%  nel 2012. La crisi delle vendite di furgoni, camion e autobus non riguarda però solo il Bel Paese, ma quasi tutti gli stati Ue e quelli Efta (European Free Trade Association), dove secondo l'Acea si è registrata una flessione complessiva del 12%. Va detto però che, ad esempio nel Regno Unito, il calo si è limitato al 5,7%, in Germania al 7% ed in Francia al 10,3% . Il Bel Paese sembra essere caratterizzato dal dato peggiore su base annua anche se il – 20,3%  (dato comunque negativo) del mese di dicembre va in controtendenza. Il calo è inevitabilmente collegato all’andamento dell’economia reale. In un periodo di poca liquidità, di pressione fiscale elevata e, in molti casi, di difficoltà a richiedere prestiti alle banche, la possibilità di investire su un veicolo nuovo, per le aziende del settore o che comunque hanno sviluppato un'attività (primaria o meno) di trasporti, si riduce notevolmente.

Leggi tutto

Lavoro: ecco cosa dice la bozza Monti

Un’estensione del contratto di lavoro a tempo indeterminato, a patto di rendere più flessibile l’uscita da quest’ultimo. E’ uno dei punti fondamentali della bozza Monti sul lavoro, in cui c’è molto dell’opera svolta da Pietro Ichino, l’economista fuoriuscito dal PD. In questo modo si cercherà anche di far emergere la piaga del lavoro sommerso. Insomma, più posti di lavoro e migliori, ma a patto di una maggiore flexicurity, parola non molto conosciuta in Italia. Tutto questo affidando la contrattazione collettiva alle parti sociali. Un seconda questione chiave riguarda invece un altro tipo di contrattazione, quella in deroga. Per uscire dall’indurimento del mercato del lavoro, Monti indica la strada della deroga a norme di fonte pubblica o contrattuale, quando necessario e cmq in accordo con i lavoratori. Resteranno invece inviolabili i vincoli costituzionali, quelli delle norme comunitarie e quelli delle convenzioni internazionali.

Leggi tutto

Monti: detrazioni Imu subito, poi giù Irap e Irpef. “Impegni seri”

Il presidente del Consiglio uscente Mario Monti, ospite della trasmissione Omnibus, ha spiegato che subito dopo le elezioni sarà possibile abbassare l’Imu, l’ imposta sulla casa introdotta proprio dal governo Monti.  Le detrazioni dovrebbero raddoppiare in due sensi, da 200 a 400 euro sulla prima casa e da 100 a 200 per ogni figlio e/o anziano a carico, fino ad un massimo di 800 euro. I soldi per la copertura dovrebbero  arrivare, nelle intenzioni, da una limitazione della spesa corrente primaria. A seguire, nel 2014, l’intenzione è quella di ridurre l’Irap, togliendo il monte salari dall’imponibile. Almeno nelle intenzioni, c'è anche in progetto di ridurre l'Irpef (sempre nel 2014).

Leggi tutto

Fisco, Gdf scopre 6,5 miliardi di danni. Denunciati in 22.000

Nell’ambito dei controlli su finti poveri e falsi invalidi, la Gdf nel 2012 ha ipotizzato oltre 6,5 miliardi di euro "persi" tra frodi e danni all’erario. Rispetto a questi ultimi, la cifra si aggirerebbe sui 5 miliardi. I militari, in un anno di serratissime indagini hanno scoperto più di 3500 finti poveri, più di 1000 falsi invalidi e quasi 1300 dipendenti pubblici con doppi lavori.  4600 le denuncie ai danni di presunti truffatori, con  un recupero di beni stimato in 348 milioni di euro. In totale, le denunce inoltrate hanno raggiunto una cifra esorbitante, circa 22.000, come una media cittadina di provincia.  A rendere noti i dati è stata la stessa Guardia di Finanza, che ha diffuso il bilancio del lavoro svolto nel 2012.

Leggi tutto

Cassa integrazione: 4,2 miliardi di ore negli ultimi 4 anni, + 370%

 <span style="font-family:verdana,geneva,sans-serif;"><span style="font-size: 14px;"><span style="color: rgb(0, 0, 0);"><strong><img style="display: none" class=" alignleft size-full wp-image-1739" alt="" src="https://www.biancolavoro.it/wp-content/uploads/2011/01/texl.jpg" style="width: 160px; height: 133px; margin: 3px; float: left;" width="438" height="363" /></strong>Nel 2012 la <strong>cassa integrazione guadagni </strong>ha superato il 1,1 miliardi di ore. Nel 2010 si era arrivati a 1,2 miliardi. <strong>Tra il 2009 e il 2012,</strong> le ore di cassa sono state <strong>4.2 miliardi</strong>, un dato nemmeno lontanamente paragonabile a quello del quadriennio precedente (2005-2008), in cui l&rsquo;ammortizzatore sociale &egrave; stato utilizzato per 888,2 milioni di ore. Un incremento pesantissimo, pi&ugrave; del 370%. Per ogni anno, tra il 2005 e il 2008 la cassa integrazione non ha mai superato quota 250 milioni di ore. In due dei quattro anni dell&rsquo;ultimo periodo invece, per ben due volte <strong>ha superato il miliardo di ore.</strong> E&rsquo; quanto emerge dai dati Inps, rielaborati dall&rsquo;agenzia di stampa AdnKronos.</span></span></span>

Leggi tutto

Precari P.A.: arriva la proroga, ma non per tutti

Per i precari della Pubblica Amministrazione è arrivata la tanto attesa proroga. Di quest’ultima si parlava da tempo, in quanto inserita nella legge di stabilità. Ora c’è tempo fino al 31 luglio. I Dpcm firmati dai ministri Patroni Griffi e Grilli (rispettivamente a capo della Funzione Pubblica e dell’Economia), aprono di fatto la via della  contrattazione, che si svolgerà tramite l'Aran (Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni). Si cercherà, con non poche difficoltà, di arrivare ad un contratto collettivo, stabilendo un accordo anche con i sindacati. La proroga riguarda i precari con contratti in scadenza in essere prima del 30 novembre scorso,  e che hanno raggiunto il limite di legge  di 36 mesi ( o limiti similari, stabiliti dai contratti di riferimento).

Leggi tutto

50 miliardi per il lavoro. Il piano della Cgil

Da un meno 0.4% previsto per il 2013 a un più 2.9% in tre anni. E’ questo l’obiettivo del nuovo piano per il lavoro della Cgil. Per realizzarlo il governo che sarà dovrebbe destinare alla causa 50 miliardi di euro da qui al 2015. Un programma complesso, che di fatto mette in discussione, con l’obiettivo di rivederlo nel profondo, l’intero  sistema attuale, dall’ambito fiscale a quello degli ammortizzatori sociali. Il primo, secondo il sindacato, dovrebbe essere più progressivo e nel contempo andrebbe adottata una patrimoniale sui grandi capitali. Un investimento di circa 20 miliardi di euro sarebbe un ottimo punto di partenza nella creazione diretta di posti di lavoro.

Leggi tutto

Inattivi: record nel 2011. Solo Malta ha fatto peggio

Nel 2011 il numero di inattivi in Italia ha raggiunto la percentuale record del 37,8%. A rivelarlo il rapporto “Noi Italia”, pubblicato dall’Istat. Una precisa categoria statistica identifica la figura delle persone “inattive”, vale a dire quei soggetti che non lavorano, e non sono alla ricerca di lavoro. Visto il peggioramento avvenuto nel 2012, almeno stando ai più recenti dati (100.000 imprese chiuse nei 12 mesi), è plausibile pensare che la situazione possa ora essere ancora più grave. Il fenomeno, va detto, è generato non, o comunque non più, dalla mancanza di voglia di lavorare, o da una ricerca più o meno spasmodica dell’impiego su misura e di un conseguente rifiuto di tutti gli altri, ma da un’assenza, divenuta cronica, di posti di lavoro.

Leggi tutto

Ilva: niente dissequestro, stipendi ancora congelati

Non c’è pace per i lavoratori dell’Ilva. ll giudice Patrizia Todisco, sospendendo il giudizio e rinviando il tutto alla Consulta,  ha di fatto negato oggi il dissequestro di oltre 1 milione e 700mila tonnellate di acciaio, del valore di circa un miliardo di euro. Per ora quindi, gli stipendi restano congelati.. La notizia arriva lo stesso giorno del presunto arresto di Fabio Riva, che sarebbe avvenuto in mattinata a Londra. Ipotesi questa, che però sarebbe anche già stata smentita da due fonti della società, interpellate dall’agenzia di stampa Reuters, secondo le quali Riva si sarebbe presentato regolarmente in Tribunale nell’ambito dell’udienza di richiesta di estradizione verso l’Italia, richiesta che sarebbe stata respinta. Fabio Riva è vice-presidente del gruppo ed è accusato dalla magistratura italiana nell’ambito dell’inchiesta sull’inquinamento prodotto dallo stabilimento Ilva, ma la notizia del suo arresto sarebbe “falsa”. Riva si troverebbe invece in regime di libertà vigilata a Londra.

Leggi tutto