#FertilityDay, quando al colloquio la domanda è: “Ha intenzione di fare un figlio?”

Sul #FertilityDay si sono scatenate diverse proteste. Una di queste riguarda la difficoltà delle donne che vorrebbero diventare madri nell'ottenere un posto di lavoro. Al colloquio infatti può capitare di sentirsi chiedere "ma lei ha intenzione di fare un figlio?"

Questa settimana è stata “quella” del #FertilityDay, un’iniziativa voluta dal Ministero della Salute, che non ha mancato di generare una serie di polemiche anche molto pesanti.  Una di queste è stata sicuramente quella che ha riguardato la questione del mettere al mondo un figlio associata alla carriera lavorativa femminile, ma prima ancora al “mero” posto di lavoro occupato (o meno) da una donna. Se è infatti vero che il gender pay gap non è ancora stato annullato (gli uomini a parità di ruoli e mansioni guadagnano ancora più delle donne, in media) e se è altrettando vero che la maternità, interrompendo l’attività lavorativa è un indubbio svantaggio per la carriera di una donna (anche se non dovrebbe esserlo), spesso per una donna un problema, o meglio, IL problema, si presenta ancora prima di intraprenderla una carriera.


#FertilityDayNon sono state poche infatti le segnalazioni in rete sull’argomento, sotto forma di protesta contro il #FertilityDay, di fatto un incoraggiamento alle donne a fare figli, unito ad una campagna di prevenzione ed informazione, così come spiegato dal Ministro Lorenzin. Una protesta nata dal fatto che non è raro che una delle prime cose che ad una donna in “età da figli” viene chiesta ad un colloquio di lavoro è se abbia intenzione o meno di avere un bambino. Ora, se per chi un lavoro ce l’ha, nel caso una simile situazioni si verifichi, si tratta di fare una scelta (comunque ardua) tra il puntare sulla carriera o sulla famiglia, per chi un lavoro non ce l’ha, o non ce l’ha più, tale scelta è ancora più complicata e profonda.

Perché, oggettivamente, le donne a cui viene rivolta questa domanda in sede di colloquio, subiscono un’invasione della loro sfera privata che nulla ha a che vedere con le loro eventuali prestazioni lavorative. E’ pur vero che un’azienda deve pensare ai propri interessi ma… una donna,  potrebbe non volere figli (e quindi non assentarsi per mesi dal posto di lavoro) ma essere una totale fannullona e non produrre nulla o quasi pur timbrando regolarmente il cartellino, come potrebbe invece avere l’irresistibile desiderio di  diventare madre, ma al contempo essere una lavoratrice coi fiocchi ed ottenere risultati strabilianti anche dopo l’interruzione lavorativa causa maternità.

Premesso questo, a quanto si è riuscito a capire dai vari organi di stampa e social network, la polemica sul #FertilityDay è nata da una perlomeno scarsa o addirittura mancata accettazione del concetto di  incoraggiare le donne a diventare madri, quando A) la situazione economica non è certo delle migliori, e non lo è da ormai da diversi anni B) una maternità in alcuni casi potrebbe addirittura far rischiare il posto di lavoro a chi ce l’ha, oltre a generare un impedimento ad ottenerlo a chi è disoccupata. C) Dati il punto A e il punto B, non fare figli per una donna potrebbe essere più un obbligo dettato dalle contingenze che una scelta vera e propria.

Ora, bisogna essere chiari: un popolo a nascite zero è un popolo destinato a scomparire. Ed è certo un compito primario di qualsiasi Governo combattere (anche mediaticamente) la tendenza al calo delle nascite, per qualsiasi ragione essa si verifichi. Da questo punto di vista, il Ministero della Salute può anche aver posto il problema nel modo sbagliato, o comunque in una maniera poco gradita ai più. Ha però indubbiamente fatto bene a porlo.

Detto questo, alle iniziative di sensibilizzazione, informazione, prevenzione e via dicendo, guardando il lato lavorativo della vicenda, andrebbero uniti provvedimenti concreti che aiutino le aspiranti mamme a diventare tali, godendo di tutta la gioia che una bimba o un bimbo possono portare all’interno di un nucelo familiare, ma con qualche preoccupazione “di vita” in meno. Questo per fare in modo che, nel decidere se affrontare o meno una maternità, non debbano tener conto anche del rischio di doversi scontrare con la fatidica domanda: “ma lei ha intenzione di fare un figlio?”, e magari di vedersi negare, conseguentemente alla risposta, un posto di lavoro, proprio a causa della loro scelta di diventare madri.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati su Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito):

SI, voglio offerte di lavoro



CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (2)
  • Pouzinha Poa Beppi 4 anni

    per come la butta oggi è inutile che ci prendiamo beatamente per i fondelli. far sentire in colpa una donna che pur volendo un figlio non se lo può permettere (attenzione, aprire bene gli occhi: questa non è assolutamente un’incitazione all’aborto, non sia mai! se la gravidanza accade per errore, flop, inconsapevolezza, il bambino si tiene, punto e basta, la vita e sacra e in primo luogo vanno protetti i piccoli e più indifesi, che alla peggio c’è la messa in adozione). ma non critichiamo chi non si accasa, resta single e il figlio non lo fa perchè già sull’orlo del fallimento (bello far crescere un figlio per strada, da barboni, quando da disoccupati non ci saranno più mammina e papino pensionati perchè passati a miglior vita e nel sistema italiano a caste chiuse non si aiutano certo i neogenitori sistemandoli con un lavoro. oramai bisogna smuovere i media! non critichiamo. ci sono persone che a 10/15 anni dalla laurea non trovano alcun lavoro e non per la bufala quattro per un soldo che “oramai gli italiani certi lavori non li vogliono fare”. appena vedono la laurea e il malcapitato o la malcapitata di turno si candida per fare le pulizie in un cinema dicono “oh, troppo qualificato! perchè non ti vai a cercare un lavoro consono alla tua laurea?” figuriamoci, è un modo oramai beffardo per dire “dobbiamo scremare” perchè si sa benissimo che il lavoro consono si trova se si è figli di, parenti di. se ti chiami Agnelli o Marzotto bene, altrimenti si prende quello che capita, consono o meno che sia. ci sono poi, problema da non sottovalutare, donne che vorrebbero con tutta l’anima farsi una famiglia, ma non ci sono uomini disponibili ad accasarsi. vuoi perchè a loro volta disoccupati e sbattendo la testa allo stesso modo, temono le conseguenze di una scelta impropria. vuoi perchè la diabolica cultura holliwoodiana ha messo in testa alla nostra generazione degli standard al di fuori di ogni realtà. insomma, prima di criticare, predisporre le condizioni: lavoro con salario degno per tutti e non che di proposito il diritto al lavoro sancito dalla Costituzione non è che carta straccia, perchè avevano ben pensato di renderla una norma programmatica e non precettiva. il che vale a dire che senza una legge parlamentare di attuazione, che ovviamente come non hanno emanato in oltre 60 anni non lo faranno mai (si vede che non c’è proprio la volontà) , il diritto al lavoro rimarrà sempre e solo carta straccia. e di conseguenza anche il diritto di accasarsi e mettere su famiglia. in buona sostanza: più fatti e meno moralismo senza capo nè coda

  • Stefano Schiavon 4 anni

    Condivido in gran parte i contenuti dell’articolo. Tuttavia penso che al crollo della natalità abbiano anche contribuito aspetti socio-culturali quali ad esempio:
    * la svalorizzazione della maternità e l’idea che la realizzazione personale sia da intendersi solo in termini professionali e di carriera (stesso errore ma di segno opposto all’idea che la donna si valorizza solo facendo bambini).
    * la contrapposizione conflittuale dei rapporti tra sessi, e la svalorizzazione del ruolo paterno, che di fatto portano all’individualismo e alla solitudine.
    * Il disconoscimento a priori della famiglia come cellula fondamentale della società, luogo di crescita umana e di condivisione di problemi, di ammortizzatore economico e sociale dall’infanzia alla vecchiaia.
    * L’idea che il benessere e la qualità della vita dipendono più dai soldi e dal soddisfacimento di diritti, e non più dai rapporti interpersonali.