Lavoro: bastano 8 ore a settimana per essere felici

La giusta dose di lavoro per godere dei benefici psico-fisici da esso derivante è di 8 ore a settimana. Sono i risultati di una ricerca condotta da alcuni ricercatori di Cambridge.

Secondo una recente ed interessante ricerca effettuata da alcuni ricercatori di Cambridge, per essere felici e godere dei benefici psicologici derivanti dal lavoro, basterebbe lavorare solo 8 ore a settimana, l’equivalente di un solo giorno a settimana. Lavorare troppo non giova al nostro benessere psico-fisico.


Lavoro

Lavoro: per essere felici bastano 8 ore a settimana

Il lavoro fa bene non solo alle nostre tasche ma anche alla mente ed al corpo. Attenti però a non eccedere, altrimenti il benessere psico-fisico derivante dal lavoro si trasforma in stress e stanchezza. Una recente ricerca condotta da alcuni ricercatori di Cambridge e pubblicata sulla rivista Social Science & Medicine, afferma che per essere felici e godere dei benefici fisici e mentali derivanti dall’attività lavorativa, basterebbe lavorare 8 ore a settimana. Dunque, mettendo da parte i bisogni economici, se dovessimo concepire il lavoro solamente come un’attività da cui trarre benefici psico-fisici, ci basterebbe lavorare 8 ore a settimana, in pratica l’equivalente di un giorno a settimana. Non è una novità che lavorare troppo e soprattutto tutti i giorni, crea stress e tensioni, in quanto gli individui non hanno più il tempo materiale da dedicare a se stessi.

La giusta dose di lavoro che fa bene a tutti

Il lavoro non è utile solo da un punto di vista economico, connesso al sostentamento degli individui, ad esso sono legati anche benefici di natura psicologica. Infatti, il sentirsi utili, impegnati in differenti attività, dare sfogo alle nostre attitudini e competenze, fornisce un senso di benessere generale. Tuttavia bisogna trovare la giusta dose di lavoro, eccedere fa male. A dirlo sono un gruppo di sociologi dell’Università di Cambridge e di Salford, i quali hanno analizzato dati risalenti ad un sondaggio effettuato tra il 2009 ed il 2018 su un campione di 70 mila residenti nel Regno Unito.

Lavorare 8 ore a settimana garantisce il giusto grado di benessere psico-fisico. Gli orari ed il tempo che ogni individuo dedica all’attività lavorativa, sono strettamente connessi con la sua salute mentale e fisica. Lavorare più di 8 ore a settimana, come oggi qualsiasi lavoratore fa, non fornisce alcun beneficio a livello mentale. Ovviamente, in una realtà come quella odierna è inconcepibile lavorare così poco.

Diminuire in maniera progressiva gli orari di lavoro

Se guardiamo alla questione dal solo punto di vista del benessere derivante dal lavoro, mettendo da parte tutta la sfera economica, allora, la giusta dose di attività lavorativa per ogni individuo è di un giorno a settimana. I ricercatori stessi invitano a prendere con calma i risultati della ricerca e soprattutto ad interpretarli nel modo giusto. Lo studio non vuole invitare a ridurre drasticamente il tempo dedicato al lavoro, anche perché una cosa del genere avrebbe conseguenze sull’economia dei differenti Paesi. Si tratta di una ricerca informativa.

Magari, nel corso degli anni, con l’introduzione di strumenti e robot nelle realtà lavorative, la riduzione dell’orario di lavoro umano sarà possibile. Tuttavia bisognerebbe procedere in maniera graduale, partendo con l’introduzione del week-end di 5 giorni, oppure aumentando il tempo dedicato alle ferie. Anche in questo modo si possono avere effetti positivi sul benessere.

Quando il lavoro ci danneggia

Oggi sappiamo bene che la disoccupazione è dannosa per la salute degli individui, tuttavia anche il lavoro può diventare dannoso. Il responsabile dell’inclusione sociale presso il Royal College of Psychiatrists, Jed Boardman, ha confermato come, anche un lavoro con dei bassi livelli di controllo, con una remunerazione non adeguata, tante incertezze e complessità, può essere dannoso come la disoccupazione stessa. Lo studio condotto, oltre a confermare cose che in qualche modo già si conoscevano, suggerisce che la riduzione dell’orario lavorativo, fatta attraverso determinate misure, può portare ad uno stato di benessere sia fisico che mentale degli individui stessi. Dunque, lavorare tutti ma per un tempo più breve del solito, potrebbe essere un modo per stare bene, sentirsi appagati, utili ed aver tempo da dedicare alle nostre passioni ed hobbies.

CATEGORIES
Share This