Misure a sostegno dei commercianti contro la crisi economica causata dal Coronavirus. Parla Assofranchising

Assofranchising si rivolge al Governo per chiedere delle misure a sostegno dei commercianti colpiti dalla crisi Coronavirus. Occorrono misure efficaci

Oltre alla Confcommercio, anche Assofranchising fa sentire la sua voce e si rivolge al Governo chiedendo sostegno. C’è bisogno di misure a favore dei commercianti per poter scongiurare la crisi economica, nata dalla diffusione del Coronavirus. Indispensabile superare questo momento difficile, con delle misure efficaci, studiate nei minimi particolari.


L’importanza di superare la crisi Coronavirus

emergenza coronavirus per le aziende

Il Coronavirus ha avuto e continua ad avere notevoli ripercussioni anche a livello economico. Questo non solo nelle zone a maggior rischio di contagio, ma un po’ su tutto il territorio nazionale. Inoltre, l’aumento dei contagi e la presenza di questi anche in altri Stati, complica la già delicata situazione, non solo da un punto di vista sanitario ma anche economico. Le aziende che sono rimaste aperte, producono molto meno e con evidente difficoltà, data la carenza di materia prima ed anche di manodopera. Lentamente in alcune zone colpite dal Coronavirus, si cerca di tornare alla normalità, con la riapertura delle attività, delle scuole, delle imprese. Tuttavia questo non basta, in quanto per superare la crisi, che ha portato alla perdita di fatturato in molti settori dell’economia, ci vogliono sostegni ed aiuti da parte del Governo. Ed è proprio quello che oggi richiede a gran voce Assofranchising.

Assofranchising l’associazione delle reti franchising

Le varie reti franchising che si sono sviluppate soprattutto negli ultimi anni, sono rappresentate da una solida realtà, ossia lAssofranchising. Si tratta dell’associazione che si preoccupa di rappresentare, difendere e promuovere tutti gli interessi economici, sociali e professionali delle reti associate in franchising. Una realtà davvero importante in questo settore, che dal 1971 anno della sua nascita, opera con grande professionalità e serietà, organizzando eventi promozionali di networking e studio per i soci, consulenza mirata, assistenza e tanto altro ancora. Il suo scopo è proprio quello di stare vicino le reti franchising e sostenerle in qualsiasi momento della loro vita professionale. Anche per coloro che vogliono aprire un’attività in questo settore.

Coronavirus e misure a favore dei commercianti

Assofranchising, nell’attuale situazione di crisi economico-sanitaria fa sentire la sua voce. Infatti, proprio in questo periodo particolarmente delicato, servono delle misure a sostegno dei commercianti e di tutti i professionisti che hanno subito perdite economiche. In particolare, Italo Bussoli, il Presidente di Assofranchising, sostiene che il Governo deve stare vicino a tutti, in particolar modo a quei settori maggiormente colpiti dalla crisi, come la stessa Confcommercio ha espresso qualche giorno fa. Diventa davvero importante, cercare di infondere fiducia alla popolazione, portandola a spendere ed a consumare nuovamente. Se la domanda di beni e servizi continua a decrescere, come è successo nel settore turistico e della ristorazione, l’intera economia ne risentirà anche in futuro.

Per tale motivo, l’associazione delle reti franchising, chiede al Governo di varare al più presto delle misure in grado di aiutare non solo le imprese ma anche i commercianti colpiti dalla crisi Coronavirus, a superare questo particolare e delicato periodo.

Attenzione alla salute pubblica, senza accantonare il settore commerciale

L’appello che arriva direttamente da Italo Bussoli è quello di fare attenzione alla salute pubblica, mettendo in campo tutte le misure di cura e prevenzione, ma senza dimenticarsi del settore commerciale ed economico. Il rinvio delle scadenze e degli adempimenti fiscali dei professionisti, gli indennizzi per i lavoratori autonomi in piena difficoltà, favorire una moratoria sui mutui e l’uso delle previdenze salariali, sono solo alcuni esempi di misure a sostegno dei professionisti e dei lavoratori. Purtroppo non è possibile conoscere l’evolversi della situazione Coronavirus, per questo l’allerta deve rimanere alta senza trasformarsi in panico e psicosi pubblica. Dall’altra parte le imprese devono essere sostenute e tutelate, per evitare la bancarotta con conseguenze su tutto l’assetto economico italiano. Superare questa situazione difficile non è impossibile, tuttavia serve la collaborazione di tutti e la vicinanza del Governo, non solo da un punto di vista sanitario ma anche economico.

CATEGORIES
TAGS
Share This

Commenti

Wordpress (0)