Cosa scrivere su Facebook e cosa no: ecco 10 cose da non postare mai

Cosa scrivere su Facebook per sfruttarne a pieno le potenzialità senza commettere passi falsi che possono ritorcersi contro di noi? Siamo abituati a condividere online molti dettagli delle nostre vite private ma quale dovrebbe essere il limite quando postiamo informazioni che riguardano noi, la nostra famiglia e i nostri amici? In particolare quali sono le …

Leggi tutto

Età o voto di laurea: cosa conta di più nel curriculum?

voto-di-laurea

“Prendere 110 e lode a 28 anni non serve a un fico, è meglio prendere 97 a 21”. Così si è espresso il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, durante la convention di apertura della manifestazione Job&Orienta, tenutasi la scorsa settimana a Verona. E il dibattito sul rapporto tra l’età e il voto di laurea si è acceso immediatamente. Tanti hanno considerato fuori luogo l’esternazione del Ministro, reo di non avere una laurea ed aver riassunto in un concetto stringato una realtà complessa.

voto-di-laurea
image by Rawpixel.com

Tralasciando le polemiche, proviamo ad analizzare alcuni dati. Secondo il XXVII Rapporto di AlmaLaurea, reso noto lo scorso giugno e condotto su circa 270 mila laureati nel 2014 in 72 università italiane, l’età media dei laureati triennali è di 25,3 anni, 26,9 per i laureati magistrali e 27,7 per i laureati magistrali biennali. Passando ai voti, la media dei laureati triennali è di 99,4, quella dei  laureati magistrali di 103,8, e dei magistrali biennali 107,5.

I fuori corso sono il 44% tra i laureati triennali, il 34% tra i laureati magistrali e il 54% tra i magistrali biennali. Dati alla mano, si scopre subito che sono tanti gli studenti che non riescono a terminare il ciclo di studi nei tempi canonici. A completare il quadro si aggiungono anche i dati sul calo delle immatricolazioni e sulle difficoltà nel trovare lavoro, evidenziati sempre da AlmaLaurea. Dopo la Spagna siamo il secondo paese europeo per minor numero di diciannovenni immatricolati: solo 3 su 10.

Dal 2003 (anno del massimo storico di 338 mila) al 2013 (con 270 mila) le immatricolazioni sono scese del 20%. La diminuzione, secondo l’indagine, è dovuta a vari fattori: il calo demografico, la diminuzione degli immatricolati in età più adulta, le scarse opportunità occupazionali dei laureati, la crescente difficoltà di tante famiglie a pagare la retta universitaria, l’incidenza del crescente numero dei figli di immigrati e le politiche di sostegno allo Studio insufficienti. L’unico dato che viene riconfermato è il maggior tasso di occupazione dei laureati rispetto ai diplomati.

Leggi tutto

Errori al colloquio: 10 modi in cui stai sabotando il tuo

perdere-il-lavoro

Ognuno di noi si è trovato almeno una volta nella vita di fronte ad un colloquio di lavoro andato male. Gli errori al colloquio sono frequenti: quante volte la famigerata frase “le faremo sapere”non ha avuto in realtà alcun seguito?

errori-al-colloquio
image by Eviled

Siamo sicuri che lo svolgersi del colloquio ci abbia davvero reso giustizia? Purtroppo capita spesso che parecchie persone si tirino la nota “zappa sui piedi” da soli, senza l’aiuto di nessuno! Errori inconsapevoli che però non fanno altro che inviare segnali negativi all’interlocutore e farci compiere passi falsi in grado di auto-sabotare il nostro tanto atteso colloquio di lavoro.

10 modi di auto-sabotarsi senza accorgersene: i più frequenti errori al colloquio

Leggi tutto

3 cose che puoi scrivere nel tuo CV al posto degli “Obiettivi”

Scrivere il curriculum

La sezione in cui il candidato enumera i suoi obiettivi: a lui non piace scriverla, ai datori di lavoro non interessa leggerla. Inizialmente inserirla nel CV era interessante, perché permetteva di spiccare sulla massa con delle informazioni che nessuno enunciava. Ma ora che tutti inseriscono la sezione “Obiettivi” nel proprio curriculum è davvero inutile che ci sia anche nel tuo.

Quindi noi di Bianco Lavoro vogliamo darti tre consigli su informazioni interessanti per il datore di lavoro che puoi scrivere al posto degli obiettivi. La cosa davvero interessante di questa scelta è che il tuo CV spiccherà sugli altri grazie ad elementi che gli altri curricola non riportano.

Curriculum Vitae

Leggi tutto

L’outplacement e la ricollocazione del personale

L’outplacement è un servizio di consulenza, di supporto, per il ricollocamento del personale in uscita dall’azienda, la quale, richiede tale prestazione a società specializzate nel settore che aderiscono all’AISO (Associazione Italiana Società di Outplacement) e accreditate dal Ministero del Lavoro, come le Agenzie per il lavoro, (tipologia “d” secondo la codifica della legge) operative dall’entrata in vigore del dlgs 276/03 (Legge Biagi). L’outplacement, che letteralmente significa piazzare, collocare fuori, nasce in USA negli anni ’60 dove fu utilizzato per la prima volta dalla Nasa in seguito alla famosa missione che portò allo sbarco dei primi uomini sulla Luna (Progetto Apollo) la quale, al suo termine, si vide costretta a ridurre notevolmente il numero del personale specializzato. L’ente spaziale americano, invece di procedere con il licenziamento, fece richiesta del servizio di outplacement riuscendo a riqualificare e a riposizionare professionalmente molti dei suoi dipendenti in altri settori e contesti lavorativi. Il servizio di outplacement ha quindi l’obiettivo di “favorire il ricollocamento ” e la riqualificazione di persone che si trovano a perdere il posto di lavoro.

 

Outplacement

 

L’outplacement  come guida

Leggi tutto

Lavorare a Miami

lavorare a miami

Vivere e lavorare a Miami: consigli, informazioni, le difficoltà burocratiche per il trasferimento e le opportunità che la città offre.

Lavorare ad Ibiza

lavorare a Ibiza

Sempre a proposito di posti stupendi, oggi vi proponiamo la guida per trasferirsi e lavorare ad Ibiza. Ibizia è una delle isole Baleari, ha circa 133mila abitanti, è situata nel Mare Mediterraneo ed è di proprietà della Spagna. Insieme a Formentera forma le isole Pitiuse. Il centro principale di Ibiza (isola) è Ibiza (città).

lavorare a Ibiza

Il nome ufficiale catalano (l’unico da loro utilizzato) è Eivissa, mentre dagli spagnoli e dagli abitanti delle altre nazioni del Mondo è conosciuta come Ibiza.

Economia ad Ibiza

Si può affermare che quasi il 90% dell’economia delle isole Baleari si fondi sul turismo. Le Baleari sono considerate dagli spagnoli il Paradiso in Terra e rappresentano anche una delle mete turistiche favorite degli italiani. Un ritmo di vita lento e rilassante, il sole, il mare ed una movida che ripropone gli stili e le atmosfere del Belpaese hanno fatto sì che la maggior parte dei club alle Balerari annoverino almeno un italiano tra i proprietari.

Leggi tutto

Il tuo profilo Linkedin: 6 modi davvero efficaci per potenziarlo

Il tuo profilo Linkedin

Scegli con cura la foto Hai un profilo Linkedin ma non sei sicuro della sua efficacia? Bando alle ciance, ecco 6 modi davvero efficaci per potenziarlo e renderlo più performante che mai. Con oltre 300 milioni di profili online, Linkedin è diventato il principale social media per professionisti e permette ai propri membri di creare …

Leggi tutto

Le faremo sapere

Spesso capita di affrontare dei colloqui di selezione lavoro e di essere liquidati con il classico “Le faremo sapere”… ma quando mai?!… Se a qualcuno è arrivata una chiamata o una email avente come contenuto l’esito, seppur negativo… faccia un fischio.

Ancora più frequentemente capita di inviare CV a destra e a manca senza ricevere uno straccio di risposta sia pure un “non ti vogliamo, non ci servi, cerca altrove, il CV non va bene”, certo non rincuorerebbe come risposta ma almeno sarebbe un flebile segnale di una qualche presenza dall’altra parte del “mondo del lavoro”…

Infine le “motivazioni della esclusione dopo un colloquio”, che tanto bene farebbero ai candidati per potersi migliorare, sono non rare ma assolutamente uniche se non pari a zero (se togliamo ovviamente le falsissime motivazioni del tipo “lei è troppo qualificata/o”… che servono solo a non dare reali le motivazioni).

Leggi tutto

Prepararsi per un colloquio di selezione: alcuni spunti

Prepararsi per un colloquio di lavoro può essere utile per affrontare la situazione con maggiore sicurezza e per conseguire un risultato migliore. Ecco alcuni passaggi da percorrere per presentarsi al meglio.

1) La prima fase, richiede la preparazione di una scaletta di autopresentazione. La scaletta si differenzierà in base al fatto di avere già un’esperienza professionale o meno.

Per chi già lavora:

– preparare una sintesi delle competenze ed esperienze maturate;

– una lista delle aziende in cui si è lavorato;

– descrizione delle posizioni ricoperte;

– principali progetti affrontati; risultati ottenuti;

– motivi per i quali si è cambiato lavoro.

Per un giovane senza esperienza invece è necessario preparare:

Leggi tutto

Linguaggio del corpo – 4 Esercizi di comunicazione non verbale

Riuscire ad interpretare i messaggi del linguaggio del corpo è un’arma vincente in ogni situazione della vita soprattutto quella lavorativa. E’ facile cadere in generalizzazioni alienanti che prevedrebbero di impararle a memoria tutte e usarle all’occorrenza. E’ sicuramente una via. Quella che vi consiglio io invece è quella della sperimentazione personale che passa semplicemente attraverso …

Leggi tutto