Simulimpresa: gli studenti universitari imprenditori in aziende virtuali

Un iter formativo innovativo, denominato Simulimpresa che si pone l’obiettivo di approfondire la conoscenza del sistema delle imprese partecipando alla gestione quotidiana di tutti gli ambiti operativi

Da circa 10 anni, l’Università di Bologna promuove, presso il Campus di Forlì nell’ambito della Scuola di Economia, un iter formativo decisamente innovativo, denominato Simulimpresa e coordinato dal prof. Daniele Gualdi, professore a contratto all’interno del Dipartimento di Scienze Aziendali.


Il percorso formativo di Simulimpresa

Simulimpresa

Il percorso formativo, che presenta una durata di 6 mesi, si avvale anche del sostegno economico di Ser.In.Ar. società pubblica degli Enti locali forlivesi e cesenati, attiva da oltre 30 anni dapprima quale facilitatore del decentramento dell’Università di Bologna a Forlì e Cesena, e ora impegnata nel sostegno complessivo delle attività didattiche e di ricerca, specie in funzione di una connessione con il tessuto economico ed imprenditoriale del territorio.

Il corso in Simulimpresa, facoltativo per gli studenti universitari, si pone l’obiettivo di approfondire la conoscenza del sistema delle imprese, basandosi su un concetto chiave, ovvero che la modalità ottimale per apprendere i meccanismi aziendali è quella di partecipare alla gestione quotidiana di tutti gli ambiti operativi di un’impresa, più che assistere a lezioni frontali teoriche, seppur importanti. Da questa certezza è nata l’idea di creare un iter formativo che, tramite la creazione di aziende virtuali, permette agli studenti di esserne protagonisti e di gestirne direttamente ogni processo.

Lo sviluppo dell’attività di rete

Questo principio – spiega il prof. Daniele Gualdici ha guidato fin dalla prima edizione del corso, quando creammo un’impresa virtuale denominata Perting, attiva nell’ambito ICT, all’interno della quale il gruppo degli studenti (circa una trentina) hanno potuto cimentarsi nella gestione, sviluppando l’attività in rete con il Network Programma Simulimpresa (organismo che associa ben 500 imprese virtuali a livello nazionale) e con Europen Pen International (un network mondiale a cui fanno riferimento 7.500 aziende virtuali). Nel corso dell’anno accademico 2019/2020 si è registrato un aumento considerevole dell’apprezzamento da parte degli studenti per questo iter formativo: si è infatti passati dai 30 iscritti a 76 giovani, che si sono avvicinati al corso. Per soddisfare, quindi, questo crescente interesse, abbiamo fondato altre due imprese virtuali: alla prima abbiamo dato il nome di Soft Light Culture, in quanto l’attività si sviluppa nell’ambito dei beni culturali e alla seconda di Future Energy, visto che il settore di intervento è quello del risparmio energetico”.

prof. Daniele Gualdi

Concretamente, quindi, gli studenti di Simulimpresa sono stati divisi nelle tre imprese virtuali e, all’interno di ciascuna di esse, sono inseriti nei vari comparti operativi che vanno dall’amministrazione alla gestione del personale, dal marketing alla commercializzazione dei prodotti e dei servizi. Ogni reparto sviluppa la propria attività esattamente come si trattasse di un’azienda reale, producendo tutti i documenti necessari (fatture – ddt – contratti ecc…), elaborando strategie gestionali e di marketing, con l’unica variante, ovvero la mancanza dello scambio materiale dei prodotti e dei servizi. In particolare, per quanto concerne la commercializzazione virtuale, le tre aziende operano su un vastissimo panorama internazionale, grazie ai rapporti con i due network citati in precedenza.

Le fiere specializzate nelle imprese virtuali

Non mancano, nel comparto delle imprese virtuali, le fiere specializzate, come avviene per ogni altro settore merceologico. A questo proposito il gruppo degli studenti guidati dal prof. Gualdi, oltre ad aver partecipato negli anni scorsi al Global Business Studies a Manhattan (New York), evento che si sviluppa con sfide su case history fra aziende simulate di varie nazioni, da tre anni prende parte alla Fiera delle imprese simulate, in Germania, specificatamente a Mannheim (Germania). L’ultima edizione dell’evento (che si è svolta dal 18 al 21 novembre 2019) ha visto la presenza di 51 studenti provenienti dalla Romagna, che hanno allestito un proprio stand, presentando le proprie tre aziende virtuali. In quel contesto i giovani universitari del corso Simulimpresa hanno avuto la possibilità di intrattenere relazioni face to face con rappresentanti di altre imprese similari, costruendo relazioni importanti, che avranno certamente una ricaduta benefica sullo sviluppo delle attività future.



CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (0)