Bonus Irpef e taglio del cuneo fiscale: più soldi in busta paga

Arriva il bonus Irpef ed il taglio del cuneo fiscale a favore dei lavoratori dipendenti. Fino a 1200 euro in più in busta paga

Arriva il bonus Irpef e il taglio del cuneo fiscale voluto fortemente dal Governo. I lavoratori dipendenti potranno beneficiare fino a 1.200 euro in più in busta paga, con una notevole diminuzione delle trattenute. Vediamo di capire che cos’è il bonus Irpef, come funziona e chi sono i beneficiari.


Bonus Irpef e taglio del cuneo fiscale

Ci sono interessanti e rilevanti novità per i lavoratori dipendenti. Arriva il taglio del cuneo fiscale, una manovra fortemente voluta dal Governo, per risollevare le sorti di molti lavoratori, sulle cui spalle gravava una forte pressione fiscale. Una notevole riduzione del cuneo fiscale sui redditi da lavoro dipendente, che porteranno a meno trattenute e più soldi in busta paga, fino a 1.200 euro in più all’anno. Si tratta di un generale abbassamento delle imposte sui redditi da lavoro dipendente, per cui i lavoratori non dovranno presentare alcuna domanda perché si ritroveranno il beneficio direttamente in busta paga, sottoposta a meno trattenute e ad un importo di denaro più elevato. Misura tanto attesa dai lavoratori, che finalmente potranno concretamente beneficiare di più denaro, senza essere sottoposti ad elevata tassazione.

Chi sono i beneficiari del bonus Irpef

Sorge spontanea una domanda: chi sono i beneficiari del bonus Irpef 2020? I sostegni andranno a favore di una platea di oltre 16 milioni di beneficiari, con redditi fino a 40 mila euro all’anno. In particolare, i lavoratori con un reddito annuo fino a 28 mila euro, riceveranno in busta paga una somma pari a 600 euro fino al mese di dicembre. Non è tutto, in quanto i soggetti con reddito annuo dai 28.001 ai 40 mila euro potranno godere di una detrazione dell’imposta lorda di importo decrescente. Man mano che ci si avvicina ai redditi di 40 mila euro all’anno, la detrazione diminuisce progressivamente fino ad azzerarsi completamente. Si calcola che i lavoratori dipendenti, grazie al taglio del cuneo fiscale e del bonus Irpef, potranno arrivare a beneficiare di 1.200 euro in più in busta paga. Una notizia che ha senza alcun dubbio fatto la felicità di tanti contribuenti.

Cosa cambia per i lavoratori dipendenti

Da questo mese ci sono delle novità per i lavoratori dipendenti. Questi grazie al taglio del cuneo fiscale potranno gioire di una busta paga più consistente. L’agevolazione fiscale derivante dal bonus Irpef 2020, sarà erogata in maniera differente, senza che i beneficiari, rientranti nei limiti reddituali previsti, debbano presentare apposita richiesta. Nello specifico, l’agevolazione è erogata in base al reddito dei lavoratori:

  • limite di reddito pari a 28 mila euro: sono previsti 100 euro al mese in più per i dipendenti;
  • dipendenti con un reddito tra i 28. 001 ed i 35 mila euro: previsti 80 euro in più al mese;
  • da 80 euro a 0 euro per i lavoratori dipendenti con un reddito dai 32.001 fino ai 40 mila euro.

Come abbiamo accennato in precedenza, man mano che ci si avvicina ai 40 mila euro, l’importo del beneficio diminuisce, fino ad azzerarsi completamente.

Bonus Irpef: una platea più ampia di beneficiari

Il peso fiscale sulle spalle dei lavoratori si era fatto particolarmente pesante. Per questo motivo, già prima dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, il Governo aveva manifestato la sua volontà a ridefinire tutto il sistema di tassazione sui redditi dei lavoratori. Così il taglio del cuneo fiscale, annunciato nell’ultima Legge di Bilancio, diventa una realtà a partire da luglio 2020. Tra le novità anche l’aumento della platea di beneficiari, con l’estensione del limite massimo reddituale portato ora a 40 mila euro. Il settore del pubblico impiego, con particolare attenzione alla sanità ed istruzione, sarà quello maggiormente interessato dal bonus Irpef 2020.

Ricordiamo che questa strategia oltre a voler risollevare le sorti di tanti lavoratori, ha anche lo scopo di far risollevare i consumi dopo il lungo periodo di lockdown. Bisogna creare le condizioni giuste per invogliare i contribuenti a spendere e far girare l’economia, anche attraverso una tassazione ridotta ed una busta paga più consistente.



CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (0)