Le 5 strategie per il tuo Personal Branding

Come vendersi al meglio sul web grazie all'attenzione per la propria immagine in rete

Attraverso l’uso di questo metodo chiamato personal branding possiamo aiutarci a definire i nostri punti di forza. Fare luce sulle nostre competenze e abilità e migliorare il nostro stile è necessario per far sì che il nostro marchio ( possiamo essere anche noi stessi) comunichi esattamente quello che vogliamo.


Il nostro messaggio deve poter arrivare nella maniera più efficace possibile alla fetta di mercato di destinazione e per fare questo ho delineato alcuni semplici punti.

La parola chiave che dovete avere bene in mente è l’empatia, l’unica che può aprire le porte del cielo verso un perfetto lavoro di personal branding. Empatizzare efficacemente con il proprio pubblico è tutto. Bisogna creare l’oggetto del desiderio e se il lavoro di personal branding è svolto in maniera ottimale, sarà capace di generare attenzione verso di te, così da poter sviluppare un certo interesse per il tuo mondo.

Essenziale è sapersi differenziare dalla folla, ma anche saper creare una certa dose di fiducia rispetto alla tua nicchia di destinazione.

1) Mettici (la stessa) faccia
Usa la stessa foto sui vari social, un buon primo piano che sia di qualità è fondamentale per iniziare a creare un buon clima di fiducia, tante foto diverse e ancor peggio scadenti se ci pensate bene, rimandano immediatamente a un senso di confusione, noncuranza e idee poco chiare.

2) Tu sei il tuo sito
Il tuo sito deve avere un aspetto professionale, il tuo indirizzo deve contenere il tuo nome insomma deve essere riconducibile a te, al tuo prodotto in maniera chiara. Attenzione anche al layout del tuo sito. Il colore principale prendente nelle tue pagine deve essere in linea con tutti i tuoi social e mi raccomando anche il carattere che usi deve essere di chiara e immediata comprensione, meglio restare sulla semplicità.

3) Una perfetta tag-line è alla base del successo
Stiamo parlando di trovare una frase che sia breve, accattivante e coinvolgente seppur diretta e con la capacità di riassumere istantaneamente la vocazione, le doti è il significato di ciò che vogliamo vendere. Questa frase riassuntiva va collocata vicino al logo o al titolo, in un punto estremamente visibile perché il suo scopo è quello di attrarre, promettere ed evocare, ma anche per avere un’idea immediata di che cosa tratterà il sito. Una buona tagline deve contenere informazioni precise e chiare nonché leggibili e non deve replicare il pay-off.

4) Autovalutazione
Prima di qualsiasi cosa è importante sapere cosa sai fare, quali sono le competenze acquisite, dove vuoi arrivare e ancora più importante capire qual’è il tuo fine. Non puoi venderti in maniera ottimale se vendi confusione. Per empatizzare al meglio con la tua nicchia devi emanare sicurezza e credibilità e prima di qualsiasi cosa devi avere le idee chiare su chi sei e cosa vuoi.

5) Ad ognuno la propria nicchia
Studia le persone che sono interessate ai tuoi prodotti o servizi. È importante capire bene a che categoria di pubblico si rivolge il nostro prodotto o servizio e a quali nicchie di consumatori. Individuare queste informazioni aiutano ad anticipare e prevedere i bisogni della propria nicchia di riferimento.
In conclusione fare personal branding significa delineare un processo strategico per scovare i propri punti di forza. Capire quello che ci rende unici e differenti rispetto ai nostri competitor è essenziale, come saper comunicare in maniera efficace cosa sappiamo fare, perché lo facciamo e quali benefici siamo in grado di offrire.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati su Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito):

SI, voglio offerte di lavoro



CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (1)
  • […] ne vengano a conoscenza. Occorre, insomma, comunicarlo in maniera efficace (è il processo di “personal branding“), soprattutto a chi si occupa di selezionare il personale. I reclutatori sono alla continua […]