Aprire un negozio di abbigliamento in franchising: come fare e lista migliori franchisor

Scopriamo quali sono i vantaggi di aprire un negozio di abbigliamento in franchising, quali sono le catene di abbigliamento a cui ci si può affiliare e quali condizioni di affiliazione bisogna valutare nella scelta di entrare in una catena di negozi di abbigliamento.

In questo articolo ti spiegheremo perché aprire un negozio di abbigliamento in franchising, come fare e quali sono i requisiti necessari. Concluderemo con una selezione di cinque marchi che offrono l’opportunità di affiliazione, con investimenti diversi tra loro.


Quali i vantaggi specifici del Franchising nel settore dell’abbigliamento?

negozio abbigliamento in franchising

Il Franchising è una formula che è praticamente nata nel settore dell’abbigliamento. Benetton è stata maestra nell’utilizzare questo sistema per creare velocemente una rete di vendita internazionale, e rimane tutt’ora l’esempio di come funziona il Franchising-tipo: l’affiliato, o franchisee, apre un punto vendita rispettando le caratteristiche e le condizioni richieste dalla casa madre, e ne vende i prodotti con le politiche di prezzo e di prodotto stabilite dalla stessa.

La casa madre, o Franchisor, crea attraverso le dovute azioni di marketing, dalla pubblicità allo stesso allestimento dei negozi, un posizionamento positivo nei confronti dei consumatori. Il sistema di franchising funziona se una fascia abbastanza ampia di consumatori apprezzano talmente il prodotto da andare a comprarlo specificamente nei negozi monomarca di una certa casa produttrice. Nel contratto di Franchising quindi abbiamo un negoziante che si limita a vendere una sola marca, e dall’altro beneficia del fatto che questa marca “si venda da sola”, o quasi. Inoltre la preferenza della clientela, negli ultimi anni, è andata orientandosi sempre di più verso i negozi monomarca, fattore che rende la formula del Franchising una scelta quasi obbligata se vuoi aprire un negozio di abbigliamento.

Una buona dose di passione per il settore è certamente necessaria, ma quello che dovrai capire prima di tutto è che tipo di negozio intendi aprire. Puoi decidere se aprire un negozio indipendente o se affidarti ad una formula in franchising, che ti permette di sfruttare alcuni vantaggi, come la notorietà di una marchio già affermato, i servizi offerti dal franchisor o la presenza di un’assistenza continuativa, anche per quanto riguarda le strategie commerciali e la scelta dei capi di abbigliamento.

Anche nel settore del franchising le tipologie di negozi di abbigliamento sono molto diverse tra loro. Sicuramente scegliere in base alle tue preferenze costituirà un vantaggio per unire passione e lavoro, ma prima della scelta assicurati che la tipologia di negozio di abbigliamento che desideri aprire sia in linea con le richieste del mercato. Per aiutarti nel valutare le opportunità, tra qualche riga ti indicheremo alcune delle idee che abbiamo trovato. Vediamo però prima i requisiti necessari per questo tipo di attività.

Quali condizioni di affiliazione bisogna valutare?

Al ragionamento sviluppato nel paragrafo precedente consegue un’ampia differenziazione nelle condizioni per affiliarsi, a seconda se la rete a cui ti vuoi aggregare sia già affermata, o se sta muovendo i primi passi. Per rete già affermata ci riferiamo ad un marchio già molto ben apprezzato dal pubblico, o che ha già una elevata diffusione in termini di numero di negozi a livello nazionale. O entrambe le condizioni. Un marchio già affermato richiederà condizioni più onerose per affiliarsi: negozi di dimensioni maggiori, o allestiti in modo più complesso (e costoso), e condizioni strettamente economiche più gravose: quote di entrata (o fee di ingresso), royaltyes, e condizioni di pagamento meno “vantaggiose”. Il tutto in cambio di un prodotto che si vende facilmente. In breve, più un prodotto sarà conosciuto, apprezzato e facile da vendere, più difficile sarà entrare “nel club” di coloro che lo vendono.

Le condizioni di affiliazione che le catene in cerca di nuovi franchisee rendono note, riguardano la superficie minima che deve avere un punto vendita, il costo per allestirlo (mobilio, pavimentazione, illuminazione, altri allestimenti), gli altri costi di avvio (strumentazione informatica, formazione, prima fornitura della merce), e l’investimento minimo necessario, che è una risultante delle condizioni precedenti. L’investimento necessario deve poi essere indicato nel contratto di affiliazione, a norma di legge, oltre a tutta una serie di altri dati da tenere presente quando si apre in Franchising.

Titoli e requisiti

Per aprire il tuo negozio di abbigliamento in franchising (e non), non avrai bisogno di un titolo di studio particolare. Sicuramente almeno un po’ di esperienza nel settore potrebbe esserti di aiuto. Se non ne hai, considera l’opportunità di frequentare un corso specifico, soprattutto per quanto riguarda la gestione del negozio ed i rapporti con la clientela. Oltre all’esperienza infatti, un requisito necessario è sapersi relazionare con i clienti. Tieni presente che si tratta di un settore in cui le richieste e le esigenze dei clienti potrebbero essere piuttosto impegnative da gestire, come del resto avviene con tutti i lavori a contatto con il pubblico.

La scelta del negozio

Un aspetto fondamentale per l’apertura di un negozio di abbigliamento in franchising è la scelta dello spazio commerciale, cioè del tuo futuro negozio. Alcuni franchisor richiedono un caratteristiche specifiche riguardo ai punti vendita, sia per quanto riguarda la metratura sia per la collocazione del punto vendita. In generale considera che un negozio di abbigliamento avrà maggiori possibilità di successo se collocato in una zona di forte passaggio e con ampie possibilità di parcheggio. Importante e anche la presenza di una o più vetrine sia per esporre la merce in vendita sia per dare maggiore visibilità al negozio stesso. Prima della scelta e valuta anche le caratteristiche del negozio per quanto riguarda la struttura e l’accessibilità. Ti consigliamo di verificare presso l’azienda sanitaria locale competente per la zona di ubicazione del negozio, il rispetto di norme specifiche per questa tipologia di esercizio commerciale.

Autorizzazioni e apertura

L’apertura di un negozio di abbigliamento in franchising è piuttosto semplice per quanto riguarda le autorizzazioni. Non avrai infatti bisogno di permessi specifici, se non il rispetto della normativa in vigore. Considera che dovrai essere necessariamente in possesso di una partita IVA o eventualmente costituire una società, soprattutto nel caso in cui siano coinvolte più persone. Dovrai in seguito comunicare l’inizio di dell’attività, assicurandoti che tutte le persone coinvolte siano in regola per quanto riguarda i permessi di lavoro, inclusa l’iscrizione Inps e Inail. Da questo punto di vista alcuni franchisor offrono un’assistenza specifica per tutto il periodo di pre apertura dell’esercizio commerciale.

Cinque opportunità per aprire un negozio di abbigliamento in franchising

Andiamo a presentare le catene di abbigliamento a cui ti puoi affiliare: una discriminante principale nella scelta di quale Franchisor prendere in considerazione è se ha già punti vendita nella tua zona. Inoltre possiamo fare una prima scrematura in base al capitale che puoi investire, confrontandolo coi capitali minimi di avviamento dichiarati dalle varie catene. L’investimento minimo di norma comprende l’allestimento del negozio (arredi, attrezzature, pavimentazione, luci), l’infrastruttura informatica e la prima fornitura della merce. Le prime due grandezze di norma sono espresse in un costo medio per metro quadro. Di partenza, ogni catena richiede una superficie minima del locale di vendita, in ossequio al negozio-tipo del marchio. Abbiamo quindi selezionato per te cinque tra le migliori opportunità che il mercato offre in questo momento per l’affiliazione in franchising. Come vedrai si differenziano tra loro per tipologia di negozio, per i requisiti e anche per l’investimento necessario.

Overkids

Il marchio Overkids nasce nel 2010 a Lecce ed è oggi presente in tutta Italia con più di 140 punti vendita. L’azienda si dedica sia alla produzione sia alla distribuzione di abbigliamento da 0 a 16 anni. Il marchio unisce stile a funzionalità, glamour e praticità. La formula in franchising con produzione diretta consente ad offrire prodotti di qualità a prezzi competitivi.

  • Investimento iniziale: da 10.000 euro  ( 150 euro/mq circa per allestimento negozio e 1.000 euro circa per il sistema informatico)
  • Dimensioni punto vendita: 80/120 mq, oltre ad un piccolo magazzino
  • Vantaggi: merce in conto vendita con reso dei capi invenduti a fine stagione, assistenza e supporto professionale continui, riassortimento automatico, corso teorico, campagne pubblicitarie e comunicazione. 

Piazza Italia

Piazza Italia è un marchio con all’attivo più di 170 punti vendita gestiti direttamente e circa 70 negozi in franchising. Si tratta di un marchio di abbigliamento moto noto, con capi per donna, uomo e bambino. I negozi si caratterizzano per le ampie estensioni e la collocazione in centri commerciali o punti di forte passaggio. È possibile scegliere tra l’abbigliamento per soli adulti o aggiungere anche la moda bambino.

  • Investimento iniziale: 350 euro/mq circa, a seconda della formula scelta
  • Dimensioni punto vendita: a partire da 500 mq
  • Vantaggi: merce in conto vendita con riassortimento frequente, formula comprensiva di arredamento, illuminazione e sistemi gestionali del negozio.

CycleBand

Il marchio CycleBand nasce nel 1996 in provincia di Bergamo, dall’esperienza di un’azienda attiva da diverso tempo nel settore tessile. Si tratta di un marchio che produce e distribuisce abbigliamento per bambini da 0 a 14 anni, calze, scarpe, piccola pelletteria e bigiotteria. Si caratterizza per la ricerca sui materiali utilizzati e per la qualità del prodotto, pensato per durare nel tempo, garantendo nel contempo la massima sicurezza nell’utilizzo.

  • Investimento iniziale: a partire da 20.000 euro
  • Dimensioni punto vendita: a partire da 90 mq + magazzino
  • Vantaggi: nessuna fee d’ingresso, progettazione punto vendita, supporto nelle fasi iniziali, prima formazione del personale, merce in conto vendita, ritiro totale dell’invenduto a fine stagione.

Blue Sand

Blue Sand è un marchio di abbigliamento Made in Italy nato nel 2006 e oggi conta più di 60 punti vendita in tutta Italia. Il marchio propone total look per il pubblico femminile, inclusa una gamma di accessori. I punti di forza sono il rapporto qualità-prezzo anche grazie alla garanzia del prodotto made in Italy.

  • Investimento iniziale: a partire da 25.000 euro
  • Dimensioni punto vendita: a partire da 80 mq
  • Vantaggi: formazione on line e nel punto vendita, assistenza post apertura, marginalità fissa per tutto l’anno, marchio affermato in ulteriore espansione.

Kruder

Il marchio Kruder nasce a Roma, per poi diffondersi su tutto il territorio nazionale con circa 50 negozi già aperti e ulteriori venti con apertura programmata nei prossimi anni, oltre ad aperture all’estero. Il marchio produce capi total look da uomo, pensato per una fascia di età da 25 a 55 anni, adatti ad ogni contesto. Tratti distintivi sono la ricerca di un rapporto qualità/prezzo competitivo, la cura del dettaglio, la scelta delle materie prime. 

  • Investimento iniziale: a partire da 30.000 euro
  • Dimensioni punto vendita: a partire da 100 mq
  • Vantaggi: marketing gestito centralmente, strategia commerciale basata su un calendario stagionale, struttura aziendale orientata alla rete, politiche strutturate sul singolo punto vendita.

Puoi trovare molte altre opportunità di franchising nelle schede dedicate sul sito.



CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (1)
  • […] o una offerta al cliente che può rivelarsi vincente. Il sistema del Franchising è nato con l’abbigliamento e calzature, ed è stato poi applicato con successo anche al settore della ristorazione e affini, […]