Home » News Lavoro » economia e risparmio

Bonus assunzioni donne 2021: a chi spetta e requisiti per accedere alla misura

Bonus assunzioni donne 2021 ecco chi può beneficiarne ed i requisiti necessari per accedere alle agevolazioni economiche a favore dell’occupazione femminile

Condividi questo bel contenuto

Ci sono nuove agevolazioni destinate alle imprese che assumono personale femminile nel biennio 2021-2022. Parliamo di uno sgravio contributivo pari al 100% riconosciuto fino ad un massimo di 6 mila euro l’anno. Ecco chi può beneficiare del bonus ed i requisiti richiesti.

Bonus assunzioni donne 2021

linguaggio del corpo in un colloquio

Il mondo del lavoro deve essere sostenuto soprattutto in questo periodo di crisi che stiamo vivendo. Tra i tanti bonus previsti, c’è anche quello destinato alle aziende che assumono personale femminile. Parliamo delle agevolazioni per le assunzioni di donne nel biennio 2021-2022. Una misura prevista dalla Legge di Bilancio 2021. Tale bonus consiste nell’esonero contributivo per i datori di lavoro che assumono lavoratrici. Questi riceveranno uno sconto del 100% sui contributi dovuti dal datore di lavoro stesso, fino ad un massimo di 6 mila euro l’anno. Si tratta di una misura che il Governo ha messo in campo per favorire l’occupazione femminile e sostenere il mondo del lavoro. Il bonus in questione è completamente gestito dall’Inps, che nella circolare numero 32 del 22/02/2021 ha fornito le indicazioni operative in materia.

A chi spetta il bonus assunzioni donne?

Il bonus può essere concesso ai datori di lavoro nel caso in cui questi assumono donne svantaggiate, rientranti nelle seguenti categorie:

  • le donne con almeno 50 anni di età anagrafica disoccupate da più di un anno;
  • donne che risiedono nelle regioni ammesse ai finanziamenti fondi strutturali dell’Unione Europea, che siano senza un lavoro da almeno 6 mesi. In questo caso non c’è limite di età;
  • le donne residenti in qualsiasi regione, senza limiti di età, prive di un’occupazione da almeno 24 mesi;
  • donne lavoratrici nei settori economici caratterizzati da una evidente disparità di genere, non retribuite da almeno 6 mesi e senza limiti di età.

Sono queste le categorie di lavoratrici da assumere per beneficiare del bonus assunzioni donne.

I beneficiari e le assunzioni da incentivare

Come accennato in precedenza i beneficiari del bonus sono i datori di lavoro privati che assumono personale femminile nel biennio 2021-2022. Ed ancora, sono inclusi i datori di lavoro nel settore agricolo ed anche quelli che rientrano in altre particolari categorie elencate nella circolare Inps. Per quali tipologie di contratti di lavoro è possibile beneficiare del bonus? Come da regolamento, l’agevolazione assunzione donne 2021 spetta per:

  • le assunzioni a tempo determinato;
  • assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato;
  • le trasformazioni di un precedente contratto in uno a tempo indeterminato;
  • le proroghe di contratti a tempo determinato.

Va specificato che le agevolazioni valgono anche per i contratti di lavoro part-time, mentre non rientrano nel bonus i rapporti di lavoro intermittente, domestico, occasionale ed apprendistato.

L’importo e la durata del beneficio

Il bonus consiste nella decontribuzione totale del 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro. Tale agevolazione è concessa fino ad un massimo di 6 mila euro l’anno. La durata del beneficio cambia a seconda di vari fattori. In linea generale è possibile fruire della misura per:

  • un periodo di 12 mesi nel caso in cui l’assunzione di personale femminile avviene tramite contratto a tempo determinato o nel caso della proroga di rapporto a termine;
  • per 18 mesi per le assunzioni a tempo indeterminato e trasformazione di un rapporto a termine agevolato in uno a tempo indeterminato.

Sostenere l’occupazione femminile

Il mondo del lavoro deve essere sostenuto, incentivato ed aiutato soprattutto oggi che ci troviamo nel pieno di una pandemia con relativa crisi sanitaria ed economica. Per questo motivo il Governo ha deciso di sostenere anche l’occupazione femminile, concedendo ai datori di lavoro che assumono lavoratrici una serie di agevolazioni fiscali. Bisogna sempre cercare di migliorare e migliorarsi, soprattutto quando si parla del mondo professionale. Le aziende che oggi si ritrovano in una situazione particolarmente delicata a causa delle norme restrittive anti-Covid, hanno bisogno di bonus, di agevolazioni e di sostegni vari, il tutto è essenziale per cercare di sollevare un’economia che ha risentito degli effetti negativi della pandemia.

Condividi questo bel contenuto