Coworking: l’IWG sbarca in Italia con un progetto di franchising

Il coworking si afferma sempre di più. Ecco il progetto della IWG di franchising che sbarca in Italia, un mercato davvero promettente nel settore

Il mondo del lavoro è cambiato nel corso del tempo, così come sono cambiate anche le mansioni svolte ed i luoghi di lavoro stessi. L’IWG International Workplace Group annuncia di voler sbarcare in Italia con un progetto di franchising, offrendo anche nel nostro Paese opportunità ai vari professionisti interessati al settore.


coworking

 

Coworking una realtà in continua espansione

Nulla resta uguale ed immutato nel tempo, soprattutto il lavoro e tutto ciò ad esso connesso. Nel corso degli anni ci siamo abituati a repentini e veloci cambiamenti del mercato del lavoro, con la comparsa di nuove figure professionali, nuove mansioni da svolgere, nuovi strumenti da utilizzare. Tuttavia, a cambiare è anche il luogo stesso di lavoro, dove la cara vecchia scrivania, il caro vecchio ufficio sembrano ormai superati. Oggi si fa spazio, anche nel nostro Paese un concetto tutto nuovo di lavoro, ossia il coworking. Sono sempre di più le persone che lavorano da remoto, senza essere ancorati ad una postazione precisa e statica.

Il coworking è una tipologia di lavoro che si basa essenzialmente sulla condivisione di spazi comuni. Inoltre, sono in aumento anche i cosiddetti centri coworking, ossia degli spazi comuni dove i professionisti, i freelance, i manager e tanti altri, possono recarsi per lavorare da remoto. Spesso lavorare da casa può diventare monotono, così molti professionisti decidono di recarsi in questi centri sparsi un po’ su tutto il territorio.

Coworking e spazi di lavoro condivisi

Il settore degli spazi di lavoro condivisi e flessibili sta diventando particolarmente fiorente. Infatti, si calcola che entro il 2025 si avrà una crescita pari al 13% annuo, dove il 30% degli spazi immobiliari delle grandi aziende, sarà costituito da spazi di lavoro flessibili e condivisi. Per questo motivo, il Gruppo IWG leader mondiale nella fornitura di spazi di lavoro, annuncia di voler approdare in Italia con un progetto all’insegna del franchising, offrendo concrete e reali opportunità a nuovi partner. Mauro Mordini, Country Manager di IWG in Italia, sottolinea la volontà del Gruppo di dare opportunità a professionisti con solide basi finanziarie, di entrare a far parte di un mercato ormai consolidato, con un brand che ha alle spalle 30 anni di storia ed esperienza nel settore.

Come si svilupperà il programma di franchising della IWG

L’IWG ha in mente un programma franchising studiato nei minimi particolari e ben strutturato. Questo progetto, prevede un programma di sviluppo con l’individuazione dell’area geografica ed un numero ben preciso di aperture. Dunque è importante trovare la location perfetta, atta ad ospitare il maggior numero possibile di lavoratori. Solitamente, per fare questo, si punta ad un immobile di almeno 1.000 mq, in grado di ospitare come minimo 100 postazioni di lavoro. La struttura sarà poi allestita seguendo i canoni di design ed architettura che ormai distinguono gli spazi di lavoro targati IWG. Una volta individuata e creata la location perfetta, bisognerà mettere in campo una strategia di successo per aprire la postazione stessa.

Coworking in franchising: una strategia di successo

Il mercato italiano sembra essere promettente nel settore coworking, tanto da aver pensato ad un progetto di franchising, offrendo interessanti opportunità ai vari professionisti. Si tratta di un progetto innovativo in un settore promettente, che permetterà al franchising di lavorare ed utilizzare uno dei marchi più affermati nel settore, che vanta un’esperienza di 30 anni. Il piano punta ad uno sviluppo sempre maggiore e fiorente, passando dai 50 business center attualmente presenti, a 65 business center entro la fine di quest’anno. Obiettivi che si possono raggiungere senza grossi problemi, vista e considerata la rotta che il mercato del lavoro sta prendendo. Un settore in crescita ovunque, che ha già conquistato altri Paesi nel mondo ed ora punta a conquistare anche l’Italia.