Finanziamenti a fondo perduto: ecco come beneficiarne per avviare un’attività imprenditoriale

Per chi fosse interessato ad avviare una propria attività imprenditoriale, esistono i finanziamenti a fondo perduto. Ecco tutte le opportunità

Per chi fosse interessato ad avviare una propria attività imprenditoriale, ma non ha a disposizione tutti i mezzi economici per farlo, ci sono i finanziamenti a fondo perduto. Questi tipi di finanziamenti, hanno lo scopo di aiutare l’avvio di un’attività imprenditoriale, sostenendo determinati soggetti e progetti. Ecco a chi sono rivolti e come poter aderire.


Finanziamenti a fondo perduto: cosa sono?

Per tutti coloro che hanno un’idea imprenditoriale ed hanno intenzione di avviare una propria attività ma non hanno tutte le risorse economiche, sono a disposizione dei finanziamenti a fondo perduto. Si tratta di aiuti e sostegni economici, rilasciati da enti specifici, con lo scopo di promuovere ed incentivare l’attività imprenditoriale, soprattutto in zone poco sviluppate. Questi tipi di finanziamenti sono concessi senza l’obbligo di restituzione del capitale stesso, e possono diventare un’interessante forma di investimento. Solitamente, i finanziamenti a fondo perduto sono erogati da enti pubblici sia a livello europeo, come l’Unione Europea, sia a livello nazionale, come Stato, Regioni e Comuni.

Diversi bandi per i finanziamenti a fondo perduto

Periodicamente sono pubblicati differenti bandi per quanto riguarda i finanziamenti a fondo perduto. Per i finanziamenti erogati dall’Unione Europea, bisogna consultare il sito internet dell’Ue stessa, mentre per i finanziamenti erogati dallo Stato italiano è utile consultare il sito di Invitalia ossia l’Agenzia Sviluppo Italia ed anche i siti dei vai Comuni e Regioni. I bandi sono di diversa natura e generalmente si classificano in:

  • bandi sempre aperti;
  • bandi con scadenza;
  • bandi attivi su tutta la regione;
  • bandi attivi solamente in determinate aree;
  • bandi che agiscono per settore;
  • bandi che agiscono per tipologie di intervento.

Sono queste le principali tipologie di bandi per i finanziamenti a fondo perduto.

Chi può richiedere e beneficiare dei finanziamenti?

I finanziamenti a fondo perduto possono essere richiesti da differenti categorie di soggetti, che vogliono aprire una propria attività imprenditoriale ma non hanno a disposizione le risorse economiche per farlo. Tuttavia per beneficiare di questi aiuti economici, bisogna soddisfare alcuni requisiti fondamentali. Infatti, i finanziamenti sono rivolti a:

  • i giovani con età compresa tra i 18 e 35 anni;
  • le donne, con lo scopo di incentivare le imprese al femminile;
  • le nuove start-up che hanno bisogno di finanziamenti elevati per avviare la loro attività;
  • i disoccupati.

Sono questi i soggetti che possono accedere a questi tipi di finanziamento, per poter aprire la Partita Iva e avviare senza problemi la loro attività.

I requisiti richiesti

Come accennato precedentemente, ci sono tante differenti tipologie di bandi, ognuno dei quali richiede specifici requisiti di accesso. Tuttavia, generalmente i requisiti richiesti più o meno in tutti i bandi sono i seguenti:

  • il titolo di studio e le competenze connesse all’obiettivo del bando stesso;
  • la forma societaria;
  • alcuni requisiti specifici del bando, come ad esempio l’appartenenza ad una determinata area geografica;
  • la creazione di un progetto strategico di marketing, in grado di garantire l’inserimento della propria attività imprenditoriale.

Come trovare informazioni sui bandi e la documentazione da presentare

Per avere informazioni sui vari bandi, vi invitiamo a dare periodicamente uno sguardo al sito dell’Unione Europea, così come al sito dei vari comuni e regioni, oltre che a quello della Invitalia. Una volta scelto il bando che fa al caso vostro, potete procedere con la presentazione della domanda e della documentazione richiesta. In linea generale, la documentazione che viene richiesta da quasi tutti i bandi è la seguente:

  • il business plan, con tutte le informazioni economiche e finanziarie del territorio in cui si vuole avviare l’attività;
  • tutti gli obiettivi da raggiungere nel breve, medio e lungo termine;
  • tutte le spese che si vogliono sostenere con i finanziamenti messia a disposizione.

Questa ed eventualmente altra modulistica deve essere inviata con la domanda di partecipazione all’ente competente, ossia quello che ha pubblicato il bando.