Imu e Tasi: allo studio semplificazioni e tagli sul valore dell’imposta

Il Vicepresidente della Camera Alberto Gusmeroli ha presentato una proposta per accorpare Imu e Tasi. In specifici casi ci saranno dei tagli sulle imposte stesse.

Possibili novità sul fronte Imu e Tasi. In questi giorni la Commissione Finanze della Camera sta lavorando per semplificare ed apportare dei tagli sull’imposta, relativamente a determinati casi. A parlarne è lo stesso Vicepresidente della Camera Alberto Gusmeroli, l’autore della proposta denominata nuova Imu, che prevede l’accorpamento della Tasi e una notevole semplificazione dell’imposta stessa.


Imu e Tasi

Imu e Tasi le novità volute da Gusmeroli

Possibili novità a cui la Commissione Finanze della Camera sta lavorando per quanto riguarda Imu e Tasi. La proposta presentata da Alberto Gusmeroli, Vicepresidente della Commissione Finanze Camera è quella di accorpare queste due tasse sugli immobili che per alcuni aspetti sono molto simili. Inoltre, la proposta mira non solo a semplificare tutto l’iter burocratico a favore del cittadino stesso, ma anche ad apportare dei tagli sull’imposta stessa, in riferimento ad alcuni casi specifici.

Dunque, lo scopo principale della proposta connessa alla nuova Imu è quella di procedere con la fusione, il tutto a vantaggio dei contribuenti. Gusmeroli ci tiene a sottolineare che dalla fusione delle due imposte non ci saranno aumenti, anzi si sta lavorando per apportare tagli applicabili a determinati casi, come immobili occupati, fabbricati inagibili, negozi non affittati da un determinato numero di anni. Per tale motivo si stanno cercando possibili risorse da utilizzare per coprire i tagli che verranno effettuati.

La fusione Imu e Tasi a vantaggio dei cittadini

Perché continuare a tenere due imposte molto simili tra di loro? Perché dover effettuare un doppio lavoro e pagare imposte che potrebbero essere accorpate tra di loro? Sono proprio queste le domande che hanno portato ad avanzare una nuova proposta per quanto riguarda le tasse sugli immobili. La nuova Imu mira alla fusione delle due imposte senza l’introduzione di nessun tipo di aumento che possa in qualche modo gravare sulle spalle dei contribuenti. La legislazione e la burocrazia connessa ad Imu e Tasi deve e può essere semplificata secondo Gusmeroli.

Lo scopo è quello di arrivare a dei moduli precompilati che saranno inviati ai contribuenti, in cui Imu e Tasi sono accorpate tra di loro. Inoltre saranno possibili anche dei tagli sul peso della tassazione, in riferimento a casistiche specifiche. Ovviamente per fare tutto questo, bisogna trovare delle risorse che vadano a ricoprire i tagli stessi. La collaborazione con i differenti Comuni risulta altrettanto importante e necessaria per il raggiungimento nel minor tempo possibile dei fini prefissati.

Imu e Tasi: più margini di libertà agli enti locali nella riduzione delle imposte

Tra le tante proposte, anche quella di procedere con l’introduzione di una nuova normativa che preveda margini di libertà maggiore agli enti locali, nella riduzione delle imposte stesse. Secondo Gusmeroli, lasciare maggiore libertà agli enti locali, significa spingere il tutto verso una maggiore virtuosità. Inoltre, per quanto riguarda la maggiorazione della Tasi che viene applicata in alcuni casi, lo scopo è quello di ridurre l’imposta attraverso un piano di ammortamento, il tutto per dare la possibilità ai Comuni, di poter rientrare con i tagli alle spese.

Si spera che le nuove regole connesse ad Imu e Tasi a cui le forze politiche stanno lavorando, possano entrare in vigore in tempi brevi. Lo stesso Gusmeroli ha indicato il 1°gennaio 2020 come possibile data in cui i contribuenti potranno vedere semplificate e ridotte le imposte sugli immobili. Vedremo come si evolverà la questione nel corso dei mesi, una questione che vuole mettere al centro di tutto i cittadini con le loro esigenze ed il loro benessere. Sembra un paradosso ma il peso della tassazione in Italia deve abbassarsi se si vuole puntare ad una ripresa sia economica che sociale.

 

CATEGORIES
Share This