Lavoro digitale e nuove generazioni: “Da grande voglio fare lo YouTuber”

I bambini sono sempre più attratti dal web e dalle figure che operano su di esso, come ad esempio gli youtuber. Il digitale che influenza ed ha un peso nella vita dei più giovani e non solo

Il fatto di essere completamente immersi in una società digitale e tecnologica è ormai un dato di fatto noto a tutti. Ma come si sentono le nuove generazioni che sono nate in queste realtà dove la parola d’ordine è il digitale? Lo studio della Bicocca, l’Università di Milano, ha reso noto come i bambini sono sempre più attratti dal web ed in particolare dalla figura dello youtuber, che considerano un vero e proprio lavoro a cui aspirare.


“Da grande voglio fare lo YouTuber”

I lavori legati al mondo digitale sono molti e soprattutto in continua evoluzione. Parliamo di alcune figure ormai note, come ad esempio gli influencer, youtuber, fashion blogger e tanti altri ancora, che hanno come parola d’ordine il digitale e la tecnologia in generale. Oggi siamo completamente immersi in questa società tecnologica, tanto che ci sentiamo persi senza i nostri cellulari, ed altri dispositivi elettronici che ormai fanno parte del quotidiano. Il peso del digitale è sentito maggiormente dalle nuove generazioni che sono nate, possiamo dire, con i cellulari e dispositivi elettronici in mano. I bambini sono dei veri e propri esperti di questi dispositivi, molto più degli adulti ed anziani, che si sono dovuti abituare al digitale con il tempo.

Interessanti risultati sono emersi dalla ricerca denominata “Da grande voglio fare lo YouTuber: i bambini, le professioni e la rappresentazione della mobilità sociale”, condotta da Emanuela Rinaldi, ricercatrice in Sociologia dei processi culturali e comunicativi dell’Università di Milano-Bicocca. Si tratta di uno studio condotto su un campione di bambini, proprio per far luce sul loro rapporto con il web.

Il lavoro e le aspirazioni  delle future generazioni

La ricerca ha visto protagonisti i bambini, coinvolgendo 1.600 alunni delle scuole primarie con un’età compresa tra gli 8 e 10 anni. Emerge subito un notevole coinvolgimento dei bambini nei confronti del web ed in particolare per determinate figure che operano su di esso. Lo youtuber per i più piccoli è considerato un vero e proprio lavoro a cui aspirare per raggiungere la fama e la notorietà. L’influenza del web pesa molto sui più giovani, che in vari canali YouTube hanno scoperto i loro idoli e figure di riferimento, spesso si tratta di giovanissimi. Tuttavia, la ricerca ha anche messo in evidenza come il 26,7% degli intervistati vede al proprio futuro in termini di incertezza, mentre per il 3,3% cresce l’attenzione ed ammirazione nei confronti delle professioni web come youtuber, fashion blogger e tanto altro.

La presentazione della ricerca

La ricerca “Da grande voglio fare lo Youtuber: i bambini, le professioni e la rappresentazione della mobilità sociale” sarà presentata presso la Bicocca di Milano questo venerdì, in occasione del mese dell’educazione finanziaria. All’evento parteciperà lo youtuber Marcello Ascani, che incontrerà gli studenti e racconterà la sua esperienza con il web, come è riuscito ad affermarsi nel settore facendo crescere il suo canale, dandogli un tocco di originalità che può garantire buoni risultati ed ottima visibilità. Un appuntamento da non perdere che vuole fare chiarezza su un mondo che ormai non possiamo ignorare, in quanto fa parte della nostra vita e che nel bene o nel male condiziona le nuove generazioni nelle loro scelte, passioni e decisioni.

Lo youtuber chi è e cosa fa?

I più giovani già sapranno chi è lo youtuber e cosa fa. Si tratta soprattutto di giovani che sono diventati un punto di riferimento per gli altri. Lo youtuber è chiunque carica un proprio video su YouTube, ed inizia così ad essere seguito. Il contenuto dei video pubblicati può essere il più svariato, dai tutorial ai commenti su videogames, dal semplice racconto di esperienze di vita a contenuti musicali e tanto altro. L’importante è che tutte le pubblicazioni siano originali, in maniera da richiamare l’attenzione degli altri ed aumentare la visibilità del proprio canale web.  Per essere youtuber non serve altro che una videocamera, connessione ad Internet, crearsi un canale su YouTube, scegliere un argomento capace di attirare l’attenzione di molti.

La figura dello youtuber guadagna a seconda del numero di followers, dei like e delle visualizzazioni dei vari video caricati. Solitamente si ricevono da YouTube 7 euro lordi ogni 1.000 visualizzazioni. Parliamo di cifre che non sono elevate, solitamente uno youtuber riesce ad ottenere un 1.000 euro al mese, ma questo non è una garanzia, in quanto i guadagni, come già detto, dipendono tutti dal numero delle visualizzazioni. Nonostante ciò sono sempre di più i giovani attirati da questo mondo.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze: Registrati su Euspert Bianco Lavoro