Novità su rivalutazione pensioni 2020 e aumento degli assegni previdenziali

Fissato allo 0,4% il tasso di rivalutazione pensioni 2020. aumenti in previsione per tutto il prossimo anno. Ecco tutte le novità

Il nuovo anno porterà tante novità in relazione alle pensioni ed assegni pensionistici. In particolare ci riferiamo alla rivalutazione ed all’aumento delle pensioni a partire dal mese di gennaio 2020. Fissato allo 0,4% il tasso di rivalutazione, a seguito dei rilevamenti sull’inflazione e sul costo di vita effettuati dall’Istat.


La rivalutazione Istat sulle pensioni per il 2020

rivalutazione pensioni 2020

Tra le tante novità che il nuovo anno ci porterà, ricordiamo quella relativa alla rivalutazione pensioni 2020, che comporterà degli aumenti in riferimento all’ammontare degli assegni pensionistici. Che cos’è la rivalutazione? Per chi non lo sapesse, si tratta di una percentuale che viene applicata ogni anno alle pensioni erogate dagli enti previdenziali a partire dal mese di gennaio. Questo ha lo scopo di adeguare gli assegni pensionistici all’inflazione ed al costo di vita rilevato direttamente dall’Istat durante l’anno precedente. Per il 2020 il tasso di rivalutazione pensioni è stato fissato allo 0,4%, infatti il decreto Mef è già stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale confermando tale percentuale. Questo significa che l’ammontare degli assegni pensionistici, nel corso del prossimo anno, saranno diversi a quelli dell’anno scorso. Aumenti in arrivo, anche se di pochi euro, che comunque potranno dare sollievo ai tanti pensionati, che dopo una vita di lavoro possono finalmente godersi il meritato riposo.

L’aumento delle pensioni 2020

L’effetto della rivalutazione pensioni 2020 con l’applicazione della percentuale fissata allo 0,4%, comporterà degli aumenti relativi all’ammontare degli assegni pensionistici, erogati direttamente dagli enti previdenziali come ad esempio l’Inps. Tale aumento sarà ben scaglionato in 6 diverse e distinte aliquote che vi presentiamo di seguito:

  • al 100% per i redditi fino a 4 volte il trattamento pensionistico minimo;
  • il 77% per quanto riguarda i redditi fino a 5 volte il trattamento minimo;
  • il 52% fino a 6 volte il trattamento minimo;
  • 47% fino a 8 volte il trattamento minimo;
  • il 45% fino a 9 volte il trattamento minimo;
  • il 40% per tutti i trattamenti superiori a 9 volte il trattamento minimo.

Tuttavia, a partire dal 2022 gli scaglioni di riferimento diventeranno 3, in particolar modo si avrà la rivalutazione al 100% per assegni fino a 2.029 euro, rivalutazione al 90% per gli assegni tra 2.029 e 2.538 euro, la rivalutazione del 75% per gli assegni superiori i 2.538 euro. Gli aumenti previsti non saranno altissimi, infatti secondo i calcoli della Spi Cgil, si parla di circa 3 euro in più all’anno, pari a 25 centesimi in più al mese. Insomma aumento sì, ma non così elevati.

I nuovi importi delle pensioni 2020

Vediamo quali saranno i nuovi importi in riferimento alle pensioni 2020:

  • per le pensioni minime, l’aumento, dovrebbe essere di circa 2 euro, passando così da assegni di 513 euro ad assegni di 516 euro nel corso del prossimo anno, più l’eventuale integrazione della pensione di cittadinanza;
  • per l’assegno sociale 2020, si passerà dagli attuali 458 euro a 460 euro nel corso del prossimo anno, più eventuale integrazione della pensione di cittadinanza;
  • pensioni di invalidità civile, si passerà dagli attuali 285,66 euro a 286,8 euro per il prossimo anno, a cui si somma l’eventuale integrazione della pensione di cittadinanza.

Sono questi gli aumenti più importanti in previsione, che sicuramente non cambieranno la vita, ma almeno porteranno qualche spicciolo in più nell’assegno pensionistico.

Il calendario dei pagamenti delle pensioni nel 2020

Solitamente le pensioni sono erogate il primo giorno di ogni mese, fatta eccezione se tale giorno è festivo. Ecco di seguito il calendario completo che i pensionati dovranno tenere a mente, il riferimento al pagamento della pensione:

  • venerdì 3 gennaio 2020;
  • sabato 1° febbraio 2020 per l’accredito su un conto postale e lunedì 3 per gli accrediti su conto bancario;
  • lunedì 2 marzo 2020;
  • mercoledì 1° aprile 2020;
  • sabato 2 maggio 2020 per gli accrediti su conto postale e lunedì 4 per gli accrediti su conto bancario;
  • lunedì 1° giugno 2020;
  • mercoledì 1° luglio 2020;
  • sabato 1° agosto 2020 per accredito su conto postale e lunedì 3 per accrediti su conto bancario;
  • martedì 1° settembre 2020;
  • giovedì 1° ottobre 2020;
  • lunedì 1° novembre 2020;
  • martedì 1° dicembre 2020.

Sono questi i giorni in cui i pensionati potranno andare a riscuotere il loro assegno pensionistico.

CATEGORIES
Share This

Commenti