Home » News Lavoro » novità pensioni

Pensione luglio 2021: calendario e pagamenti anticipati

Pensione luglio 2021 ed i pagamenti anticipati. Ecco il calendario da dover seguire per evitare assembramenti e ricevere l’assegno previdenziale in contanti

Condividi questo bel contenuto

Il versamento della pensione di luglio 2021 avverrà in anticipo, come ormai funziona da più di un anno a causa della pandemia da coronavirus. Poste Italiane grazie ad uno specifico calendario che segue l’ordine alfabetico, si preoccupa di scaglionare i pensionati che riscuotono l’assegno in contanti.

Pensione e pagamenti anticipati

aumento pensione

La pandemia da coronavirus ha comportato delle modifiche per quel che riguarda la pensione e le modalità di riscossione. Da più di un anno i pensionati che riscuotono il dovuto in contanti, devono seguire uno specifico calendario comunicato dalle Poste. Questo va in ordine alfabetico ed ha lo scopo di scaglionare i pensionati che si recano presso gli uffici e sportelli a riscuotere l’assegno previdenziale. Anche il pagamento della pensione di luglio segue un ordine particolare. La riscossione partirà dal 25 giugno per terminare il 1° luglio garantendo il massimo della sicurezza in periodo di pandemia, evitando inutili assembramenti. Ricordiamo che lo stato di emergenza è stato prorogato fino al 31 luglio, quindi anche i pagamenti dell’assegno previdenziale di agosto avverranno in anticipo.

Il calendario dei pagamenti di luglio 2021

Anche il versamento della pensione di luglio sarà anticipato, come ormai succede da diverso tempo. Si parte il 25 giugno, seguendo l’ordine alfabetico. La Protezione Civile con l’ordinanza n. 788 del giorno 18 maggio, ha reso note le date di inizio e fine dei pagamenti, mentre Poste Italiane si preoccuperà della pubblicazione del calendario da dover seguire. Dal 25 giugno al 1° luglio ci si potrà recare agli sportelli per riscuotere la propria pensione, nella giornata indicata:

  • cognomi dalla A alla B: riscossione il 25 giugno;
  • dalla C alla D: riscossione della pensione il 26 giugno;
  • dalla E alla K: riscossione il giorno 28 giugno;
  • cognomi dalla L alla O: riscossione il 29 giugno;
  • dalla P ad R: riscossione il giorno 30 giugno;
  • dalla S alla Z: riscossione prevista il 1° luglio.

La pubblicazione ufficiale del calendario ancora non è avvenuta, tuttavia, in linea con quanto successo nei mesi precedenti, quelle appena indicate dovrebbero essere le date per la riscossione dell’assegno di luglio. Chi riceve la pensione con accredito sul proprio conto corrente, potrà riscuoterla il 1° luglio 2021, ossia il primo giorno bancabile del mese.

Pagamento a domicilio

I pensionati con età superiore i 75 anni, soli e senza nessun parente da poter delegare, grazie alla convenzione stipulata tra le Poste e l’Arma dei Carabinieri, possono ricevere la pensione a casa. Questa importante convenzione vale fino al termine dello stato d’emergenza. Così, i pensionati anziani e soli possono chiedere ai Carabinieri di riscuotere l’assegno e di consegnare il dovuto a casa. Tuttavia, per fare tutto questo, l’interessato deve richiedere la delega alle Poste Italiane. Inoltre, anche nel mese di luglio, chi possiede un Conto BancoPosta, una Postepay Evolution o libretto di risparmio può richiedere l’accredito gratuito, così da poter prelevare presso i tanti Postamat presenti sul territorio, senza la necessità di recarsi di persona allo sportello postale.

Pandemia e pensione

Il pericolo degli assembramenti ha reso necessaria l’introduzione di un nuovo metodo per la riscossione della pensione presso gli Uffici postali presenti su tutto il territorio nazionale. Da ormai 1 anno i pensionati che ricevono il dovuto in contanti possono recarsi in Posta solo ed esclusivamente nel giorno stabilito dal calendario, muniti di mascherina e rispettando la distanza interpersonale di almeno 1 metro. Si tratta di semplici regole che devono essere ricordate e rispettate per evitare il rischio di nuovi contagi da coronavirus. Anche se la situazione sembra migliorare in maniera graduale, bisogna sempre mantenere alta la guardia e l’attenzione, nel rispetto della nostra ed altrui salute. Per qualsiasi informazione sul pagamento anticipato della pensione in periodo covid è a disposizione il numero verde delle Poste: 800 00 33 22 da poter contattare liberamente per chiedere tutte le indicazioni e delucidazioni necessarie.

Condividi questo bel contenuto