Agricoltura: cercasi personale per la raccolta. Coldiretti attiva la piattaforma online

La Coldiretti mette a disposizione delle imprese agricole una piattaforma online per reclutare braccianti. Un sostegno all'agricoltura italiana

L’emergenza Coronavirus sta facendo sentire i suoi effetti anche sull’agricoltura. A rischio la raccolta di tanti prodotti alimentari Made in Italy, a causa della carenza di manodopera da impiegare nei campi. Lavoro solitamente svolto da operai stranieri che ora, a causa delle varie restrizioni non arrivano più nel nostro Paese. La Coldiretti mette a disposizione delle aziende agricole una piattaforma online per reclutare personale e sostenere il settore agricolo. Ecco di cosa si tratta.


Agricoltura e Coronavirus

Agricoltura

Tra i tanti settori economici e produttivi che hanno risentito dei disagi dell’emergenza Coronavirus, c’è anche quello dell’agricoltura. Proprio in questo periodo in cui garantire la disponibilità di beni di prima è di primaria importanza, arriva il grido di allarme delle imprese agricole. Manca il personale da impiegare nei campi, al fine di garantire la raccolta dei prodotti che poi saranno immessi sul mercato. Gran parte dei raccolti in tutt’Italia sono così a rischio. Gli imprenditori non possono farcela da soli, per questo motivo chiedono aiuto. Il lavoro di raccolta nei campi, solitamente è svolto da operai stranieri che arrivano regolarmente in Italia per lavorare nell’agricoltura.

Ora, con la situazione di emergenza Coronavirus, questi operai non giungono più nel nostro Paese, anche a causa delle norme restrittive e di contenimento sociale, per limitare i contagi da Covid-19. La conseguenza è la concreta carenza di personale nei campi che mette a rischio la raccolta agricola italiana. Una soluzione deve essere trovata, in quanto non si può bloccare la catena produttiva dei generi alimentari di prima necessità.

Coldiretti e la banca dati online per reclutare manodopera

Dalla Coldiretti arriva la Jobincountry, ossia una banca dati che consente di mettere in contatto le aziende agricole alla ricerca di personale con i soggetti interessati ai lavori nei campi. Tale banca dati è autorizzata dal Ministero del Lavoro per le aziende agricole che assumono manodopera. A metterla a punto la Coldiretti, con lo scopo di sollevare l’agricoltura ed aiutare gli imprenditori a trovare forza lavoro da adoperare nei campi, su tutto il territorio nazionale. Bisogna a tutti i costi garantire le normali campagne di raccolta agricola, per continuare a mettere a tavola cibo, soprattutto in questo particolare periodo storico, caratterizzato dall’emergenza sanitaria ed economica da Coronavirus.

Agricoltura: l’idea della Coldiretti ottiene larga risposta

Il Veneto è stata la prima Regione a sperimentare questa piattaforma, con notevole successo. Infatti nel corso della prima settimana, ci sono stati 1.500 italiani che hanno risposto agli annunci di lavoro pubblicati online dalle aziende agricole. La platea che ha risposto positivamente a tali annunci è stata molto variegata, con differenti età, esperienze, titoli di studio. In particolare, hanno mostrato interesse studenti, ma anche pensionati e cassaintegrati, responsabili marketing, laureati, operai, blogger, addetti al settore turistico e tanti altri. Il 60% delle risposte positive è arrivato da soggetti dai 20 ai 30 anni, il 30% da quelli con età compresa tra i 40 e 60 anni, mentre 1 su 10 con più di 60 anni. Iniziativa che ha riscosso subito grande successo, a sostegno di un settore agricolo che non può assolutamente fermarsi.

Jobincountry la piattaforma online per reclutamento di personale

Jobincountry, come accennato precedentemente è una piattaforma online che mette in comunicazione le aziende agricole alla ricerca di personale ed i soggetti interessati a lavorare nei campi. Un luogo di incontro virtuale tra domanda ed offerta, di notevole interesse e praticità. Sulla piattaforma, accessibile dal sito Coldiretti, le aziende agricole possono inserire gli annunci di lavoro, con la descrizione delle mansioni, le caratteristiche professionali richieste, la paga e tutte le informazioni necessarie. Dall’altra parte, gli interessati potranno consultare le offerte e candidarsi ad esse, inserire il proprio CV rimanendo sempre aggiornati. Tale progetto è stato avviato in piena autonomia, come la Coldiretti stessa afferma, il tutto nell’attesa che il Governo vada a semplificare il voucher agricolo, in maniera tale che questo possa consentire a studenti, pensionati, cassaintegrati e non solo, di svolgere lavori nei campi, dove manca la presenza di braccianti.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati su Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito):

SI, voglio offerte di lavoro



CATEGORIES
TAGS
Share This

Commenti

Wordpress (4)
  • Alessandro 5 mesi

    “Jobincountry, come accennato precedentemente è una piattaforma online che mette in comunicazione le aziende agricole alla ricerca di personale ed i soggetti interessati a lavorare nei campi. Un luogo di incontro virtuale tra domanda ed offerta, di notevole interesse e praticità. Sulla piattaforma, accessibile dal sito Coldiretti, le aziende agricole possono inserire gli annunci di lavoro, con la descrizione delle mansioni, le caratteristiche professionali richieste, la paga e tutte le informazioni necessarie. Dall’altra parte, gli interessati potranno consultare le offerte e candidarsi ad esse, inserire il proprio CV rimanendo sempre aggiornati. Tale progetto è stato avviato in piena autonomia, come la Coldiretti stessa afferma, il tutto nell’attesa che il Governo vada a semplificare il voucher agricolo, in maniera tale che questo possa consentire a studenti, pensionati, cassaintegrati e non solo, di svolgere lavori nei campi, dove manca la presenza di braccianti.”
    DOVE??!! COME??!!

  • Alessandro 5 mesi

    ma poi chi l’ha detto che non arrivano stranieri?? Gli sbarchi di immigrati continuano a dismisura COME SEMPRE!
    Io metto la mia mail perchè sono disponibile A LAVORARE. Sono di Torino e disoccupato dal 2016, voglio vedere qui se mi chiamate per lavorare

  • Alessandro 5 mesi

    ok, va bene tutto, ma il cv dove lo devo mandare?? Non c’è un link, non c’è scritto DOVE dovrei andare a lavorare, non c’è niente di niente. Non lamentatevi se non c’è manodopera, perchè non c’è niente di chiaro!