Banca online, un italiano su due la usa: i millennials preferiscono le app

Banche e mondo digitale, aumenta la confidenza con il web: sempre maggiori gli utenti che si fidano di Internet.

Il mondo del web, e in generale quello tecnologico, è diventato ormai parte integrante dello nostre vite. App, siti web e social ci hanno permesso di avere tutto a portata di mano. Ogni azione di vita quotidiana, adesso, può essere svolta con una serie di click, standosene comodamente seduti sul proprio divano. Vale per le piccole cose (come la spesa, l’ordinazione di cibo o lo shopping online) ma anche per le attività che richiedono un po’ più di cura ed attenzione come, ad esempio, la consultazione del proprio conto bancario o la gestione dei flussi dello stesso.


banca online

Banche e mondo digitale: sempre più utenti si fidano di Internet

Un’indagine svolta da Doxa per Findomestic ha sottolineato come l’affidamento alle banche online stia ormai diventando una prassi tra gli utenti. Giovani e meno giovani sono ormai a proprio agio ad usare il web e, a partire da quest’analisi, interessanti punti di vista sono emersi.

Sono lontani i tempi in cui ci si approcciava ad Internet con distacco e diffidenza. Oggi, infatti, tantissimi sono gli utenti che sul web effettuano e ricevono pagamenti di ogni tipo. La ricerca svolta da Doxa per Findomestic, come sottolineato da Claudio Bordazzi delle relazioni media, ha tracciato “l’identikit di un utente sempre più smart e a proprio agio con il mondo online”.

È cresciuto, di conseguenza, il numero di persone che si sono affidate e continua ad affidarsi al digitale per effettuare le varie operazioni bancarie (dalle più semplice a quelle più complesse). C’è persino una crescente confidenza dei risparmiatori con l’online banking. Basta pensare che, da luglio 2018 ad oggi, è aumentata sempre di più la percentuale delle persone che utilizzano il sito della propria banca (che è passata dal 49,1% al 52,1%) mentre sempre più scelte, inoltre, sono le app. La percentuale di utenti che usano le applicazioni bancarie è passata dal 22,4% al 23,2%.

Banca online: i millennials preferiscono le app

Gli studi Doxa, hanno portato a galla una particolare differenza tra l’uso dell’online banking tra giovani e adulti. Ad ricorrere particolarmente ai servizi online offerti dalle banche (tramite i loro canali ufficiali) sono adesso anche gli over 55. A differenza di quello che inizialmente ci si poteva aspettare, dunque, non sono solo i più giovani a preferire il web. “La fascia tra i 55 e i 64 anni ricorre più spesso (nel 58,4% dei casi) ai servizi bancari sul web“, è stato scritto. I millennials, ovvero i nati tra gli anni ottanta e novanta del XX secolo, sono più propensi invece ad usare le app. Il 44,6% degli utenti tra i 18 e i 24 anni, come è stato specificato dalla ricerca, gestisce il proprio conto corrente online tramite applicazioni per smartphone.

L’offerta di Findomestic

Findomestic, a partire dai risultati emersi dall’indagine Doxa, ha sviluppano nuove offerte che tengano conto del cliente e dell’evoluzione delle sue esigenze. Gilles Zeitoun, Direttore Generale della banca, a tal proposito ha dichiarato che, per questo motivo, “Findomestic ha deciso di ampliare la gamma servizi con un conto corrente che ha nell’interfaccia digitale uno dei suoi principali punti di forza“. Obiettivo che è stato raggiunto attraverso “un’offerta digitale e funzionale” orientata alla “gestione consapevole del budget e al risparmio”. Tra i servizi offerti oggi da Findomestic vanno menzionati:

  • il trasferimento automatico di denaro dal conto allo strumento di deposito quando la giacenza raggiunge una soglia prestabilita;
  • la rateizzazione sul conto di pagamenti Findomestic (dilazionando la spesa dai 3 ai sei mesi);
  • un canone fisso di costi di gestione con due tariffe (6,90 al mese tutto compreso, 3,90 al mese per l’operatività ordinaria).

Il canone può diminuire di un euro se si sceglie di accreditare il proprio stipendio su un conto Findomestic o nei casi in cui si hanno già dei finanziamenti in corso con la banca. Lo sconto di un ulteriore euro sul canone, inoltre, viene riconosciuto in caso di stipula di polizza assicurativa Findomestic.

L’indagine Doxa ha sottolineato come, tra le principali preoccupazioni di chi effettua operazioni di banking online, ci sia quella del risparmio di tempi e costi della gestione. Il 55,2 degli utenti, nello specifico, è alla ricerca di costi bassi di gestione, il 40,2%  pretende la trasparenza dei conti mentre il 39,2% vuole assicurata la possibilità di gestire tutto online. Con la sua proposta, dunque, Findomestic ha voluto rispondere e andare incontro alle necessità di tutti.



CATEGORIES
Share This