Home » News Lavoro » cassazione e legge

Bonus 2021: ecco alcune misure a sostegno dei nuclei familiari

La Legge di Bilancio 2021 e le misure di sostegno ai nuclei familiari. Ecco perchè il prossimo anno sarà ricco di bonus e misure per i più deboli

Condividi questo bel contenuto


Il 2021 sarà un anno pieno di bonus e misure a sostegno delle famiglie. La Legge di Bilancio è in fase di discussione e con differenti emendamenti sono stati introdotti nuovi bonus in grado di aiutare i nuclei familiari in difficoltà. Dall’assegno unico al congedo per i neo papà ecco alcune delle misure più importanti che entreranno in scena il prossimo anno.

La Legge di Bilancio ed i vari bonus

bonus decreto rilancio

Il prossimo anno sarà pieno di misure e bonus a sostegno delle famiglie e non solo. La Legge di Bilancio 2021 è ancora in fase di discussione, con tutta una serie di emendamenti che riguardano i nuclei familiari. Un esempio è l’assegno unico che entrerà in vigore dal 1° luglio 2021 ma ci sono tante altre misure in discussione, come il bonus telefono, il prolungamento del periodo di congedo per i neo-papà, il bonus baby sitter e tanto altro. Il prossimo anno sarà ricco di bonus e misure a sostegno della famiglia.

Assegno unico

Dal 1° luglio 2021 gli assegni destinati al nucleo familiare saranno sostituiti dall’assegno unico ai figli. Si tratta di un bonus che verrà erogato dal settimo mese di gravidanza fino al compimento dei 21 anni dei figli. Una misura che si rivolge ai cittadini italiani, quelli dell’Ue ed extra-comunitari che abbiano un regolare permesso di soggiorno e siano residenti in Italia da almeno 2 anni. L’importo dell’assegno ancora non è del tutto definito, ma dipenderà dall’Isee. In linea generale dovrebbe oscillare tra i 50 ed i 250 euro al mese per ogni figlio. Inoltre, per calcolare l’importo dovuto sarà importante anche il numero dei membri che compongono il nucleo familiare in questione. I fondi messi a disposizione per questa misura sono 3 miliardi di euro per il 2021 e 5,5 miliardi di euro per il 2022.

Come richiedere l’assegno unico?

Le norme precise su come ricevere il bonus relativo all’assegno unico devono ancora essere chiarite. Tuttavia, secondo le ultime notizie, si tratterà di una misura connessa all’Isee ed altri criteri, come la presenza o meno di disabilità o fattori di forte disagio economico in famiglia. Bisognerà attendere ancora un po’ per capire se l’assegno unico sarà erogato dall’Inps oppure richiesto al proprio datore di lavoro. In ogni caso, la cosa certa che possiamo affermare già da ora è che per ricevere il bonus bisogna possedere l’Isee. Infatti l’assegno sarà erogato in base a tale indicatore economico. Se non avete a disposizione questo importane documento, dovete richiederlo per poter accedere all’assegno unico a partire da luglio del prossimo anno.

Bonus ed estensione del congedo di paternità

Nel corso degli anni il Governo ha dato sempre più importanza e peso ai neo papà. Infatti, dal 2012 al 2020 i giorni del congedo di paternità sono passati da 2 a 7. Ed ancora, nel 2020 sono stati ulteriormente aumentati a 7 i giorni di congedo obbligatori per i neo papà. Non è tutto perché nel 2021, si sta seriamente prendendo in considerazione la possibilità di incrementare ancora di più i giorni di congedo di paternità, passando da 7 a 10. La politica di sostegno alle famiglie assume sempre più importanza nel corso degli anni, a dimostrazione di quanto sia importante sostenere le famiglie più deboli ed i nuovi nuclei familiari che si stanno formando.

Il bonus baby sitter da 500 euro

Tra i vari emendamenti alla Legge di Bilancio 2021 c’è anche il bonus baby sitter. Si tratta di una misura a cui siamo stati abituati con la pandemia da coronavirus e la chiusura delle scuole. In questa situazione non tutte le famiglie potevano garantire la presenza di uno dei genitori a casa, per accudire i figli. Ebbene, pare che il bonus baby sitter voglia diventare non più una misura temporanea in periodo di pandemia, ma una misura strutturale a sostegno delle madri lavoratrici. Ricordiamo che tale bonus così come il bonus asilo nido è già presente nella nostra legislazione ed in base al valore Isee prevede un contributo che va da: 136,37 euro con Isee oltre 40.000 euro, a 272,72 euro con Isee fino a 25.000 euro, passando per i 227,27 euro con Isee intermedi.

Condividi questo bel contenuto