Bonus 800-1.000 euro: che cos’è, come funziona e chi può beneficiarne

A Novembre arriva il bonus 800-1.000 euro per sostenere alcune categorie colpite dalla crisi economica e dalle nuove misure restrittive dell’ultimo Dpcm. Ecco che cos’è, chi può beneficiarne e come richiederlo

In arrivo a novembre un nuovo bonus da 800 e 1.000 euro per sostenere alcune categorie colpite dalla crisi coronavirus ed interessate dalle restrizioni dell’ultimo Dpcm. Il decreto Ristori ha introdotto nuove misure a sostegno di svariate realtà professionali, tra cui anche il bonus con un valore di 800 e 1.000 euro. Ecco di cosa si tratta, come funziona e chi può beneficiare di tale bonus.


Che cos’è il bonus 800-1.000 euro

bonus decreto rilancio

A novembre arriva il bonus 800-1.000 euro per sostenere alcune categorie professionali interessate dalle nuove misure restrittive dettate dal Dpcm. Il decreto Ristori ha introdotto questa misura, a favore dei lavoratori nel turismo, spettacolo e sport. Nello specifico, si tratta di un’indennità mensile una tantum, del valore di 1.000 euro per gli stagionali nel settore turismo e spettacolo che non beneficiano della cassa integrazione e di un sostegno di 800 euro per i lavoratori nel settore sport. Per essere più precisi, il bonus in questione prevede:

  • 1.000 euro al mese per gli autonomi occasionali, per gli stagionali ed a termine nel settore turismo, stabilimenti termali, lavoratori nello spettacolo, intermittenti, lavoratori a domicilio;
  • 800 euro per i lavoratori nel settore sport che avevano ottenuto le indennità previste dai precedenti decreti.

Si tratta di una misura introdotta dal decreto Ristori, che si aggiunge all’indennità aggiuntiva di 1.000 euro presente nel Decreto Agosto. Il bonus vale solo per il mese di Novembre e bisogna presentare apposita richiesta.

Gli aiuti previsti dal decreto Ristori

Il nuovo decreto approvato lo scorso 27 ottobre, per cercare di contenere il dilagare dei contagi da coronavirus, ha introdotto differenti misure di sostegno economico. In particolare, tra gli aiuti previsti troviamo:

  • contributi a fondo perduto fino a 150 mila euro;
  • la proroga del reddito di emergenza per altri 2 mesi;
  • esonero dal versamento dei contributi;
  • esonero dal versamento della seconda rata Imu;
  • bonus affitti commerciali;
  • nuova indennità da 800 a 1.000 euro per determinate categorie di professionisti.

Sono queste le principali misure previste dal decreto Ristori per sostenere tante realtà lavorative.

Bonus 800-1.000 euro: a chi spetta?

Il bonus di novembre con valore di 800 e 1.000 euro spetta a determinate categorie di lavoratori. In particolare a:

  • lavoratori stagionali nei centri termali, stabilimenti e turismo;
  • i lavoratori nel settore dello spettacolo;
  • gli intermittenti;
  • i lavoratori porta a porta;
  • i prestatori d’opera;
  • lavoratori privi di partita Iva non iscritti ad altre forme previdenziale.

Sono queste le categorie che possono accedere al bonus 800-1.000 euro di novembre.

I requisiti richiesti per beneficiare del sussidio economico

Le categorie di lavoratori indicate, per beneficiare del bonus in questione devono possedere alcuni requisiti. Nello specifico:

  • aver cessato in maniera involontaria il rapporto di lavoro nel periodo di tempo compreso tra il 1°gennaio 2019 ed il 27 ottobre 2020;
  • aver lavorato per almeno 30 giorni nel medesimo periodo indicato;
  • non devono essere in alcun modo titolari di pensione;
  • non devono avere rapporto di lavoro dipendente;
  • no titolari di Naspi;
  • gli autonomi senza partita Iva devono essere iscritti in data 17 marzo 2020 alla Gestione Separata e non al altre forme di previdenza;
  • i lavoratori dello spettacolo, iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo, devono possedere 30 contributi giornalieri dal 1°gennaio 2019 alla data di entrata in vigore del decreto Ristori.

Ai dipendenti nel settore sport, spetta un sostegno economico di 800 euro.

Come richiedere il bonus

Per beneficiare del bonus 800-1.000 euro di novembre, bisogna presentare apposita domanda all’Inps esclusivamente in modalità telematica entro il 30 novembre 2020. In alternativa, gli interessati possono rivolgersi al Contact Center al numero verde 803 164 gratuito da rete fissa oppure allo 06 164164 da rete mobile (a pagamento). Modalità molto semplici che consentiranno a tante realtà colpite dalla crisi coronavirus di beneficiare di sostegni economici. In questo periodo particolarmente delicato è importante cercare di andare avanti garantendo la salute pubblica e cercando di non far morire completamente l’economia del nostro Paese.