Bonus per gli stagionali nel settore turistico: che cos’è e come richiederlo

Riconosciuto il bonus per un valore totale di 1.800 euro ai lavoratori stagionali nel settore turistico e negli stabilimenti termali

Una buona notizia arriva per i lavoratori stagionali impiegati nel settore turistico e negli stabilimenti termali. Finalmente è stato loro riconosciuto il bonus 600 euro come indennità per i danni subiti a causa del Coronavirus. Dal 13 luglio è possibile presentare online sul sito dell’Inps la richiesta del bonus, per riscuotere le mensilità di marzo, aprile e maggio 2020. Ecco come fare.


Turismo e Covid

La pandemia da Covid 19 ha comportato notevoli conseguenze non solo dal punto di vista sanitario ma anche economico. Non a caso molti settori hanno registrato delle rilevanti perdite di fatturato, con difficoltà nella fase di ripartenza. Il settore turistico è stato senza alcun dubbio uno dei più colpiti. Le norme sulla sicurezza sanitaria hanno infatti limitato la mobilità e le relazioni interpersonali, due elementi portanti di tale settore. L’emergenza non è ancora finita e di conseguenza questa estate è sicuramente molto particolare, meno fiorente per tutto il settore turistico. In Italia mancano i turisti stranieri che rappresentano una ingente fonte di guadagno. Per risollevare le sorti della nostra economia ed in particolare dei settori più colpiti, il Governo ha attuato una serie di misure, bonus e di sostegni economici, come indennizzo per i danni provocati dalla pandemia.

Bonus per gli stagionali nel settore turistico

Finalmente, anche agli stagionali impiegati nel settore turismo e negli stabilimenti termali è stato riconosciuto un bonus da 600 euro per ogni mensilità da marzo a maggio 2020. Si tratta di una misura che punta a sostenere i lavoratori stagionali che operano nel settore turistico con notevoli problemi a causa della pandemia. Il Governo italiano ha messo a disposizione 326,4 milioni di euro per garantire sostegno a coloro che a causa del virus hanno ridotto, sospeso o cessato la propria attività economica. Così arriva il bonus 600 euro che dal 13 luglio 2020 può essere richiesto dagli stagionali nel turismo e stabilimenti termali, per le mensilità di marzo, aprile e maggio 2020, il tutto per una somma complessiva di 1.800 euro.

Il bonus sarà erogato seguendo l’ordine cronologico della presentazione delle domande e non è cumulabile con le altre indennità introdotte dal decreto Cura Italia, Rilancio, così come non si può cumulare con il Reddito di cittadinanza, di emergenza e cassa integrazione. Inoltre, tale bonus non concorre alla formazione del reddito.

I requisiti per il bonus stagionali settore turismo

Come tutte le misure di sostegno economico, anche questa può essere richiesta solo se vengono soddisfatti determinati requisiti. In particolare, per accedere alla misura è necessario:

  • tra il 1° gennaio 2019 ed il 17 marzo 2020 essere titolare di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato nel settore turistico e stabilimenti termali. Il contratto deve avere una durata di almeno 30 giorni lavorativi;
  • essere titolare nell’anno 2018 di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato o stagionale nel settore turistico o presso gli stabilimenti termali, per la durata di almeno 30 giornate lavorative.
  • Non essere titolare di pensione e rapporti di lavoro dipendente alla data del 13 luglio 2020.

Questi sono i principali requisiti necessari per accedere alla misura economica.

Come richiedere il bonus

Il bonus va richiesto online sul sito dell’Inps. Per farlo bisogna disporre delle credenziali di accesso, ovvero di Pin, SPID; Carta di Identità elettronica oppure la Carta Nazionale dei Servizi. Se non avete a disposizione nessuno di questi, dovrete richiederli sul sito Inps oppure per lo Spid bisogna andare sul sito del Governo. Si tratta di una procedura automatica, facile e molto intuitiva, per questo non dovrete avere grossi problemi nel portarla a termine. Prima di salvare ed inviare definitivamente la domanda, accertatevi di aver compilato correttamente tutti i campi. Ricordatevi di stampare e conservare la ricevuta dell’invio. Una volta che l’Inps avrà accettato la vostra richiesta, riceverete gli assegno da 600 euro l’uno per un totale di 1.800 euro.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze: Registrati su Euspert Bianco Lavoro