Legge 104 e le agevolazioni su bollo e bonus auto. Come beneficiarne

La Legge 104 prevede la sospensione del versamento del bollo auto e l’accesso al bonus auto, con sconti per l’acquisto di nuove vetture destinate ai disabili

La Legge 104 consente l’accesso ad una diverse agevolazioni fiscali per i soggetti con particolari disabilità fisiche e mentali. Tra questo fitto ventaglio di semplificazioni, rientra anche l’esenzione del bollo auto e l’accesso al bonus auto, per l’acquisto di veicoli destinati ai disabili. Ecco le novità e come poter beneficiare delle agevolazioni previste.


Legge 104 e le agevolazioni fiscali sul bollo auto

Legge 104

Tante le agevolazioni e facilitazioni fiscali che la Legge 104 porta con se. Tra queste rientra anche l’esenzione del versamento del bollo auto e particolari sconti per l’acquisto di vetture destinate ai disabili, affetti da gravi patologie invalidanti. Per poter beneficiare di questi aiuti, bisogna rientrare in particolari requisiti. Non tutti i disabili possono accedere automaticamente alle agevolazioni fiscali previste nel settore auto. Che cos’è il bollo auto? Ebbene, si tratta di una tassa annuale che deve essere versata obbligatoriamente, salvo particolari eccezioni. Per essere più dettagliati, il bollo auto è una tassa regionale sulla proprietà dei veicoli regolarmente iscritti al Pubblico Registro Automobilistico. La non circolazione ed il non utilizzo del veicolo in questione, non autorizza a non versare il tributo del bollo. Ebbene, la Legge 104, in presenza di particolari requisiti, consente ai disabili di sottrarsi al pagamento della tassa, con l’esenzione del bollo auto.

Bonus auto e le agevolazioni sull’acquisto di vetture

Non è tutto, in quanto la Legge 104 prevede anche delle agevolazioni e sconti sull’acquisto di auto per i disabili. Queste si traducono nell’Iva agevolata al 4% più altre specifiche detrazioni. In ogni caso, per poter accedere al bonus auto e agli sconti per comprare automobili ai disabili, così come per ottenere l’esenzione del bollo, bisogna avere a disposizione il verbale rilasciato dalla Commissione medica. Questo documento deve riportare al suo interno i vari benefici a cui il disabile può avere accesso. Se sul verbale non è specificato nulla a riguardo, né il disabile e nemmeno i suoi familiari possono beneficiare delle misure e sconti fiscali.

Chi può beneficiare dell’esenzione bollo auto?

Per accedere all’esenzione del bollo auto e dunque non pagare la tassa regionale, bisogna avere determinati requisiti. Infatti, non tutti i disabili accedono all’agevolazione in maniera automatica. Rientrano tra i beneficiari della misura:

  • soggetti disabili ciechi e sordi;
  • persone con disabilità fisica e mentale come previsto dalla Legge 104;
  • soggetti con ridotta disabilità o impedite capacità motorie;
  • persone con una disabilità grave e ridotta capacità di deambulazione o presenza di pluriamputazioni.

Il Verbale della Commissione medica è indispensabile e deve assolutamente contenere la condizione del disabile.

Legge 104: i familiari possono usufruire dell’esenzione bollo auto?

La legge a favore dei disabili prevede per i disabili l’accesso a diverse agevolazioni e misure. In presenza di particolari condizioni, queste agevolazioni si estendono anche ai familiari del disabile. In particolare, per consentire l’accesso anche ai parenti dei disabili, il reddito di questi ultimi non deve superare la soglia di 2.840,51 euro. Lo scorso anno, questa soglia è stata portata a 4 mila euro per i disabili 24enni. Nel caso in cui tali soglie reddituali vengano superate, solo ed esclusivamente il disabile può beneficiare delle agevolazioni previste dalla Legge 104, mentre saranno tagliati fuori i suoi familiari. In tal caso per avere l’esenzione sul bollo auto, questa deve essere intestata al disabile.

Come fare la domanda

Per accedere all’esenzione del bollo auto, bisogna compilare l’apposito modulo erogato dalla propria Regione di appartenenza. La domanda può essere fatta all’ACI almeno 90 giorni prima la scadenza della tassa in questione. La richiesta non deve essere fatta ogni anno, in quanto una volta riconosciuto il diritto all’esenzione del bollo auto, l’agevolazione resta valida anche per gli anni futuri. L’intera documentazione deve essere ripresentata nel caso in cui nel corso degli anni si cambia vettura.