Home » News Lavoro

Il capo ideale? Per un italiano su due è Maria de Filippi

Maria de Filippi è il capo ideale al lavoro per metà degli italiani. Donald Trump l’esatto contrario. Così risulta da un sondaggio di Groupon.


Il risultato di un sondaggio effettuato da Groupon ha visto piazzarsi al primo posto Maria De Filippi con ben il 47% delle preferenze (praticamente un italiano su due) tra quelli che hanno risposto al sondaggio. E’ lei il capo ideale degli italiani. La motivazione più frequente fornita dagli intervistati è stata quella di riconoscere alla popolarissima conduttrice la capacità “di cogliere il talento dei giovani”. Insomma, una di quelle dalla parte del merito sempre e comunque. E se alla De Filippi l’essere una grande talent scout è valso il primo posto nel sondaggio di Groupon, al secondo dell’insolita classifica che riguarda il capo ideale si è piazzato l’attore Leonardo di Caprio, perché “vince sempre”, ma parallelamente è anche bello, cosa che effettivamente non guasta mai. Al terzo posto, un po’ a sorpresa forse, c’è Papa Francesco, personaggio e più ancora persona entrata nel cuore di milioni di persone per la sua bontà e semplicità. Chi non vorrebbe un capo così comprensivo al lavoro?

Dalla parte opposta della barricata, troviamo chi nessuno o quasi vorrebbe come capo ideale al lavoro. Donald Trump, aspirante presidente degli Stati Uniti, ha sbaragliato la concorrenza a causa della “sua arroganza” , almeno secondo il 32% degli intervistati. A poca distanza, si è piazzata Barbara D’Urso, altra arcinota conduttrice dai risultati professionali indiscutibili, risultata però “antipatica” al 27% degli intervistati. Al terzo posto, si è piazzato Vittorio Sgarbi, con una motivazione piuttosto originale: “la paura di sentirsi urlare capra davanti ai colleghi”.  Quarta, la discussa ereditiera Paris Hilton.

Il capo ideale: domande e risposte

maria-de-filippi“Andresti in vacanza con il tuo capo?” Molto più no che sì è stata la risposta degli intervistati, otto su dieci dei quali, hanno declinato l’invito. “E se ti trovassi da solo con il tuo responsabile su un’isola deserta?”Per qualcuno “ne resterebbe soltanto uno”. Un 20% ha risposto che dato che “non sa fare niente” la sua sopravvivenza dipenderebbe solamente “dalle mie capacità di adattamento”. Un altro 20% ha spiegato che troverebbe “il modo di scappare”. Oltre il 43% degli intervistati invece, “cercherebbe il modo giusto  per passare il tempo insieme”. Alla domanda quale immagine rappresenta meglio lo stato d’animo di quando in vacanza si pensa al ritorno al lavoro, le risposte sono state le più svariate: l’Urlo di Munch, ma anche Candy Candy, il popolare cartone animato degli anni 80 che racconta la storia di una bambina prima e ragazza poi. sempre serena e positiva tra mille e più problemi (anche a causa di una certa ingenuità). In mezzo ai due estremi si è infilato Il Grande Gatsby, un maestro nel fare buon viso a cattivo gioco.

A conclusione, si può dire che per gli intervistati le qualità fondamentali di un capo ideale sono la serenità e la capacità di trasmetterla, il saper gestire le situazioni critiche. E se c’è un 7% che dice (a torto o ragione) che un capo non deve essere perfetto “altrimenti non ci si può lamentare”, per un 20% la qualità più importante è quella di saper organizzare il lavoro in base alle competenze dei collaboratori scelti.