Come risparmiare sul mutuo fino a 100 euro al mese: alcune idee e suggerimenti

Risparmiare sul mutuo è possibile, basta seguire alcune strategie e consigli, eccole tutte.

Comprare una casa è per molti un significativo passo nella vita, così come chiedere un mutuo ed estinguere nel miglior modo possibile il debito con la banca. Tuttavia, ci sono una serie di consigli e strategie, per poter risparmiare fino a 100 euro al mese sul mutuo, ed estinguere più velocemente il debito con la banca.


Risparmiare sul mutuo fino a 100 euro al mese

Risparmiare sul mutuo è possibile, basta solo seguire determinati consigli e regole, che aiutano ad estinguere in maniera più veloce e risparmiando denaro, il debito contratto con la banca. Comprare una casa è un passo importantissimo nella vita di ognuno. Questo comporta inevitabilmente la richiesta di un prestito alla banca, con l’apertura di un mutuo che sarà cancellato nel corso degli anni, pagando alla banca una determinata somma di denaro, precedentemente patteggiata e messa in contratto. Sicuramente, per molti, pagare il mutuo ogni mese diventa un grande sacrificio, ma in questi casi bisogna ricordarsi che ci sono dei metodi e delle strategie che si possono adottare, per risparmiare molti soldi ed estinguere il debito con la banca nel miglior modo possibile.

Consigli per risparmiare sul mutuo

Di seguito vi presentiamo alcuni consigli su come poter adottare le migliori strategie che vi porteranno a risparmiare, estinguendo il debito con la banca, in tempi più brevi. Ovviamente per poter permettere questo, c’è bisogno di un impegno anche da parte dei soggetti, che devono non limitarsi a pagare il mutuo mensilmente, senza rivedere il contratto e senza ricercare strade migliori che possano permettere un notevole risparmio. Il primo segreto è quello di cercare di pagare meno interessi. In questo modo si possono risparmiare notevoli somme si denaro ed estinguere il debito più velocemente. Di fatti, più è basso il tasso di interessi che il soggetto concorda con la propria banca e meno costerà il prestito, potendo contare sul risparmio.

La rinegoziazione del mutuo

Un primo consiglio che può essere utile, è quello di contattare la propria banca e proporre una rinegoziazione del mutuo, al fine di abbassare il tasso, ridurre la durata del mutuo andando a risparmiare anche sugli interessi. In questo modo, optando per la stipula di un nuovo contratto, il mutuario, oltre al taglio della rata, potrà andare a rimodulare il tipo di tasso, ad esempio passando da quello variabile a quello fisso o viceversa. Per la rinegoziazione del mutuo, e dunque per la stipula di un nuovo contratto con la banca, non c’è bisogno del notaio, il che significa che il mutuario non dovrà sostenere alcuna spesa di carattere aggiuntivo.

La surroga del mutuo

Nel caso in cui, la banca con cui avete aperto il mutuo, in fase di rinegoziazione di questo, non soddisfi tutte le vostre esigenze, allora esiste un’altra strada da poter seguire. Il mutuario potrebbe optare per la surroga del mutuo, ossia per il trasferimento del proprio mutuo presso un’altra banca, che offra servizi più vantaggiosi. Dunque, optare al cambiamento della banca, pur avendo un mutuo già aperto è possibile ed è la strada che sempre più persone scelgono, nel caso in cui la loro vecchia banca non soddisfi più le proprie esigenze. Anche in questo caso, per passare ad una nuova banca, non ci sono costi aggiuntivi a carico del mutuario, in quanto, per legge, tutte le spese sono completamente a carico del nuovo istituto di credito.

Il mutuo consolidamento debiti

Nel caso in cui si hanno aperti più mutui, ad esempio non solo quello sulla casa, è possibile chiedere il mutuo consolidamento debiti. Che significa questo? Vuol dire che il mutuario può chiedere alla propria banca, di accorpare tutti i debiti attualmente in corso, in un’unica rata. In questo modo, non ci sarà il rischio di dimenticare il pagamento delle varie rate mensili, in quanto ne arriverà solo una, che comprende tutti i prestiti attivi con quella banca. Oltre alla possibilità di avere una rata mensile più comoda, questa strategia permette anche di risparmiare sugli interessi.

Estinguere il mutuo in maniera più veloce

Una tecnica per estinguere il mutuo in maniera veloce, è quella di porsi un limite di tempo entro cui estinguere il debito, andando a risparmiare anche sugli interessi e velocizzando il pagamento stesso. Un modo per rendere possibile questo è quello di arrotondare la rata in eccesso. Questo nel corso degli anni permette di concretizzare notevoli risparmi. Pagare una rata in più all’anno potrebbe essere un’altra strategia che a lungo termine ci permette di diminuire la durata del mutuo, con risparmi sugli interessi. Ad esempio potreste optare sul dividere la rata mensile in due parti, andando ad effettuare 2 pagamenti ogni due settimane.

Prendere in considerazione il tasso variabile

Nella mente di molti, il tasso variabile è molto più rischioso rispetto ad un tasso fisso. Con quest’ultimo si ha la sicurezza che la rata mensile del mutuo sia sempre la stessa, senza doversi aspettare delle brutte sorprese. Tuttavia non è sempre così, in quanto in alcune situazioni il tasso variabile può diventare davvero più vantaggioso. Infatti, osservando i dati storici di Bankitalia che rileva i tassi medi dei mutui dal 1997 e confrontando questi con l’andamento dei prestiti a tasso variabile, si può notare come questi ultimi siano sempre stati inferiori di quelli a tasso fisso. Ovviamente non si potrà mai avere la certezza sul futuro, ma prestando attenzione all’andamento generale di tasso fisso e variabile, si capisce che eliminare totalmente questi ultimi, non sempre corrisponde ad un risparmio e vantaggio economico.

Ricercare lo spread più basso

Per spread si intende una maggiorazione espressa in percentuale che le varie banche applicano al tasso di interesse, per andare a definire il loro guadagno. In linea generale, più basso è lo spread e più basso è il costo delle rate. Solitamente lo spread resta invariabile nel corso di tutta la durata del mutuo, tuttavia ci sono anche contratti che prevedono uno spread modificabile. Ma non è tutto, in quanto lo spread varia a seconda della banca e della tipologia di mutuo richiesto.