Home » News Lavoro

Coronavirus: a Natale saranno consentiti gli spostamenti tra Regioni?


Il Governo è a lavoro per la realizzazione del nuovo Dpcm che conterrà le norme da applicarsi nel periodo natalizio. Limitare i contagi da coronavirus resta la priorità. Questo sarà un Natale differente, sobrio, senza assembramenti e classici pranzi con parenti ed amici. Uno dei tanti nodi da sciogliere resta quello connesso agli spostamenti tra le varie Regioni. Ecco cosa potrebbe contenere il nuovo decreto.

Coronavirus: in arrivo il nuovo Dpcm

fase 2 covid-19

In arrivo il nuovo Dpcm che conterrà tutte le norme e le limitazioni da applicarsi nel periodo natalizio. Sarà un Natale diverso, all’insegna della sobrietà, della semplicità e soprattutto del non assembramento. No ai soliti pranzi e cene con parenti ed amici, bisogna continuare a limitare i contatti e di conseguenza i contagi da coronavirus. Oggi il Governo incontra Regioni e Comuni per discutere su quelle che sono le nuove misure da introdurre nel Decreto Natale. Il Premier vorrebbe allentare le restrizioni, consentendo alla gente di passare il Natale con i propri cari, ma dall’altra parte ci sono ministri che puntano alla chiusura dei confini e sulla limitazione degli spostamenti. Non bisogna assolutamente fare lo stesso errore della scorsa estate, ha affermato Boccia, il Ministro per gli Affari regionali ed autonomie, perchè un via libera in questo momento avrà delle conseguenze sul numero dei contagi e dei ricoveri da coronavirus. Intanto si fa strada l’idea di non consentire gli spostamenti tra le Regioni dal 20 dicembre al 6 gennaio.

Gli spostamenti tra le Regioni saranno consentiti?

Uno dei tanti nodi da dover risolvere è quello relativo gli spostamenti tra le varie Regioni. Avanza l’idea di bloccare i movimenti interregionali dal 20 dicembre al 6 gennaio. Questo però potrebbe comportare l’aumento e la concentrazione delle partenze durante i giorni precedenti a tale data. Bisogna ricordare che in ogni caso, dovrebbe sempre essere permesso rientrare presso la propria residenza o domicilio. Questione diversa per le persone che vogliono raggiungere le seconde case. Queste dovranno spostarsi prima del 20 dicembre. E’ necessario evitare gli spostamenti massicci, che avranno conseguenze negative inevitabili. Il ministro Boccia sottolinea come in questo particolare momento, caratterizzato da una lieve diminuzione dei contagi, non possiamo fare errori vanificando tutti i sacrifici fatti fino ad oggi.

Quando ci si potrà spostare

Molto Probabilmente il Governo oltre a permettere gli spostamenti per raggiungere il luogo di residenza e domicilio, permetterà di raggiungere la casa dei genitori e degli anziani soli in famiglia. Questo dovrà avvenire nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. Di fatti, le persone anziane restano soggetti deboli da dover proteggere e salvaguardare, evitando contatti con i più giovani che spesso sono i maggiori portatori del virus. Sono tante le persone positive ed asintomatiche che a loro insaputa contagiano gli altri. Come ci si comporterà con gli studenti che hanno spostato residenza e domicilio nelle città in cui hanno deciso di trasferirsi per motivi di studio? Con molta probabilità a questi sarà concesso il rientro a casa dai propri cari. Parliamo degli stessi giovani che in molte città hanno incominciato a fare test e tampone prima di raggiungere le proprie famiglie. Inoltre, non si esclude il ricongiungimento familiare applicabile anche ai partner non sposati ma conviventi.

Coronavirus e periodo di quarantena

Per ora abbiamo parlato di misure e deroghe relative gli spostamenti sul territorio nazionale. Cosa succede per chi vuole rientrare dall’estero? In questo caso il discorso è differente e probabilmente il Governo gestirà la situazione in maniera diversa. Si parla dell’obbligo di quarantena per tutti coloro che rientrano in Italia provenienti da qualsiasi altro Paese estero. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ricorda che in ogni caso bisogna ridurre al massimo gli spostamenti e muoversi solamente se strettamente necessario, rispettando tutte le misure per evitare i contagi da coronavirus. Tali norme resteranno valide anche nel periodo natalizio. Non c’è ancora nulla di ufficiale ma si tratta di ipotesi che potrebbero concretamente essere attuate. Non ci resta che attendere il nuovo Dpcm che sarà pubblicato nei prossimi giorni.

Condividi questo bel contenuto