Domanda per agevolazioni Startup innovative in partenza dal 20 gennaio 2020. Ecco come fare

Le startup innovative a partire dal 20 gennaio 2020 potranno presentare la domanda per ricevere agevolazioni di carattere economico, utili per la realizzazione dei loro progetti

Il 20 gennaio del prossimo anno, si parte con la presentazione delle domande con cui varie Startup potranno beneficiare di svariate agevolazioni. La nascita e la crescita di Startup su tutto il territorio nazionale diventa una sfida da vincere, una sfida che fa bene all’economia ed alle idee innovative dei giovani. Ecco tutte le novità introdotte e come presentare la domanda.


L’importanza delle Startup innovative sul nostro territorio

startup innovative
image by Jirsak

La nascita e la diffusione di startup innovative su tutto il territorio nazionale, diventa una risorsa sia per l’economica che per le idee sempre più vincenti di tanti giovani, che vogliono avviare la propria attività imprenditoriale. Smart&Start è la misura che, garantendo agevolazioni, si pone come obbiettivo quello di sostenere sia la nascita che lo sviluppo delle startup innovative su tutto il territorio nazionale. Ci sono tante ed importanti novità introdotte all’interno di questa misura, come ad esempio: la semplificazione delle procedure e dei criteri di valutazione e rendicontazione, l’introduzione di nuove tipologie di premialità, il fondo perduto fino al 30% a favore delle imprese del Sud Italia e tanto altro ancora. Dunque, a partire dal 20 gennaio 2020 gli interessati potranno inviare le domande di partecipazione ad Invitalia, per concorrere ad ottenere varie agevolazioni previste per le startup innovative.

Le risorse a disposizione per le startup innovative

Per il finanziamento di vari piani d’impresa, con importo tra i 100 mila euro e 1,5 milioni di euro, la Smart&Start Italia dispone di 90 milioni di euro. Questi fondi sono destinati per la nascita e lo sviluppo di startup innovative in Italia. Sono tanti gli interessati a concorrere con i propri progetti, per ottenere agevolazioni ed aiuti economici a pieno sostegno della loro azienda, di carattere innovativo e tecnologico. Rammentiamo che i piani di impresa potranno essere realizzati anche con la collaborazione di organismi di ricerca, nonché incubatori ed acceleratori d’impresa, Digital Innovation Hub.

Le novità introdotte nel piano Smart&Start

Come accennato, il piano Smart&Start contiene tante ed interessanti novità introdotte grazie al decreto del Ministero dello Sviluppo Economico. Vediamo di cosa si tratta:

  • la semplificazione dei criteri di valutazione, relativa alla concessione delle agevolazioni, con l’introduzione di nuove modalità di premialità, nel caso di collaborazione con altri enti, sopra citati e della realizzazione di piani d’impresa al Sud Italia, da parte di startup già esistenti al Centro-Nord;
  • la nuova definizione per quanto riguarda i piani d’impresa e delle spese tollerabili;
  • incremento del finanziamento di carattere agevolato, fino all’80% delle spese ammissibili, percentuale che arriva al 90% nel caso di società formate da sole donne, da under 36 oppure nel caso in cui un socio possegga il titolo di dottorato di ricerca;
  • aumento a fondo perduto fino al 30% per le imprese nel Sud Italia;
  • semplificazioni delle modalità di rendicontazione;
  • l’estensione temporale fino a 10 anni del periodo di ammortamento previsto per restituire il finanziamento.

Sono queste le principali novità introdotte, di cui i vari interessati dovranno tenere conto.

Le modalità di presentazione della domanda per le agevolazioni alle startup

La circolare Mise del 16 dicembre 2019 n.439196, ha definito e chiarito i nuovi criteri e modalità di presentazione della domanda da parte delle startup innovative, per accedere ai benefici ed agevolazioni previste nel piano Smart&Start Italia. Lo scopo resta quello di far nascere e diffondere sul territorio nazionale sempre più imprese di carattere tecnologico ed innovativo, offrendo dei reali e concreti strumenti di sostegno. Le domande potranno essere presentate a partire dal 20 gennaio 2020. Tutte le informazioni più dettagliate sono comunque consultabili sul web nella circolare pubblicata. Agli aspiranti non resta che presentare la domanda e lavorare ad ottimi progetti che saranno poi valutati e, nel caso scelti, per ricevere le agevolazioni adoperandole per la loro concreta realizzazione. L’innovazione è sempre più importante, così come le nuove idee ed i progetti. Aiutare chi “vuole davvero fare” è un dovere per costruire un solido futuro.

CATEGORIES
Share This

Commenti