Home » News Lavoro » lavoro e occupazione

Lavoro e ripresa economica: settori trainanti e figure professionali richieste

La ripresa del lavoro con nuove opportunità professionali in vari settori economici. Ecco le figure maggiormente richieste dal mercato

Condividi questo bel contenuto


Lentamente il nostro Paese sta ripartendo dopo la dura crisi economica e sanitaria causata dal coronavirus. Molte imprese riaprono i battenti con nuove opportunità di lavoro ed assunzioni. Secondo recenti indagini, si sta registrando un trend positivo per la domanda di lavoro, con particolari settori economici trainanti e diverse figure professionali ricercate. Vediamo di cosa si tratta e su quali settori puntare con particolare insistenza.

La graduale ripresa del lavoro e dell’economia

agevolazione assunzioni 2019

Dopo il periodo buio causato dall’avvento improvviso della pandemia da coronavirus, il nostro Paese sta lentamente rialzandosi grazie alla ripresa di svariate attività economiche. La crisi sia sanitaria che economica si è fatta sentire su tutto il territorio. Diversi i mesi di lockdown che hanno costretto tante imprese a ridurre la loro attività ed in molti casi a sospenderla del tutto. Oggi la situazione sembra stia cambiando, grazie alla curva dei contagi che si abbassa sempre di più, alla campagna vaccinale che continua ed a regole restrittive meno rigide. Così, svariate aziende hanno riaperto i battenti e riavviato la produzione, portando valori positivi all’economia ed al lavoro in generale. Infatti, nel mese di giugno si registra un trend positivo per la domanda di lavoro. I settori trainanti sono soprattutto quello manifatturiero, commercio, costruzioni e del turismo (che pian piano si sta riprendendo).

La domanda di lavoro in crescita

Stando a quanto confermato dal Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, ad opera di Unioncamere ed Anpal, nel mese di giugno cresce la domanda di lavoro di molte imprese italiane. Questo si traduce in nuove opportunità occupazionali per tante figure professionali. Nel trimestre giugno-agosto, sono previste 1,3 milioni di assunzioni, che bene o male riguarderanno tutto il territorio nazionale. Secondo la ricerca, la maggior parte delle assunzioni arriverà dal settore dell’industria manifatturiera con circa 106 mila nuove entrate di personale programmate. Dati di notevole rilevanza, che ci fanno ben sperare in una ripresa dell’economia e del lavoro stesso.

I settori trainanti

Quali sono i settori economici trainanti che nei prossimi mesi daranno lavoro a tante e svariate figure professionali? Ebbene, secondo il Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, il settore economico con maggiori opportunità professionali è quello manifatturiero, come specificato nelle righe precedenti. A seguire troviamo:

  • il comparto dell’industria alimentare con 67 mila entrate (che corrispondono a +60,1% rispetto al mese scorso);
  • da non sottovalutare le industrie metallurgiche con 55 mila entrate (+49,1% rispetto allo scorso mese);
  • le industrie meccaniche ed elettroniche con 52 mila entrate (registrando un +15,4%);
  • il settore turistico dove si prevedono 99 mila nuove entrate (+48,2% rispetto lo scorso mese), anche grazie ai tanti contratti stagionali;
  • nel commercio sono previste 84 mila assunzioni (+83,2%);
  • 73 mila nei servizi alle persone (+46,6%);
  • nel settore delle costruzioni sono in previsione 58 mila ingressi (+25,6%).

Sono questi i settori economici trainanti, che stanno guidando la lenta e graduale ripresa del lavoro e dell’economia nel nostro Paese.

Le figure professionali più richieste e difficili da reperire

Oltre alla presenza di settori economici trainanti, ci sono anche determinate figure professionali ricercate dalle imprese ma di difficile reperimento. Parliamo soprattutto delle figure dirigenziali, ma anche degli operai specializzati, tecnici, così come le professioni intellettuali, di elevata specializzazione e quelle scientifiche. Tanto per fare un esempio concreto, rispetto al mese di giugno 2019 la domanda di telematici, tecnici informatici, tecnici specializzati nella gestione dei processi produttivi, cresce del 95,2%. Non è tutto perché anche le figure professionali che operano nel settore sanitario spesso sono difficili da trovare. Le aziende sul territorio hanno dichiarato di avere delle concrete e reali difficoltà a reperire questi professionisti del lavoro, di cui c’è immediata necessità. Si tratta del gap tra domanda ed offerta, che continua a caratterizzare alcuni settori professionali. Questo può essere risolto o comunque diminuito con una costante comunicazione tra mondo del lavoro e quello della formazione, che deve formare le figure professionali di cui realmente il mercato ha bisogno.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze: Registrati su Euspert Bianco Lavoro

Condividi questo bel contenuto