Home » News Lavoro » economia e risparmio

Assegno familiare per lavoratori dipendenti: via alle domande


Si parte con le domande per ricevere l’assegno familiare 2021 per i lavoratori dipendenti. A comunicarlo è stata l’Inps attraverso il messaggio n. 2331 del 17 giugno, contenente i nuovi importi di reddito e le maggiorazioni previste. Ecco come procedere per accedere alla misura in questione.

Assegno familiare 2021 per lavoratori dipendenti

Si parte con le domande per ricevere l’assegno familiare 2021. Possono farne richiesta i lavoratori dipendenti nel settore privato, per il periodo valido dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022. Il tutto è possibile attraverso la procedura online messa a disposizione dall’Istituto di Previdenza Sociale. A comunicare tutto ciò è stata la stessa Inps attraverso il messaggio n. 2331 del 17 giugno 2021, che contiene anche i nuovi importi dell’assegno familiare 2021 sulla base dell’annuale rivalutazione degli importi reddituali dei vari nuclei familiari. Come si legge nel messaggio, tale rivalutazione avviene “in misura pari alla variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’Istat, intervenuta tra l’anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell’assegno e l’anno immediatamente precedente”. Inoltre, l’Inps ricorda anche l’aumento dell’assegno familiare 2021 previsto dal decreto-legge n. 79 del 8 giugno 2021.

Rivalutazione e maggiorazione dell’assegno familiare 2021

In allegato al messaggio Inps si trovano le tabelle riguardanti l’adeguamento a seconda della rivalutazione del reddito familiare, ai fini del riconoscimento del sostegno economico. Inoltre, la maggiorazione per gli assegni prevista è la seguente:

  • 37,50 euro per ogni figlio per i nuclei familiari che hanno fino a due figli;
  • 55 euro per ogni figlio riconosciuti ai nuclei familiari con almeno tre figli.

Importanti incrementi che puntano a sostenere sempre di più le vaie famiglie, senza lasciarle sole.

Al via le domande per ricevere il sostegno economico

Si parte con l’invio delle domande per richiedere l’assegno familiare. I lavoratori dipendenti nel settore privato possono così procedere la richiesta per il periodo valido dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022, grazie alla procedura presente sul portale dell’Istituto di Previdenza Sociale. Per fare ciò è possibile accedere con:

  • il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID);
  • Carta di Identità Elettronica (CIE);
  • la Carta Nazionale dei Servizi (CNS);
  • PIN Inps rilasciato prima della data 1° ottobre 2020.

Ulteriori informazioni ed indicazioni operative sulle maggiorazioni previste dall’art.5 del decreto-legge 79 del 2021, saranno indicate su apposite circolari di prossima pubblicazione.

L’assegno unico transitorio

A luglio si avvierà la procedura per richiedere un’altra importane misura, ossia l’assegno unico transitorio. Si tratta di una misura ponte tra gli attuali assegni familiari ed il nuovo assegno unico previsto per il prossimo gennaio. Tale misura sarà attuata dal 1° luglio al 31 dicembre 2021. Tuttavia, i lavoratori dipendenti con figli e redditi bassi, potranno accedere solamente il prossimo gennaio. Infatti, questa misura “ponte” si rivolge a chi oggi non gode di alcun assegno familiare. Il beneficio della misura decorrerà dallo stesso mese in cui sarà presentata la domanda. Ed ancora, l’assegno unico transitorio è compatibile con il Reddito di Cittadinanza ed eventuali misure per i figli a carico, erogate da Comuni e Regioni.

L’assegno unico

Quando parliamo di assegno unico, ci riferiamo ad una misura di sostegno al reddito che va in base al numero dei figli presenti nel nucleo familiare. L’ammontare dell’assegno in questione diminuisce con l’aumentare del valore reddituale con un tetto massimo di 50 mila euro. Di fatti, il valore dell’assegno è stabilito attraverso un particolare algoritmo che segue ogni minima variazione del reddito familiare, il tutto per poter assicurare un alto livello di equità e trasparenza. Va inoltre sottolineato che la somma dovuta aumenta di 50 euro al mese per ogni figlio minorenne con disabilità. questa misura sarà introdotta il prossimo gennaio. Si tratta di importanti sostegni che forniscono aiuto economico a svariati nuclei familiari. La creazione di una famiglia è molto importane, per questo motivo sono indispensabili misure di sostegno al reddito sempre più efficaci, affidabili, tempestive e di facile accesso alle categorie con reddito basso. Così il Governo, soprattutto dopo la crisi sanitaria ed economica portata dal coronavirus ha messo in campo una serie di strategie di aiuto alle categorie più fragili ed in generale a tutte quelle che hanno risentito di questo particolare periodo storico.

Condividi questo bel contenuto