Home » News Lavoro » lavoro e occupazione

Lavoro: Italia un Paese complesso nella gestione di risorse umane e retribuzioni

Italia al 25esimo posto della classifica dei Paesi più complessi nella gestione delle risorse umane e retribuzione nel mondo del lavoro. Ecco l’analisi di TMF Group

Condividi questo bel contenuto


L’Italia è risultata essere il 25esimo Paese al mondo più complesso per quanto riguarda la gestione delle risorse umane e delle retribuzioni nel lavoro. A confermarlo è la classifica stilata da TMF Group che ha esaminato 77 differenti giurisdizioni a livello globale.

Il mondo del lavoro è in continua evoluzione

mercato del lavoro

Il mondo del lavoro è una realtà particolarmente articolata ed allo stesso tempo dinamica. Nulla resta invariato nel tempo, neanche il lavoro, che cambia, si evolve, si trasforma nel corso degli anni. Da tale trasformazione nascono non solo nuove figure professionali, mestieri inediti ma anche un diverso modo di gestire il lavoro e tutto ciò che ruota intorno ad esso. Non a caso, nel corso degli anni sono cambiate le modalità di amministrazione delle retribuzioni come di tanti altri servizi e benefici offerti ai dipendenti. Spesso dietro tutto questo c’è una burocrazia davvero complessa a cui però bisogna fare riferimento. Ebbene, l’Italia è il 25esimo Paese al mondo più complesso nella gestione delle risorse umane e delle retribuzioni.

L’Italia, uno tra i Paesi più complessi

La TMF Group è una tra le più importanti multinazionali che fornisce servizi professionali alle imprese. Questa ha condotto uno studio sulla complessità nella gestione delle risorse umane e degli stipendi nel mondo del lavoro. Una ricerca in cui l’Italia si è classificata al 25° posto a livello globale, mentre a livello europeo si colloca all’undicesima posizione, superando la Norvegia e la Finlandia. La generale complessità che caratterizza la giuslavoristica italiana, contribuisce molto sul posizionamento italiano nella classifica stilata da TMF Group. In particolare, nel caso italiano parliamo delle difficoltà che sorgono nella gestione di svariati benefit e servizi come: aumenti degli stipendi, i congedi di paternità retribuiti, i contributi per il fondo pensione dei dipendenti, il preavviso necessario per il licenziamento dei lavoratori a basso rendimento professionale.

Sicuramente nel corso degli anni sono stati fatti passi avanti, ma bisogna fare ancora tanto. Il cammino è lungo, così afferma Saskia Straetmans, responsabile della business unit Human Resources and Payroll del
Gruppo TMF per l’Europa Occidentale.

L’analisi condotta da TMF Group

La TMF Group ha condotto un’attenta ed interessante analisi connessa alle difficoltà e complessità che si presentano nella gestione delle risorse umane e delle retribuzioni nel mondo del lavoro. L’analisi denominata: “HR & Payroll: Navigation complex requirements in turbulent times” ha preso in esame 77 differenti giurisdizioni, che sono poi state classificate in base al grado di complessità degli ambienti di gestione delle risorse umane e stipendi. Nello stilare questa interessante classifica che ci aiuta a comprendere il mondo del lavoro, si è tenuto conto di vari parametri come ad esempio: gli stipendi e benefit erogati a dipendenti con contratto a tempo determinato ed indeterminato, le varie difficoltà legate l’assunzione ed il licenziamento dei dipendenti. Naturalmente tutto questo è stato analizzato tenendo in considerazione la legislazione del lavoro vigente in ognuna delle giurisdizioni prese in esame.

Lavoro e la classifica TMF Group

La classifica di apre con il Belgio in prima posizione. Si tratta della giurisdizione più complessa tra tutte quelle prese in esame nello studio in questione. In tal caso la causa di tanta complessità è strettamente connessa alle differenze sia linguistiche che normative del Paese. A seguire troviamo Malesia, Cina, Bolivia, Francia. Come già affermato, l’Italia si colloca al 25esimo posto. Nella parte bassa della classifica troviamo Jersey, le Isole Vergini Britanniche, Malta, gli Stati Uniti ed il Cile, che risulta essere il Paese con le politiche del lavoro più flessibili ed una più facile gestione delle risorse umane e delle retribuzioni.

Il mondo del lavoro per essere davvero efficiente ha bisogno di semplificare tutti i meccanismi che ne fanno parte e lo caratterizzano. Lo scopo è proprio quello di arrivare un giorno a delle giurisdizioni sempre più elastiche e semplici. Solo in questo modo si arriverà a dei sistemi di gestione immediati senza perdersi nella tanto odiata burocrazia del lavoro.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze: Registrati su Euspert Bianco Lavoro

Condividi questo bel contenuto