Il mercato del lavoro in Italia nel 2016

Dai dati ministeriali recentemente pubblicati possiamo trarre qualche considerazione di sintesi sull’andamento del mercato del lavoro.

Il Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali ha recentemente diramato la sua prima nota flash dell’anno, andando a tracciare un interessante quadro riassuntivo delle condizioni del mercato del lavoro in Italia nel 2016: un documento che ci permette di fare il punto sull’evoluzione del comparto occupazionale tricolore, mettendo le basi sui possibili sviluppi che questo potrebbe avere nei prossimi mesi. Cerchiamo allora di estrapolare i principali dati di sintesi, da condividere nelle prossime righe.


Quadro positivo, ma in rallentamento

mercato del lavoro
image by everything possible

Cominciamo con il rammentare che se la prima parte dello scorso anno è stata effettivamente contraddistinta da un incremento più significativo dell’occupazione nella prima metà dell’anno (+212 mila unità), cui è seguita una fase di rallentamento della dinamica congiunturale positiva (+39 mila unità) nella seconda parte dell’anno, a causa dell’attenuazione dello sviluppo nel Mezzogiorno e nel settore delle costruzioni.

Gli occupati crescono dell’1,3%

Ad ogni modo, nonostante il rallentamento di cui sopra, si osservi come il trend annuo degli occupati si stia presentando in progressiva crescita: nell’ultimo triennio abbiamo infatti osservato un incremento dello +0,4% nel 2014, raddoppiato a +0,8% nel 2015 e aumentato ulteriormente a +1,3% nel 2016, da leggeri in sinergia con la significativa accelerazione del calo degli inattivi (-410 mila unità), iniziato a partire dal 2014.

Meglio il lavoro dipendente rispetto a quello autonomo

Dalla lettura dello spaccato dei dati del dossier ministeriale emerge comunque che il contributo alla crescita dell’occupazione è arrivata dal lavoro dipendente, che ha contribuito con + 323 mila unità (+1,9%), mentre il lavoro autonomo è calato di -30 mila unità, -0,5%.

Ancora, gli occupati a tempo indeterminato aumentano di 281 mila unità, per un ritmo notevolmente superiore a quello dei lavoratori a tempo determinato (+42 mila unità); in termini percentuali la crescita risulta, invece, rispettivamente pari a +1,9% e a +1,8%.

Tasso di occupazione in crescita

Alla luce dei dati sopra riassunti, si noti come il tasso di occupazione medio annuo sia passato dal 56,3% al 57,2%, in sviluppo di +0,9 punti percentuali. L’aumento ha interessato tutto il territorio nazionale, con una crescita più elevata nel Nord-est (+1,2 %), mentre è nel Centro che si registra la crescita meno intensa (+0,6%).

Su analisi trimestrale, si noti come il tasso di occupazione sia cresciuto nella prima metà dell’anno di 0,6 punti percentuali rispetto alla fine del 2015, passando così dal 56,7% al 57,3%, per poi rallentare la sua crescita e attestarsi nell’ultimo trimestre al 57,4%. In merito, si noti altresì come nel primo periodo la crescita abbia coinvolto tutte le classi di età e che successivamente il debole incremento è stato trainato dagli over 49 (+0,4%), a fronte di un calo fra i giovani 15-24enni (-0,3%). Non risultano esservi apprezzabili differenze tra la dinamica congiunturale nell’anno riferita alla componente maschile e femminile.

Disoccupati in calo e tasso all’11,7%

Passando poi all’altro piatto della bilancia, rileviamo come nel corso del 2016 il numero di disoccupati risulta in lieve calo, attestandosi a poco più di 3 milioni di unità. Il tasso di disoccupazione, pari all’11,7%, è diminuito di 0,2 punti percentuali rispetto al 2015, anno in cui si era registrata una maggiore discesa (-0,8%), grazie al calo significativo osservato nel terzo trimestre.

Nel corso del 2016 la diminuzione ha riguardato gli uomini (-0,4%), a fronte di un lieve aumento per le donne (+0,1%) ed è stata trainata dal Nord del Paese (-0,5%), contro un aumento osservato nel Mezzogiorno (+0,2%). Il calo della disoccupazione interessa esclusivamente coloro che posseggono almeno un diploma di istruzione secondaria e maggiormente i giovani 15-24enni (-2,6%), ricorda il Ministero, sottolineando come fra questi ultimi si osserva un calo maggiore fra le giovani donne (-3,0%, contro il 2,3% per gli uomini) Positiva è anche la flessione del tasso di disoccupazione di lunga durata, dal 6,9% al 6,7%, per effetto della diminuzione osservata per i maschi (-0,4%).

L’analisi territoriale evidenzia andamenti differenti del tasso di disoccupazione tra le varie macro aree: al Nord cala di 0,2% nel primo trimestre e si mantiene sostanzialmente stabile nel corso dell’anno, intorno al 7,6%; al Centro si registra un significativo aumento nel secondo trimestre al 10,5% (+0,4%), rimanendo però invariato fino alla fine dell’anno; al Mezzogiorno, invece, il trend di crescita conduce nuovamente il tasso, dopo due anni, a oltrepassare la soglia del 20% nell’ultimo trimestre del 2016 (20,2%).