Home » News Lavoro » economia e risparmio

Naspi febbraio 2021: i pagamenti. Come controllare le date sul sito Inps

Si parte con i pagamenti Naspi febbraio 2021. Ecco come controllare autonomamente le date di emissione del dovuto accedendo ai servizi online dell’Inps

Condividi questo bel contenuto


La Naspi febbraio 2021 è in via di pagamento, tuttavia il versamento del dovuto non avviene per tutti lo stesso giorno. Le date cambiano e non sono le stesse ogni mese. Ecco come controllare in maniera autonoma le date del versamento relativo l’indennità di disoccupazione accedendo al sito dell’Inps.

Naspi febbraio 2021: al via con i pagamenti

Naspi 2019

Ieri sono arrivati i primi accrediti relativi la Naspi del mese di febbraio 2021. A conferma di ciò c’è la testimonianza di alcuni utenti che hanno affermato di aver già ricevuto la somma di denaro dovuta. In ogni caso, bisogna ricordare che il pagamento della Naspi di febbraio, così come per gli altri mesi dell’anno, non arriva sempre nel medesimo giorno per tutti, ma ci sono date differenti. In linea di massima, l’accredito della somma di denaro spettante, arriva sempre entro il 10 del mese successivo a quello di riferimento o comunque non oltre la metà del mese stesso. Se per qualche motivo ci dovessero essere dei ritardi maggiori è bene contattare direttamente gli uffici Inps sul proprio territorio. Per conoscere con esattezza la data di emissione della Naspi, i contribuenti hanno la possibilità di controllare in maniera autonoma ed immediata accedendo al sito Inps.

Che cos’è la Naspi?

La Naspi è l’indennità mensile di disoccupazione spettante a coloro che hanno avuto eventi di disoccupazione involontaria, per cause esterne al loro volere. Come si legge dal sito Inps, questa misura è stata istituita dall’articolo 1, decreto legislativo 4 marzo 2015 numero 22, in relazione ad eventi di disoccupazione involontaria avutosi a partire dal 1° maggio del 2015. Non tutti ricevono tale indennità, in quanto bisogna farne specifica richiesta perché non è una misura che scatta in maniera automatica. Una misura di sostegno economico a tutte quelle persone che si trovano in una situazione particolare, in cui hanno perso il lavoro per cause esterne e non per volontà personale.

Le date del pagamento Naspi febbraio 2021

Il pagamento della Naspi non segue sempre lo stesso calendario per tutti. In linea generale però, l’accredito del dovuto arriva entro il 10 del mese o comunque non oltre la metà del mese stesso. Ieri, secondo le testimonianze di vari utenti, sono arrivati i primi accrediti dell’indennità di disoccupazione. In particolare alcuni versamenti si sono avuti nella provincia autonoma di Bolzano, in provincia di Catania, a Napoli e Latina. Ed ancora, si pensa che i pagamenti della Naspi di febbraio possano iniziare oggi 9 febbraio a Roma e Bari, il 10 febbraio nella provincia di Brindisi, Teramo e l’11 del mese a Torino. Il 15 febbraio dovrebbe essere previsto il versamento della Naspi a Livorno. Tuttavia si tratta di date ed indicazioni di carattere del tutto generico. Per averne la certezza ogni utente deve accedere ai servizi online messi a disposizione dall’Inps, dove è possibile consultare con esattezza le date di erogazione del dovuto.

Come controllare la data di emissione della Naspi febbraio 2021

Se volete conoscere con esattezza la data in cui vi sarà erogata la somma Naspi febbraio 2021, dovete consultare il sito dell’Inps. In particolare gli utenti dovranno accedere all’area riservata sul sito utilizzando lo SPID, CNS o CIE. A tal proposito ricordiamo che a partire dal 1° ottobre 2020 i Pin non sono più rilasciati dall’Istituto. Una volta effettuato l’accesso, vicino la dicitura “pagamento in corso” dovrebbe già essere visibile la data in cui la Naspi febbraio 2021 sarà accreditata sul conto corrente comunicato nel momento in cui è stata fatta la domanda per ricevere l’indennità di disoccupazione. Ed ancora, è importante sapere che tra la fase di elaborazione e quella di pagamento passa qualche giorno. In ogni modo i tempi di attesa non dovrebbero superare una settimana. Nel caso in cui si dovessero registrare dei ritardi maggiori o altri problemi, rivolgetevi direttamente all’Inps per chiedere dei chiarimenti e delle spiegazioni in materia.

Condividi questo bel contenuto