Home » News Lavoro » novità pensioni

Pensione: come ricevere il cedolino e la Certificazione Unica via email. Il nuovo servizio Inps


L’Inps mette a disposizione un nuovo servizio che consente di ricevere per mail il cedolino pensione e la Certificazione Unica. In questo modo i pensionati non dovranno più collegarsi ogni mese all’area riservata MyInps. Ecco di cosa si tratta e come attivare questa utile ed importante prestazione.

Pensione: arriva un nuovo servizio Inps

andare in pensione
image by Phovoir

Arriva un nuovo servizio pensione messo a disposizione dall’Inps. Gli interessati potranno attivare la prestazione che permette di ricevere il cedolino e la Certificazione Unica direttamente sulla propria casella di posta elettronica. In questo modo i pensionati, per ricevere questi due rilevanti documenti, non dovranno più collegarsi ogni mese all’area riservata MyInps, perché il dovuto gli arriverà direttamente per mail all’indirizzo di posta comunicato in fase di attivazione del servizio. L’Inps sul suo sito ha pubblicato le indicazioni e tutte le informazioni utili a riguardo. Si tratta di un servizio attivo dal 4 febbraio 2021. Tutti gli interessati possono attivarlo in maniera autonoma e semplice, indicando il proprio indirizzo di posta elettronica su cui desiderano ricevere il tutto.

Cedolino e Certificazione Unica inviati tramite email

L’Inps continua a mettere a disposizione dei pensionati nuovi servizi collegati alla pensione. L’ultimo ma non per importanza riguarda la possibilità di ricevere per email il cedolino pensione e la Certificazione Unica. Si tratta di due documenti molto importanti, che arriveranno sulla casella di posta elettronica nel momento in cui gli interessati attiveranno il servizio in questione. Sull’area personale MyInps sono presenti tutte le informazioni e le istruzioni per attivare questo nuovo servizio. Ovviamente, per accedere all’area personale avrete bisogno dello Spid oppure della Carta d’Identità Elettronica o Carta Nazionale dei Servizi.

Pensione: come attivare il nuovo servizio Inps

Vediamo ora nel dettaglio come poter fare per ricevere il cedolino pensione e la Certificazione Unica per email. Il procedimento di attivazione è semplice ed abbastanza intuitivo, per cui non dovreste incontrare particolari problemi. Nello specifico, i passaggi per autorizzare l’Inps ad inviare la documentazione sopra citata tramite posta elettronica sono i seguenti:

  • il primo step è quello di accedere all’area riservata MyInps;
  • cliccare sulla dicitura “ricevi il cedolino della pensione e la Certificazione Unica per posta elettronica”;
  • leggere attentamente l’avviso. Se interessati cliccate sulla dicitura “Accedi al servizio”per poterlo attivare con tutte le sue funzionalità.

In tutto questo procedimento ricordatevi di inserire un indirizzo di posta elettronica valido, su cui andrete a ricevere la documentazione prevista. Lo scorso anno l’Inps attivò altro servizio, ossia quello che spiega le varie voci del cedolino pensione così da aiutare i pensionati a leggerlo nel modo giusto, rimanendo informati su eventuali trattenute o aumento dell’assegno previdenziale.

Cosa ci sarà nel prossimo cedolino?

Tutti coloro che andranno ad autorizzare questo nuovo servizio, già nei prossimi giorni potranno ricevere per mail il cedolino di marzo. Il prossimo mese ci saranno delle novità, come le trattenute fiscali, l’Irpef, le addizionali regionali e comunali. Ma non è tutto perché c’è da aggiungere l’addizionale comunale in acconto per l’anno 2021. Inoltre, il prossimo cedolino pensione vedrà il recupero delle somme di denaro indebitamente percepite da quei pensionati titolari di varie prestazioni connesse al reddito di gestioni private e prestazioni assistenziali, che sono state ricalcolate tenendo in considerazione gli aggiornamenti reddituali.

Infine il mese di marzo prevede il conguaglio Irpef. Di fatti l’Inps ha proceduto con il ricalcolo dell’imposta sul reddito versata mensilmente. Tale conguaglio potrebbe comportare delle trattenute per i pensionati che nel 2020 hanno ricevuto altre prestazioni soggette a tassazione. In questo caso l’Irpef versata potrebbe essere stata inferiore al dovuto e quindi deve essere recuperata. Dall’altra parte ci sarà un rimborso per i pensionati che lo scorso anno hanno pagato più del dovuto. Un cedolino davvero particolare e ricco di voci da tenere in considerazione per rendersi conto come è stato calcolato l’ammontare dell’assegno previdenziale di marzo 2021.

Condividi questo bel contenuto