Pensione Quota 100: restyling o stop anticipato della misura? Le novità

La pensione Quota 100 e tutti i cambiamenti in vista. Si parla di Quota 101 o 102 oppure dello stop anticipato della misura stessa.

Con il nuovo Governo giallo rosso si fanno strada diverse ipotesi sul fronte pensioni, con un particolare riferimento alla pensione Quota 100. Probabilmente ci sarà un generale restyling oppure addirittura lo stop anticipato della misura sul pensionamento anticipato. Ecco le ultime novità in materia previdenziale.


pensione quota 100

Pensione Quota 100: cambiamenti in vista

Sono diverse le novità in ambito previdenziale. Tante le ipotesi avanzate nel corso degli scorsi giorni, soprattutto per quanto riguarda la pensione Quota 100 ed il suo futuro. Come ben sappiamo, si tratta di una misura varata dal precedente Governo in materia di pensionamento anticipato, in forma sperimentale per tre anni (2019-2020-2021). Tuttavia, ad oggi, le domande presentate all’Inps, sono state circa la metà di quelle previste. Questa relativa poca affluenza a Quota 100, assieme ad altri fattori politici, possono metterne a rischio il futuro, arrivando persino ad un eventuale stop anticipato della pensione Quota 100 oppure un relativo restringimento della platea a cui si riferisce.

Quota 100, molto probabilmente andrà incontro ad un generale restyling nel corso dei mesi, un restyling che potrebbe portare a quota 101 o 102 oppure anche allo stop anticipato della misura stessa, che non arriverà più al 2021.

Il restringimento della platea dei beneficiari

Come accennato precedentemente, l’affluenza a Quota 100 è stata circa la metà di quella prevista appena la misura fu varata. Il prossimo anno la misura stessa potrebbe costare 8,8 miliardi di euro, ma una parte potrebbe essere risparmiata, apportando varie modifiche. Probabilmente un generale restyling di Quota 100 ci sarà, solamente che ancora non si è certi di cosa cambierà, si possono per ora avanzare solamente delle ipotesi. Ad esempio, si parla di una possibile Quota 101 o 102, con modifiche ai requisiti di accesso alla misura.

Nello specifico si potrebbe innalzare il requisito anagrafico di accesso, portandolo a 63 o 64 anni di età, oppure si potrebbe incrementare il requisito contributivo, portandolo a 39 anni di contributi per accedere alla misura previdenziale. Procedendo in questa direzione, ci saranno dei notevoli risparmi, che potrebbero essere adoperati per altre misure a favore dei cittadini, come ad esempio l’Ape social.

Il possibile stop anticipato della misura previdenziale

Altra ipotesi per quanto riguarda il destino della pensione Quota 100 è quello di un suo stop anticipato. Infatti, non è assolutamente da escludere o sottovalutare l’ipotesi di chiusura anticipata dell’esperimento Quota 100. La misura previdenziale in fase sperimentale, teoricamente dovrebbe essere attiva per tre anni, dal 2019 al 2021. Tuttavia, date le attuali circostanze e la necessità da parte del Governo di risparmiare il maggior numero possibile di denaro, da usarsi per altri scopi a favore dei cittadini, non si esclude che l’esperimento della pensione in Quota 100 possa terminare in anticipo, magari già a partire dall’anno prossimo. Tuttavia nell’ambito previdenziale ci sono tante misure e pensioni che aiutano e sostengono i cittadini, come ad esempio la pensione di reversibilità.

La pensione di reversibilità un esempio di sostegno alle famiglie

Il mondo legato alle pensioni è vasto e spesso complesso, tuttavia si cerca sempre di offrire un sostegno e supporto ai cittadini ed i loro familiari. Un esempio pratico è quello della pensione di reversibilità, ossia il trattamento di carattere economico che l’Inps eroga ai parenti di un lavoratore o di un pensionato deceduto prematuramente. Questo trattamento pensionistico è erogato se nel momento del decesso il soggetto percepiva la pensione di vecchiaia, di invalidità o anticipata. Nel caso in cui il soggetto al momento del decesso era in età da lavoro, bisogna che questo aveva versato almeno 15 anni di contributi, per far beneficiare la sua famiglia della pensione di reversibilità.

Dunque, la pensione e tutto ciò che ruota intorno ad essa è un servizio importantissimo per i cittadini, per questo motivo è indispensabile che le forze politiche adottino delle misure atte a garantire il benessere dei cittadini ed anche dei pensionati.

CATEGORIES
Share This