Start up innovative: le agevolazioni fiscali per chi investe in queste realtà

Gli incentivi fiscali per chi decide di investire nelle Start up innovative nel 2019. I chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Il numero delle start up innovative sta aumentando sempre di più e non solo sul nostro territorio. Ci sono tutta una serie di agevolazioni di carattere fiscale per chi decide di investire in queste nuove realtà all’insegna della tecnologia in tutte le sue sfaccettature. A tal proposito arrivano i chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate, per quanto riguarda le agevolazioni legate agli investimenti nelle start up innovative. Vediamo di cosa si tratta.


comunicazione assertiva

 

Start up innovative: gli investimenti e le agevolazioni fiscali

Le start up innovative sono delle particolari forme di società di capitale. Queste sono previste e definite dalla legislatura italiana, con lo scopo di favorire l’occupazione giovanile e soprattutto le nuove forme di imprenditoria, favorendo l’accesso ai vari strumenti finanziari, per le giovani imprese che si muovono verso la tecnologia e l’innovazione in generale. Per questo motivo, la legge prevede tutta una serie di agevolazioni fiscali connesse alla realtà delle start up innovative, facilitazioni previste anche per gli investimenti di carattere indiretto.

Per fare chiarezza sulla questione, la stessa Agenzia delle Entrate ha reso noti i chiarimenti sulle agevolazioni fiscali per gli investimenti indiretti nelle varie start up innovative nel corso del 2019. Di fatti, la normativa vigente introduce delle facilitazioni sia per gli investimenti diretti che indiretti nel capitale sociale di queste nuove realtà innovative. Quando parliamo di investimenti di carattere indiretto, ci riferiamo a quelli fatti tramite Oicr (organismi di investimento collettivo del risparmio), oppure da altre società che investono essenzialmente nelle start up.

A chi spettano le agevolazioni fiscali?

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che le agevolazioni fiscali, consistono essenzialmente nella riduzione delle imposte sui redditi che per gli investitori soggetti ad Irpef, derivano dalla concessione di detrazioni, oppure di deduzioni per quanto riguarda gli investitori soggetti ad Ires. Inoltre, va specificato che le varie agevolazioni sono riconosciute sia a persone fisiche che a persone giuridiche. Chi sono le società che investono nelle start up innovative? Si tratta di quelle società che alla fine del periodo di imposta in corso alla data stessa in cui si è fatto l’investimento, possiedono quote o azioni nelle start up.

Investire in queste nuove realtà oggi conviene, infatti, nel 2019 le detrazioni sono pari al 40% con la possibilità di arrivare al 50% nel caso in cui si acquista tutto il capitale sociale. Investire nelle start up non è poi così difficile e soprattutto non è diverso dall’investire in altre società. Ovviamente, se la società in cui hai investito funziona bene, otterrai dei notevoli guadagni, in caso contrario potrai perdere parte o tutto il tuo denaro. Per tale motivo, prima di effettuare qualsiasi investimento, è bene conoscere il soggetto a cui si sta destinando il proprio denaro ed essere molto prudenti.

I finanziamenti per le start up

Non sono previste solo agevolazioni fiscali per chi investe nelle start up, ma anche dei finanziamenti per chi decide di aprire una start up innovative. Infatti, queste possono contare su quello che viene chiamato il Fondo Centrale di garanzia delle PMI, ossia una garanzia che va a coprire fino l’80% del prestito stesso. Dunque prestiti di carattere agevolato, per facilitare l’acquisto dei beni necessari alla nuova impresa, oltre che per la gestione stessa dell’attività, come impianti, attrezzature varie, licenze e molto altro ancora.

Il prestito è senza interessi e come affermato precedentemente può raggiungere l’80%. Un aiuto di notevole importanza per i giovani che decidono di aprire una start up innovative e dare sfogo alla loro indole di imprenditori. La ripresa economica passa anche attraverso misure ed agevolazioni varie, in grado di fornire degli aiuti ed incentivi a chi desidera aprire ed investire su nuove società, ben venga se si tratta di attività avviate dai giovani.