Home » News Lavoro » formazione e corsi

Tirocini nei Beni Culturali: 130 posti e 1.000 euro al mese. Come candidarsi

Arrivano interessanti opportunità con i tirocini nei Beni Culturali. Sono 130 i posti a disposizione con un’indennità mensile di 1.000 euro. Ecco come candidarsi

Condividi questo bel contenuto


Arrivano nuovi tirocini indetti dal Ministero della cultura su tutto il territorio nazionale. Sono 130 i posti a disposizione con una retribuzione di 1.000 euro al mese. Si tratta di tirocini formativi e di orientamento nelle attività di tutela, fruizione e valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale che abbiamo in Italia. Ecco di cosa si tratta, i requisiti e come poter partecipare alla selezione.

Nuovi tirocini formativi nei Beni Culturali

Il Ministero della cultura ha pubblicato un bando per 130 tirocini finalizzati alla tutela, fruizione e valorizzazione del patrimonio artistico italiano. I destinatari sono giovani laureati under 30 che verranno impiegati presso gli uffici centrali e periferici del Ministero ma anche negli istituti e luoghi della cultura. Questi tirocini prevedono un’indennità pari a 1.000 euro al mese. Gli interessati a prendere parte alla selezione possono inviare la loro adesione e candidatura entro il 13 ottobre 2021.

I tirocini attivati

Quali sono nello specifico i tirocini attivati? I posti sono così suddivisi:

  • 40 destinati alla Direzione generale Archivi;
  • 30 presso la Direzione generale Biblioteche e diritto d’autore;
  • 10 posti nella Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio;
  • 10 da suddividersi tra l’Istituto Centrale per la digitalizzazione del patrimonio culturale, l’Istituto centrale per gli archivi, l’Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi, l’Istituto centrale per il catalogo e la documentazione e l’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane;
  • 10 posti nella Direzione generale Educazione, ricerca e istituti culturali;
  • 30 presso la Direzione generale Musei.

Questa è la suddivisione dei 130 posti totali previsti dal Ministero della cultura.

Sede e durata dei vari stage

Come già accennato, i vari stage messi a disposizione dal Ministero della cultura saranno svolti sia negli uffici centrali che periferici del Ministero stesso, ma anche presso vari istituti e luoghi della cultura dislocati su tutto il territorio nazionale. La durata complessiva è di 6 mesi con orario settimanale di 25 ore. Queste tipologie di stage prevedono per ogni tirocinante un’indennità mensile pari a 1.000 euro lordi. Tale somma comprende anche la quota della copertura assicurativa. Al termine del percorso formativo ai partecipanti sarà rilasciato l’attestato di partecipazione.

I requisiti richiesti

Per poter prendere parte alla selezione ed iniziare questi interessanti tirocini formativi è necessario possedere determinati requisiti come:

  • avere un’età inferiore i 30 anni;
  • possedere la cittadinanza italiana oppure di uno degli Stati membri dell’UE;
  • assenza di precedenti penali;
  • laurea magistrale con una votazione pari o superiore a 105/110;
  • almeno un titolo di studio conseguito nei 12 mesi precedenti la pubblicazione del bando.

Inoltre, è concessa la partecipazione anche a chi ha conseguito un titolo di studio all’estero o titoli estesi presi in Italia con votazione di almeno 105/110 che siano riconosciuti equipollenti ad uno dei tanti titoli indicati nel bando.

Come candidarsi

Tutti coloro che fossero interessati a prendere parte a tali tirocini formativi e di orientamento nel settore della cultura, devono presentare apposita domanda di partecipazione entro e non oltre le 14.00 del giorno 13 ottobre 2021 solo ed esclusivamente tramite apposita procedura telematica. Inoltre, gli aspiranti tirocinanti dovranno allegare alla domanda di partecipazione la fotocopia del documento d’identità o di altro documento di riconoscimento. Tuttavia, per avere maggiori informazioni a riguardo vi invitiamo a consultare il bando già pubblicato che contiene tutte le direttive necessarie per partecipare a tali stage formativi nel settore dell’arte e della cultura italiana. I candidati che hanno inviato la domanda di partecipazione saranno selezionati attraverso l’attenta valutazione dei titoli e successivamente saranno contattati per un colloquio che sarà svolto esclusivamente in modalità telematica.

Si tratta di un’opportunità di notevole rilievo per i tanti giovani che desiderano lavorare nel settore artistico e culturale italiano, con la possibilità di fare esperienza, iniziare a conoscere l’ambiente e magari inserirsi in questo settore in maniera definitiva. In fondo l’Italia è la culla dell’arte e della cultura invidiata in tutto il mondo.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze: Registrati su Euspert Bianco Lavoro

Condividi questo bel contenuto