Home » News Lavoro

Tredicesima con cassa integrazione: potrebbe essere più bassa a causa del Covid?

In arrivo la tredicesima mensilità per i dipendenti pubblici e privati. Ecco cosa cambia per chi usufruisce della cassa integrazione in periodo Covid

Condividi questo bel contenuto


Sta per arrivare la tredicesima con una somma di denaro in più in busta paga nel periodo natalizio. Come funziona la tredicesima mensilità per i dipendenti in cassa integrazione a causa del Covid? I valori restano uguali oppure c’è il rischio di maturare e ricevere meno?

La tredicesima in periodo Covid

tredicesima

La tredicesima mensilità sta per arrivare, con una somma maggioritaria in busta paga. Tuttavia, quest’anno, questa potrebbe essere meno consistente del solito a causa della cassa integrazione e della pandemia da coronavirus. Secondo la Cgia di Mestre, la riduzione di quella che viene anche detta la gratifica natalizia, sarà di 3 miliardi di euro. Una notizia che sicuramente non farà felici i tanti dipendenti che aspettano con ansia di ricevere una somma di denaro maggioritaria in busta paga. Intanto in questi giorni i pensionati stanno già riscuotendo la tredicesima, poi sarà la volta dei dipendenti pubblici e privati. I dati parlano chiaro, a ricevere la gratifica natalizia saranno 16 milioni di pensionati e 18 milioni di lavoratori dipendenti, per un importo di circa 30 miliardi di euro, ossia 3 in meno rispetto a quelli dello scorso anno. Come funziona il premio natalizio con la cassa integrazione? Vediamo di far luce su questo importante aspetto.

Tredicesima e cassa integrazione: i dati della Cgia

Quest’anno, stando ai calcoli della Cgia, i lavoratori in cassa integrazione dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati 6,6 milioni. Questi hanno maturato un rateo mensile che in molti casi risulta essere inferiore a quanto serve per il calcolo della tredicesima. Più precisamente, l’importo finale del premio natalizio dovrebbe essere in media di 100 euro in meno per ogni mese di indennità ricevuta. Dunque, meno soldi in busta paga per chi ha beneficiato della cassa integrazione nel periodo di emergenza sanitaria da coronavirus. Secondo la Cgia di Mestre, quest’anno a ricevere la tredicesima mensilità saranno: 6,2 milioni di lavoratori in Lombardia; 3,3 milioni nella Regione Lazio; 3 milioni in Veneto, 2,8 in Emilia Romagna, 532 mila percettori in Umbria, 290 mila in Basilicata, 160 mila in Molise e 77 mila in Valle d’Aosta.

Tredicesima e cassa integrazione con riduzione di orario

Il calcolo della tredicesima è differente per i lavoratori in cassa integrazione. Infatti, questa dipende molto dalla tipologia di cassa integrazione che il lavoratore riceve, se a zero ore oppure con riduzione di orario. Inoltre, altre variazioni nel calcolo del dovuto, dipendono anche dal tipo di contratto collettivo ma anche dall’accordo sindacale a cui i vari dipendenti aderiscono. Ad esempio, in caso di orario ridotto, la tredicesima mensilità dovrebbe maturare come al solito, anche se ci potrebbero essere delle variazioni previste dai singoli contratti. In alcuni casi, l’accordo sindacale può prevedere la detrazione delle ore di cassa integrazione da quelle totali, così da non consentire l’accumulo dell’intero rateo mensile. In questo modo a fine anno il rateo maturato potrebbe essere inferiore le 12 mensilità, così da avere un importo ridotto.

Cassa integrazione a zero ore

Anche in questo caso il calcolo della tredicesima dipende da quanto previsto dai singoli contratti di lavoro. Di fatti, in alcuni casi il premio natalizio si matura normalmente, in altri questo dipende ed è in proporzione alle ore di cassa integrazione di cui il dipendente ha usufruito, attraverso un meccanismo che è molto simile a quello applicato per la cassa ad orario ridotto. Non è tutto, perché in altre situazioni non è prevista la maturazione della tredicesima se la cassa a zero ore viene applicata in più giorni rispetto alla metà delle giornate lavorative mensili. Nel caso in cui le giornate di Cig a zero ore sono inferiori rispetto alle giornate effettivamente lavorate, la rateo mensile dovrebbe maturare senza alcun problema. Insomma, entrano in gioco tante variabili da tenere in considerazione quando si parla di tredicesima e cassa integrazione.

Condividi questo bel contenuto