WhatsApp: la truffa che permette di rubare i dati della vostra carta di credito. L’allarme lanciato dalla Polizia Postale

Attenzione alla nuova truffa che sta girando su WhatsApp secondo cui l'Adidas regala gratis maglie e scarpe. L'allarme della Polizia Postale.

In questi giorni sta girando su WhatsApp un messaggio che altro non è che una truffa. La nota in questione dice che l’Adidas, in occasione del suo compleanno regala maglie e scarpe gratis a tutti coloro che risponderanno a delle semplici domande. Attenzione, si tratta di una truffa in grado di rubare dati sensibili, come quelli relativi alla carta di credito. Intanto la stessa Polizia di Stato lancia l’allarme.


WhatsApp

WhatsApp: la nuova truffa in atto

Sono diversi giorni che sull’app di messaggistica più famosa ed utilizzata al mondo, sta girando un messaggio strano. Questo afferma che l’Adidas in occasione del suo compleanno, regala maglie e scarpe gratis a tutti coloro che risponderanno ad un semplice questionario. Fate attenzione perché non è assolutamente vero. Si tratta di una truffa messa in atto da malviventi, che grazie a delle domande a cui vi invitano a rispondere (per ottenere le famose scarpe e maglie gratis) riescono ad impossessarsi di dati sensibili, come quelli relativi alla carta di credito e conti bancari. La stessa Polizia Postale lancia l’allarme, invitando gli utenti di WhatsApp a fare molta attenzione.

L’allarme lanciato dalla Polizia Postale

Dopo molte segnalazioni pervenute da parte dei differenti utenti, la stessa Polizia Postale l’ancia l’allarme di allerta nei confronti della nuova truffa che sta girando su WhatsApp. Sulla pagina Facebook della Polizia Postale, si legge: “Dopo le numerose segnalazioni ricevute negli ultimi giorni, vi invitiamo a diffidare da una bufala che sta tornando attuale su WhatsApp, secondo cui Adidas regala 3 mila scarpe e magliette in occasione del suo compleanno”. Ovviamente in tutto questo l’Adidas non ha colpe, anzi è essa stessa una vittima. La truffa ha l’evidente scopo di trafugare in maniera illecita i dati personali degli utenti, in modo da ottenere informazioni su conti correnti e carte di credito. Si tratta di quello che in gergo tecnico viene chiamato attacco phishing per ottenere dati personali da rivendere sul web o peggio ancora per accedere ai servizi di home bancking e rubare il denaro dai conti correnti.

Come funziona la nuova truffa su WhatsApp

La nuova truffa che sta girando su WhatsApp parte da un semplice messaggio in cui si dice che l’Adidas regala gratis scarpe e maglie, e da un link su cui cliccare per ricevere i regali stessi. Andando a premere sul link in questione, si viene indirizzati ad una nuova pagina, dove poter inserire i dati personali per ricevere la merce. Un procedimento semplice e veloce che permette ai malviventi di entrare in possesso dei vostri dati. Ovviamente non riceverete nessun dono, in quanto l’Adidas non sta regalando proprio un bel niente. Non si tratta delle prima truffa su WhatsApp, che essendo lo strumento di messaggistica più usato al mondo, spesso è adoperato in maniera illecita anche da gente senza scrupoli. Inoltre, per questa tipologia di truffe, è adoperata anche la posta elettronica.

Come difendersi dalle truffe?

Difendersi da questa come dalle altre truffe è possibile, bisogna essere molto attenti e svegli. Spesso questi inganni sono studiati nei minimi particolari, tanto che risulta difficile non cascarci. Tuttavia l’invito è comunque quello di essere cauti e di non aprire immediatamente ogni tipo di link ricevuto tramite WhatsApp, Facebook o posta elettronica. Tenete a mente che nessuno regala nulla, anche se si trattasse dell’azienda più importante ed affermata al mondo. Fate attenzione anche ai falsi link, che pur richiamando ai link originali, in realtà sono differenti e stando attenti potrete ben accorgervi di ciò. Si tratta dell’altra faccia dei social, non solo adoperati nel bene, per relazionarsi con gli altri, per condividere pensieri, foto e video, ma spesso adoperati anche per pianificare e mettere in atto truffe di vario tipo. Ricordatevi, la prudenza non è mai troppa.



CATEGORIES
Share This