Home » News Lavoro

Bonus 2022: misure a favore dei cittadini

Bonus 2022 ecco alcune tra le misure più rilevanti a sostegno dei cittadini. di cosa si tratta e come accedere a tali misure per sostenere il rincaro dei prezzi?

Condividi questo bel contenuto


Il 2022 è un anno ricco di bonus e di agevolazioni a favore dei cittadini che ogni giorno devono far fronte al caro vita. Il Governo ha messo in campo una serie di misure appositamente pensate per aiutare le famiglie che si trovano a dover sostenere delle spese sempre più alte, da quelle energetiche a quelle del carburante. Ecco alcuni dei più rilevanti bonus, chi sono i destinatari e come richiederli.

Bonus 2022

reddito di cittadinanza cumulabile con altre prestazioni a sostegno del reddito

Questo è un anno particolare, segnato da eventi che hanno portato nel giro di poco ad un aumento vertiginoso dei costi della vita. Di fatti, non è una novità il rincaro dell’energia elettrica e del gas, così come non è una novità l’aumento del costo del carburante. Sono sempre di più le famiglie che si trovano a dover affrontare delle situazioni particolari, e spesso non riescono a far fronte a tutti questi rincari. Ecco che il Governo mette in campo una serie di bonus con lo scopo principale di sostenere i cittadini in questo periodo particolare. Tra le misure più importanti ricordiamo il bonus bollette, il bonus carburante ed il bonus 200 euro in busta paga per i lavoratori. Vediamo di cosa si tratta, chi sono i destinatari di tali misure e come richiedere le agevolazioni in questione.

Il bonus bollette

Una tra le prime misure che andiamo ad analizzare è proprio quella del bonus bollette. Si tratta di un incentivo economico ideato per aiutare i contribuenti a sostenere il rincaro delle utenze di luce e gas. Per poter accedere a tale misura occorre avere un Isee non superiore i 12 mila euro oppure, nel caso in cui si hanno almeno quattro figli a carico l’Isee non deve superare i 20 mila euro. Possono accedere anche i nuclei familiari che beneficiano del reddito o della pensione di cittadinanza. Ovviamente, stiamo parlando di un agevolazione riconosciuta ai titolari di un contratto energetico attivo e ad uso domestico, ed è possibile richiedere un solo bonus per tipologia energetica. Lo sconto dovuto sarà applicato direttamente sulla fattura dell’energia elettrica ed il suo ammontare dipende dalla situazione familiare dichiarata attraverso la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU).

Agevolazioni per il costo del carburante

Altra misura prevista dal Governo è quella del bonus benzina e trasporti. Con il rincaro del carburante spostarsi è diventato sempre più dispendioso, non solo con il proprio mezzo ma anche con i trasporti pubblici. Il bonus benzina è destinato ai dipendenti di aziende e privati. Consiste essenzialmente in un versamento una tantum per un massimo di 200 euro. Per poter accedere alla misura non è necessario presentare alcuna richiesta o modulo. Infatti, sono le aziende stesse che decidono di aderire all’iniziativa a dare ai propri dipendenti tale bonus. Questo incentivo è una misura completamente esentasse che non concorre alla formazione di reddito. Per quanto riguarda il bonus trasporti pubblici, questa misura entrerà in vigore a breve. Tuttavia è già stato stanziato un fondo da 100 milioni di euro. Concretamente parlando si tratterà di un incentivo del valore di 60 euro per ricoprire il costo di un abbonamento per il trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale. Si tratta di uno sconto nominale per studenti e lavoratori titolari di abbonamenti con reddito non superiore i 35 mila euro l’anno.

Il bonus auto e teleriscaldamento

Per incentivare un mondo sempre più green arriva il bonus auto 2022. Il Governo ha pensato di premiare tutti coloro che dal 16 maggio andranno ad acquistare un veicolo a basse emissioni di anidride carbonica, rottamando la vecchia auto. Lo sconto correlato a tale misura è direttamente connesso al costo del vicolo ed alle emissioni e può raggiungere i 5 mila euro. Altra misura particolarmente interessante è quella del teleriscaldamento. Si tratta di produzione di calore sotto forma di acqua calda in specifiche centrali e poi trasportata nei vari edifici attraverso tubi coibentati, andando a limitare le emissioni di CO2. Il Governo ha dunque pensato di premiare i cittadini che opteranno per questa soluzione, attraverso uno sconto in bolletta. Va specificato che al momento non tutto il territorio italiano è coperto dal servizio di teleriscaldamento.

Il bonus 200 euro in busta paga

Altra misura destinata ai lavoratori, ai pensionati, percettori di reddito di cittadinanza e disoccupati è il bonus 200 euro. Le categorie appena citate per accedere alla misura devono avere un reddito non superiore i 35 mila euro annui. Il bonus sarà versato a luglio direttamente dall’Inps oppure dalle aziende stesse e stando alle stime, saranno circa 28 milioni le famiglie che ne beneficeranno.

Condividi questo bel contenuto