Home » Risorse Umane

Quali saranno le principali competenze e soft skills ricercate dalle aziende a fine pandemia?

La pandemia ha modificato il mondo del lavoro e le skill richieste dalle aziende ai professionisti. Vediamo quali saranno le più richieste

Condividi questo bel contenuto

Come cambierà lo scenario lavorativo post pandemia? Quali competenze verranno maggiormente ricercate da aziende e recruiter? Queste e molte altre sono le domande che attanagliano la mente di  molte persone che attualmente si trovano in cassa integrazione o che hanno perso il lavoro e desiderano ricominciare a mettersi in gioco quanto prima. Vediamo quindi insieme quanto la pandemia ha modificato il mondo del lavoro e le skill richieste dalle aziende ai professionisti.

Come la pandemia ha trasformato il modo di lavorare

È fuori dubbio che la pandemia ha agevolato e favorito l’avvento del digital in tutte le sue sfaccettature, non solo il lavoro è diventato agile e talvolta più produttivo (incentivando lo smart working) ma ormai anche il modo di fare selezione del personale si è trasformato e avviene online: più interazione tramite piattaforme e sempre meno colloqui tradizionali! Dunque l’avvento della pandemia ha sancito la fine della vecchia realtà aziendale, legata necessariamente alla scrivania del proprio ufficio e ha dato inizio ad un nuovo processo che inevitabilmente porterà i rapporti professionali a cambiare.

In vista delle realtà aziendali in forte trasformazione anche le competenze richieste ai candidati cambieranno rispetto al passato: conoscenza del digital, creatività, capacità di gestione dello stress e ottime capacità organizzative sono solo alcune delle soft skills ricercate dalle aziende che decideranno di assumere personale a fine pandemia.

Lavoro e post pandemia: le 5 soft skills più richieste

In particolare, sono 5 le soft skills principali che i candidati dovranno dimostrare di avere, per riuscire a sopravvivere alle nuove realtà aziendali che si stanno delineando.

Competenze digitali

Una delle competenze che le aziende ricercheranno nei futuri candidati saranno sicuramente le competenze digitali. Vista la spinta che la pandemia ha dato in questo senso, anche le aziende si stanno adattando e stanno investendo nel digital quindi impossibile farsi trovare impreparati dal punto di vista tecnologico, e soprattutto nell’utilizzo dei social network e delle piattaforme per organizzare i meeting e le call.

Flessibilità e capacità di adattamento

Altra caratteristica ricercata sarà la flessibilità e la capacità di adattarsi alle circostanze che accadono. Ormai non esiste un luogo fisico fisso dove lavorare: oggi si lavora da casa, domani in ufficio e dopodomani chissà. Sono addirittura nati paesi adibiti agli smart workers, che incentivano la popolazione digitale ad andarvi ad abitare! È fondamentale avere una mente aperta alle novità e soprattutto voglia continua di aggiornarsi.

Autonomia e precisione

Tra le abilità maggiormente ricercate ci sarà l’autonomia e la precisione. I futuri lavoratori dovranno essere in grado di portare a termine gli obiettivi assegnati dall’azienda in modo preciso e accurato, senza la supervisione costante del proprio datore di lavoro o responsabile. Attenzione al dettaglio e precisione sono solo due delle caratteristiche fondamentali per un buon raggiungimento del risultato finale.

Capacità di organizzazione

Altra caratteristica ricercata sarà la capacità di organizzare e pianificare il proprio lavoro. In ottica dello smart working è fondamentale per i futuri lavoratori riconoscere tra gli obiettivi assegnati dall’azienda quali siano le priorità da portare a termine tenendo conto del tempo che si ha a disposizione per completare il raggiungimento dell’obiettivo.

Resistenza allo stress e problem solving

In ultimo, sarà fondamentale una buona dose di resistenza allo stress e capacità di problem solving. In particolare quest’ultima è la traduzione letterale di: risoluzione di problemi e fa emergere quanto una figura professionale sia in grado di rimettere a posto determinate situazioni che possono emergere. I lavoratori del futuro dovranno dimostrare di essere resilienti e di sapersi adattare ad ogni situazione.

Condividi questo bel contenuto