Home » News Lavoro

Bonus da 1.000 euro: in arrivo nuove misure per autonomi e Partite Iva

Il arrivo nuovi bonus e misure di sostegno economico per i professionisti autonomi con Partita Iva. Aiuti da 1.000 euro. Chi sono i beneficiari?


In arrivo nuovi bonus a sostegno delle Partite Iva con il Decreto Ristori 5. Il Governo sta lavorando per estendere la platea dei beneficiari delle misure economiche a sostegno di quelle realtà particolarmente colpite dalla crisi economica innescata dalla pandemia. Spunta così l’idea di introdurre un bonus da 1.000 euro da destinare ai lavoratori autonomi e possessori di Partita Iva. Vediamo di cosa si tratta e come funziona questa misura di sostegno economico.

Decreto Ristori e nuovi bonus in arrivo

bonus decreto rilancio

Attraverso i vari Decreti Ristori emanati nel corso dei mesi, il Governo cerca di aiutare diverse realtà professionali investite dalla crisi economica causata dal coronavirus. Non è tutto, in quanto si sta già lavorando ad un nuovo tipo di provvedimento che potrebbe arrivare entro la fine dell’anno. Lo scopo è quello di aumentare ed estendere la platea dei beneficiari, comprendendo anche quelli che sono praticamente rimasti esclusi dai precedenti aiuti economici previsti dai vari decreti. Così, il Governo nel Decreto Ristori 5 sta pensando di introdurre un nuovo bonus da 1.000 euro da destinare ai lavoratori autonomi titolari di Partita Iva. Queste categorie professionali sono rimaste escluse dai precedenti sostegni di carattere economico messi in campo nei mesi scorsi. L’idea generale è quella di sostenere la fetta più ampia di lavoratori che hanno avuto perdite di fatturato a causa del coronavirus.

Il nuovo bonus Partite Iva

Dopo i primi quattro provvedimenti, il Governo sta già pensando al Decreto Ristori 5, con delle misure di sostegno economico da destinare anche ai lavoratori autonomi, ossia i possessori di Partita Iva. La platea dei beneficiari degli attuali bonus, deve essere estesa sempre di più per non lasciare nessun lavoratore abbandonato al proprio destino, in una realtà particolare come quella che stiamo attualmente vivendo. In arrivo un bonus da 1.000 euro per le Partite Iva. Nello specifico, nel Decreto Ristori ter (numero 137 del 2020) e nel Decreto Ristori quater (numero 157 del 2020) proprio i lavoratori non occasionali iscritti alla gestione separata Inps sono rimasti letteralmente esclusi dal beneficio. Ora si pensa anche a queste categorie, inserendo dei nuovi bonus e sostegni economici che potrebbero arrivare entro la fine dell’anno.

I beneficiari del bonus Partite Iva

Chi sono nello specifico i beneficiari del bonus Partite Iva da 1.000 euro? Da Palazzo Chigi trapelano alcune importanti informazioni sui beneficiari del bonus Partite Iva a cui il Governo sta lavorando in questi giorni. Si tratterebbe dei lavoratori autonomi che hanno aperto una Partita Iva da minimo 3 anni avendo versato contributi presso la gestione separata Inps. Altro importane ed essenziale requisito per accedere al bonus in questione è direttamente connesso al fatturato. I professionisti che vogliono beneficiare del bonus 1.000 euro, devono dimostrare la perdita di fatturato avutosi nel periodo di lockdown, pari ad almeno il 50%. Tale perdita deve essere calcolata rispetto al reddito medio percepito negli ultimi tre anni.

I lavoratori autonomi beneficiari di aiuti

Fino ad oggi, hanno avuto la possibilità di richiedere bonus anche i lavoratori autonomi privi di Partita Iva non iscritti a nessuna delle forme previdenziali Inps. Stando alla circolare del Decreto Ristori Ter, ossia la 137 del 2020, per accedere agli aiuti economici è necessario che i lavoratori autonomi senza Partita Iva abbiano un contratto di lavoro autonomo occasionale, stipulato nel periodo di tempo che va dal 1° gennaio 2019 al 29 ottobre 2020. In questo caso, altro requisito è l’iscrizione alla gestione separata Inps ed il relativo versamento di almeno 1 contributo mensile.

Sostenere l’economia in un periodo particolare

L’economia e varie categorie di lavoratori, hanno vissuto un anno molto particolare, caratterizzato da una pandemia del tutto inaspettata, con risvolti negativi non solo sul piano sanitario ma anche su quello economico. Per cercare di sostenere la situazione abbastanza delicata e fragile, soprattutto per particolari settori come la ristorazione, il turismo e tanti altri, nel corso dei mesi il Governo ha studiato diverse misure si sostegno economico. Tanti i bonus pensati per non abbandonare i lavoratori al loro triste destino e tante le ulteriori misure al vaglio, sia per lavoratori dipendenti che autonomi.