Home » News Lavoro » economia e risparmio

Bonus lavoratori stagionali: al via i pagamenti di 2.400 euro

Parte il pagamento del bonus lavoratori stagionali di 2.400 euro. Chi deve presentare domanda e chi riceverà il dovuto in maniera automatica?

Condividi questo bel contenuto

Da oggi 8 aprile 2021 partono i pagamenti dei 2.400 euro previsti dal bonus lavoratori stagionali. Chi ha già beneficiato della misura, si vedrà accreditata la somma dovuta in maniera automatica. Gli altri dovranno presentare apposita domanda all’Inps entro il 30 aprile 2021.

Bonus lavoratori stagionali: si parte con i pagamenti

Oggi 8 aprile partono i pagamenti del bonus lavoratori stagionali. Si tratta dell‘indennità una tantum di 2.400 euro prevista dal decreto Sostegni. Questa misura è destinata ai lavoratori impegnati in attività stagionali che per colpa del coronavirus hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività professionale ed il conseguente rapporto di lavoro. Una misura di notevole importanza che non vuole lasciare da soli tanti professionisti costretti a limitare la loro attività lavorativa contro la propria volontà. Da oggi partono i pagamenti automatici del bonus per tutti coloro che hanno già beneficiato della misura in questione grazie al decreto Ristori. Tutti gli altri devono presentare apposita domanda all’Inps entro e non oltre la data di scadenza fissata al 30 aprile 2021. Ovviamente possono accedere al bonus solo determinate categorie professionali.

Chi può accedere al bonus?

Per poter accedere al bonus lavoratori stagionali, bisogna rientrare in particolari requisiti. Inoltre, la platea dei beneficiari è stata ampliata, andando ad includere anche i lavoratori somministrati in settori differenti da quello turistico. Ed ancora, anche il tetto massimo di reddito annuo di lavoratori dello spettacolo è stato alzato da 50 mila a 75 mila euro. Il bonus spetta a:

  • dipendenti stagionali nel turismo, stabilimenti termali ed i lavoratori in somministrazione che hanno cessato il rapporto lavorativo in maniera involontaria tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del decreto. Tali soggetti non devono essere percettori di Naspi, di pensione o reddito di lavoro e devono aver svolto almeno 30 giornate lavorative;
  • ai dipendenti stagionali e lavoratori in somministrazione appartenenti ad altri settori, che hanno interrotto in maniera involontaria il rapporto di lavoro tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del decreto. Questi devono aver svolto almeno 30 giorni lavorativi nel medesimo periodo indicato;
  • lavoratori intermittenti che hanno lavorato per almeno 30 giorni dal 1° gennaio 2019 all’entrata in vigore del decreto;
  • lavoratori autonomi occasionali senza partita Iva i quali non sono iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, con un contratto di lavoro tra il 1° gennaio 2019 e la data del decreto, ma non dopo l’entrata in vigore del decreto. Questi inoltre devono essere iscritti alla Gestione Separata;
  • i lavoratori incaricati nelle vendite a domicilio ed iscritti regolarmente alla Gestione separata con redditi 2019 derivanti da tale lavoro superiori a 5 mila euro e titolari di partita Iva non iscritti ad altre forme di previdenza obbligatorie;
  • dipendenti a tempo determinato nel settore turistico e negli stabilimenti termali, titolari di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato di almeno 30 giorni, nel turismo e stabilimenti termali tra il 1°gennaio 2019 e l’entrata in vigore del decreto. Ed ancora i titolari di contratti di lavoro 2018 nel medesimo settore a tempo determinato o stagionali e con durata di almeno 30 giorni.
  • lavoratori dello spettacolo iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo con: almeno 30 giornate lavorative dal 1° gennaio 2019 all’entrata in vigore del decreto, reddito 2019 non superiore a 75 mila euro, non titolari di pensione o contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Ed ancora lavoratori con almeno 7 giornate lavorative dal 1° gennaio 2019 all’entrata in vigore del decreto, con reddito 2019 non superiore i 35 mila euro.

Bonus lavoratori stagionali: come richiederlo?

I soggetti che hanno già beneficiato della misura in questione grazie al decreto 28 ottobre 2020, non devono presentare alcuna domanda in quanto la somma dovuta sarà accreditata in maniera automatica dall’Inps, sui conti correnti indicati. Tutti coloro che usufruiscono per la prima volta del bonus lavoratori stagionali, devono presentare apposita domanda all’Inps in modalità telematica entro il 30 aprile 2021. Chi presenta domanda dovrà attendere più o meno fino a metà maggio per poter ricevere il bonus. La richiesta deve essere compilata ed inoltrata sul sito dell’Inps, accedendo all’apposito servizio con le proprie credenziali.

Condividi questo bel contenuto