Home » News Lavoro » economia e risparmio

Bonus Tv 2021: che cos’è, a chi spetta, importi e come richiederlo

Che cos’è il bonus Tv 2021, chi sono i beneficiari, come e quando richiedere l’agevolazione in questione. Sconti sull’acquisto di televisori e decoder fino al 2022

Condividi questo bel contenuto

Il bonus Tv 2021 è un’agevolazione che consente alle famiglie con reddito basso di acquistare un televisore o decoder, in grado di captare il nuovo segnale in arrivo il prossimo anno. Dal 2022 le trasmissioni cambieranno frequenze ed è dunque indispensabile adattare i propri dispositivi ai nuovi standard di trasmissione. Chi sono i beneficiari del bonus? A quanto ammonta lo sconto previsto? Come fare richiesta e beneficiare dell’agevolazione in questione?

Bonus TV 2021 e nuovi standard di trasmissione

Il bonus Tv 2021 è un’agevolazione che consente di sostenere le famiglie con reddito basso nell’acquisto di nuovi televisori o decoder. Infatti, nel 2022 ci sarà un nuovo cambio delle frequenze di trasmissione dei programmi. Questo significa che le televisioni di vecchia generazione non saranno più in grado di captare il nuovo segnale e dunque diventeranno inutilizzabili. I cittadini, per poter continuare a guardare la Tv, dovranno avere dei dispositivi di ultima generazione adeguati al nuovo standard DVBT-2 HEVC. Altra alternativa è quella di comprare dei decoder. La misura consiste in uno sconto di 50 euro applicato direttamente sul prezzo di vendita del dispositivo o del decoder. Tale sconto sarà attivato dal rivenditore che aderisce all’iniziativa.

I beneficiari del bonus Tv 2021

Possono richiedere il bonus Tv 2021 le famiglie con reddito basso, per poter acquistare smart Tv di ultima generazione o decoder. In particolare per accedere alla misura in questione, i nuclei familiari devono avere un Isee non superiore i 20 mila euro. Dunque, per poter beneficiare dello sconto bisogna rientrare in questo specifico requisito economico. Se saranno riscontrate delle irregolarità l’agevolazione verrà revocata. Anche i rivenditori devono fare attenzione a seguire le corrette procedure di applicazione dello sconto.

Come richiedere l’agevolazione economica

Qual’è il procedimento che bisogna seguire per richiedere ed accedere al bonus Tv 2021? Chi decide di comprare una nuova televisione o un decoder, deve certificare di avere un indicatore Isee non superiore i 20 mila euro e che nessun altro componente del nucleo familiare ha già ricevuto il medesimo bonus. Infatti, si tratta di uno sconto che può essere applicato una volta e per l’acquisto di un solo televisore per nucleo familiare. Il cliente dovrà scaricare l’apposito modulo di richiesta dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico e presentarlo al rivenditore nel momento dell’acquisto del televisore o del decoder. Non è necessario presentare il modello Isee, perché nel modulo è presente nella forma di autodichiarazione l’attestazione in cui il soggetto che richiede il bonus afferma l’appartenenza della sua famiglia alla prima o seconda fascia Isee. Ricordiamo che oltre al modulo di richiesta è necessario presentare al rivenditore un documento d’identità ed il codice fiscale. Per beneficiare del bonus Tv sono previsti sia pagamenti in contanti che quelli elettronici. Il bonus può essere richiesto fino al 31 dicembre 2021 ed in ogni caso fino al termine dei fondi stanziati.

Non tutti i rivenditori aderiscono all’iniziativa

Bisogna ricordare che non tutti i rivenditori aderiscono all’iniziativa. Dunque, prima di procedere con l’acquisto di nuovi televisori o decoder è bene informarsi su chi sono i rivenditori che possono applicare lo sconto previsto dal bonus Tv 2021. I prodotti potranno essere acquistati sia in negozi fisici che online. La lista completa dei rivenditori che aderiscono alla misura in questione si può consultare sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, così da avere un’idea più precisa su dove poter comprare nuove smart tv. Dunque, il prossimo anno sarà caratterizzato dall’arrivo di un nuovo segnale per la trasmissione dei programmi Tv. Questo si è reso necessario perché il 5G andrà ad occupare le stesse frequenze del  DBVT. Per continuare a vedere i vari canali televisivi è indispensabile avere delle televisioni capaci di captare il nuovo segnale ed adeguate al nuovo standard DVBT-2 HEVC.

Condividi questo bel contenuto