Bonus vacanze 2020 fino a 500 euro: che cos’è, come funziona e come richiederlo

In arrivo il bonus vacanze 2020 da 150 a 500 euro per le famiglie che faranno le vacanze in Italia. Misura fruibile dal 1° luglio al 31 dicembre 2020

La crisi da Coronavirus si è fatta sentire anche nel settore del turismo. Il Governo per sostenere questo importante settore su cui si poggia parte dell’economia italiana, ha introdotto nel decreto rilancio, il bonus vacanze 2020. Un sostegno economico che arriva fino a 500 euro, da corrispondere alle famiglie che decideranno di trascorrere le vacanze 2020 in Italia. Ecco come funziona.


Bonus vacanze 2020: che cos’è?

Si tratta di un sostegno economico destinato alle famiglie che decideranno di trascorrere le vacanze 2020 in Italia. In particolare, la misura sarà valida sotto forma di detrazione fiscale o sconti, per i soggiorni di almeno 3 notti presso le varie strutture ricettive situate sul territorio italiano. Il Governo ha inserito questa misura, a sostegno delle famiglie ma anche delle strutture turistiche, all’interno del decreto rilancio, a cui le forze politiche stanno ancora lavorando. Il bonus va da 150 a 500 euro a seconda delle caratteristiche del nucleo familiare. Inoltre, per accedere alla misura, ci sono anche dei requisiti di carattere reddituale.

Fino a pochi giorni fa potevano accedere tutti i soggetti con un reddito massimo di 35 mila euro, tuttavia nella giornata di ieri questo limite sembra essere stato modificato arrivando a 50 mila euro. Il bonus sarà fruibile dal 1° luglio al 31 dicembre 2020. Ed ancora, il bonus vacanza 2020 sarà concesso nella misura del 90% come sconto sul corrispettivo dovuto, applicato direttamente dalle strutture turistiche e nella misura del 10% come detrazione fiscale.

L’importo del bonus vacanze 2020

Come anticipato nelle righe precedenti, il bonus vacanze sarà fruibile dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 ma solo per soggiorni di minimo 3 notti presso strutture ricettive collocate sul territorio italiano. Lo scopo è proprio quello di aiutare il settore turistico italiano, agevolando la gente a rimanere nel Paese. L’importo va da 150 a 500 euro, a seconda delle caratteristiche del nucleo familiare e potrà beneficarne solo un componente della famiglia (per intenderci non verranno dati 500 euro a tutti i componenti del nucleo familiare). In particolare saranno riconosciuti:

  • 500 euro per l’intero nucleo familiare;
  • 300 euro per le famiglie composte da due persone;
  • 150 euro per famiglie composte da un solo componente

Sono questi gli importi riconosciuti dal Governo per il bonus vacanze 2020.

Come accedere alla misura

Per accedere alla misura, bisognerà presentare apposita domanda e rientrare nei requisiti reddituali sopra citati. Tuttavia, il decreto rilancio, che conterrà al suo interno anche questo bonus, è ancora in fase di discussione. Per questo motivo non si escludono eventuali modifiche. Inoltre, ci sono ancora molti nodi da sciogliere relativamente all’organizzazione di viaggi vacanza e su come saranno organizzati aeroporti, spostamenti in aereo, treni ed altri mezzi di trasporto. Attendiamo maggiori indicazioni in riferimento alle modalità per presentare la domanda ed accedere al bonus vacanze 2020. Il Governo, oltre ad aver stanziato 50 milioni di euro a sostegno delle imprese che operano nel settore turistico, ha anche istituito il Fondo per la promozione del turismo in Italia, con una dotazione di 30 milioni di euro per tutto il 2020.

La dura crisi del settore turistico

L’Italia vive di turismo. Tra città d’arte, mare, spiagge, campagna, monti, ogni anno sono sempre di più i turisti che decidono di soggiornare nel nostro Paese. Il Coronavirus ha duramente colpito questo settore che è di vitale importanza per tutta l’economia nazionale. Secondo quanto affermato da Confturismo-Confcommercio, tra marzo e maggio si è registrata una perdita di circa 31 milioni di turisti, per un valore approssimativo di 7,4 miliardi di euro. Purtroppo le previsioni per il futuro del turistico non sono incoraggianti, perchè in relazione agli anni pre-Coronavirus, nel 2020 ci saranno delle notevoli perdite di fatturato, nonostante tutti gli sforzi ed incentivi per invitare gli italiani ad andare in vacanze e restare sul territorio nazionale.



CATEGORIES
TAGS
Share This

Commenti

Wordpress (0)