Come tenere a bada i nervi durante il colloquio di lavoro

Tanta pratica e niente eccessi: per evitare che l'agitazione giochi brutti scherzi, occorre prepararsi per bene

Lo abbiamo detto mille volte: il colloquio di lavoro è un’esperienza stressante. Che non risparmia neanche i tipi più ottimisti e fiduciosi dei propri mezzi e delle proprie capacità. Tenere a bada i nervi può essere difficile, specie se sappiamo poco dell’azienda e dei selezionatori che incontreremo. Alla base dell’ansia che rischia di tenerci svegli tutta la notte c’è, di norma, l’insicurezza, generata dalla mancanza di informazioni ben precise. L’impossibilità di prevedere, con esattezza, ciò che a breve succederà non può che mettere in agitazione; ma con qualche accorgimento e le giuste precauzioni, l’incognita del colloquio di lavoro può rivelarsi meno paurosa.


La vigilia del colloquio di lavoro

Il giorno che precede ogni grande evento è gonfio di aspettative e di ansia. E’ successo alla viglia del primo giorno di scuola, ma anche del primo appuntamento col partner e succederà alla vigilia del colloquio di lavoro. Quando stiamo per inoltrarci in terreni sconosciuti, il battito cardiaco inizia ad accelerare e la sudorazione aumenta. E’ fisiologico e sano, non c’è di che allarmarsi. Ma la faccenda non va, comunque, trascurata perché l’agitazione può giocare brutti scherzi.

3 semplici consigli per tenere a bada l’agitazione

Per evitare di arrivare al colloquio di lavoro “tesi come una corda di violino”, bisogna correre ai ripari per tempo. Come si fa? Scopiamolo insieme.

Alleniamoci il più possibile

Lo abbiamo già detto: a fare paura è l’impossibilità di prevedere quello che succederà nella stanza del selezionatore. In ogni intervista che si rispetti c’è sempre un certo tasso di imprevedibilità, ma alcune situazioni tendono a replicarsi sempre. Detta in maniera più esplicita: ci sono domande che ci verranno sicuramente rivolte, prepariamoci a rispondere nella maniera più convincente. Non c’è colloquio di lavoro che non si inauguri, ad esempio, con la più abusata delle formule: “Mi parli un po’ di lei“. E che non tenda a proseguire con domande del tipo: “Quali sono le sue esperienze lavorative?” o “Che valore aggiunto potrebbe portare in questa azienda?”. Ma non solo: per arrivare meno tesi al colloquio di lavoro, dobbiamo allenarci a rispondere a quesiti più insidiosi: “Qual’è stata l’esperienza più stressante che ha dovuto affrontare al lavoro? Come ha fatto a venirne fuori?”. E non trascuriamo la possibilità di dover parlare dei nostri punti deboli. Prevedere il più possibile le domande che ci verranno rivolte e allenarci a rispondere in maniera efficace ci aiuterà a gestire meglio la tensione

Facciamo ricerche approfondite

La mancanza di informazioni precise su chi ci troveremo di fronte ci mette in agitazione. Ma anche in questo caso, è possibile prendere delle precauzioni. Esattamente come avviene alla vigilia di un incontro sportivo, occorre studiare l'”avversario” e tentare di reperire il maggior numero di informazioni sul suo conto. In che settore opera l’azienda alla quale abbiamo inoltrato la candidatura? Qual’è la politica adottata dal management? Quali sono i progetti che sta seguendo? E quali quelli messi in cantiere? Fare ricerche approfondite, che permettono di disporre di un buon numero di informazioni, allenterà l’ansia. E dimostrerà al selezionatore che siamo quanto mai motivati e interessati ad ottenere il lavoro offerto.

Curiamo la forma fisica

Potrà sembrare strano, ma a volte, ad auto-sabotarsi sono gli stessi candidati. Che non tengono in sufficiente considerazione l’importanza di arrivare freschi e riposati al colloquio di lavoro. Concedersi una serata tranquilla, prima della fatidica intervista, è fondamentale. Evitiamo di cenare fuori o di fare troppo tardi: arrivare con la faccia tirata e gli occhi cerchiati dal sonno non è esattamente il miglior biglietto da visita da consegnare al reclutatore. Il benessere del corpo e quello della mente sono strettamente collegati: ecco perché fare attività fisica – con un opportuno margine di anticipo – può rivelarsi una buona idea. Ma ricordiamoci di non strafare: una sola ora di palestra può bastare a darci lo sprint che ci serve per arrivare galvanizzati al colloquio di lavoro. Nel corso del quale, più che dei muscoli allenati, dovremo dare prova delle nostre competenze e abilità professionali.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati su Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito):

SI, voglio offerte di lavoro



CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (3)
  • […] Affermare che, nella vita, è possibile trarre un insegnamento da tutto non è un’esagerazione. Prendiamo una tranquilla serata in famiglia, trascorsa a guardare un film comodamente seduti sul divano. Sembrerebbe una circostanza ordinaria, destinata a non lasciare alcuna traccia significativa, ma potrebbe non essere così. L’interazione con le persone (anche con quelle che si conoscono bene) può sempre fornire uno spunto di riflessione. E anche la visione di un film “leggero” può fare la sua parte. Non ci credete? La Uniting Ambition, società londinese specializzata nel reclutamento di personale, si è divertita a selezionare alcuni film che parlano di lavoro (e non solo). Soffermandosi sulle scene che riguardano le fatidiche interviste. Cosa ne è venuto fuori? Una carrellata di immagini – più o meno godibili – che può fornire insegnamenti interessanti, stimolando ad affrontare, in maniera più consapevole, il nostro prossimo colloquio di lavoro. […]

  • […] ottenuto venga disperso, per colpa di una leggerezza o di un’inattenzione. Prendiamo il caso del colloquio di lavoro: dopo esservi preparati a puntino, avete affrontato al meglio la prova, facendo tesoro dei consigli […]

  • […] telefonata che tanto aspettavate o di scorgere la mail che certifica il buon esito del vostro ultimo colloquio di lavoro. Dopo tanti tentativi andati a vuoto, avete finalmente fatto centro. La gioia e la soddisfazione […]