Dal 730 alla Rc Auto familiare: ecco le ultime novità apportate al Dl Fiscale 2020

Modifiche al Decreto Fiscale 2020, tra lotta all'evasione fiscale, Rc auto familiare, modello 730, ecco tutto quello che c'è da sapere

Ci sono delle novità per quanto riguarda il testo relativo al Dl Fiscale 2020, che è tornato in Commissione Finanze come conseguenza dei problemi relativi alla copertura. La lotta all’evasione fiscale resta un punto fermo nel testo, con l’introduzione anche di altre misure, come la Rc auto familiare, modello 730, la lotteria degli scontrini, sanzioni ed arresto per gli evasori e tanto altro ancora.


Il Decreto Fiscale 2020 con le ultime modifiche

dl fiscale 2020

Il Decreto Fiscale 2020, che era ad un passo dalla votazione finale, torna in Commissione Finanze, dopo alcuni problemi riguardo le coperture. Al testo sono state apportate delle modifiche e revisioni di notevole importanza. La lotta all’evasione fiscale resta un punto fermo del Governo, con sanzioni e carcere previsto per chi fa il furbo. Tra le altre novità, l’introduzione della Rc auto familiare, ossia la possibilità di usufruire della classe più bassa e conveniente. Novità anche per quanto riguarda il modello 730, con la scadenza della trasmissione che slitterà al 30 settembre. Ed ancora, controlli a tappeto per quanto riguarda le fatture elettroniche, più tempo ai commercianti per munirsi di Pos, con momentaneo slittamento delle eventuali sanzioni per chi non ne possiede uno.

In arrivo la Rc auto familiare

Tra le novità introdotte nel Decreto Fiscale 2020 c’è quella connessa al Rc auto. Prima di tutto è introdotto l’obbligo di pagamento del bollo solo ed esclusivamente tramite il PagoPA, ossia la piattaforma dei pagamenti della Pubblica Amministrazione. Inoltre, sarà introdotta la Rc auto familiare, questo significa che tutti i veicoli posseduti in famiglia, siano essi a 2 o 4 ruote, potranno beneficiare della fascia assicurativa più conveniente presente in famiglia. Praticamente, a partire dalla scadenza della polizza, si potranno assicurare i veicoli, beneficiando della classe assicurativa più vantaggiosa. Altra novità riguarda il bollo auto in leasing. Attualmente questo è pagato nelle Regioni in cui risiedono le società di leasing, mentre in futuro tali società saranno tenute a pagare l’imposta alle Regioni dove il veicolo è utilizzato.

La banca dati per scoprire chi non paga il bollo

Il Decreto Fiscale 2020 contiene delle misure contro i furbetti e gli evasori fiscali. Per quanto riguarda il settore tasse automobilistiche, il sistema informativo del Pubblico registro automobilistico, per evitare la possibilità di varie frodi, sarà integrato con i dati relativi alle tasse automobilistiche. Tutte queste informazioni, saranno poi trasmesse all’Agenzia delle Entrate, alle Regioni, alle Province autonome che andranno ad incrociare i dati acquisiti con quelli già in loro possesso. Tutto questo con lo scopo di andare a combattere sul nascere varie forme di evasione fiscale, eventuali truffe e frodi da parte degli automobilisti.

Lotta all’evasione fiscale fino ad 8 anni di carcere

Come accennato precedentemente, la volontà principale del Governo resta quella di combattere l’evasione fiscale in tutte le sue forme. Le modifiche al Decreto Fiscale hanno introdotto la pena fino ad 8 anni di carcere per reati di dichiarazione fraudolenta, sottrazione in maniera volontaria dal pagamento delle imposte dovute, l’emissione di fatture false. Previste anche forme di confisca per tutti coloro che cercano di sottrarsi dai loro doveri con il Fisco.

Le novità sul modello 730 previste dal Decreto Fiscale 2020

Arrivano novità anche per quanto riguarda la presentazione del modello 730. Il Decreto introduce la soppressione dell’estensione della platea dei contribuenti che adoperano il modello 730 per redditi di lavoro autonomo assimilabile a dipendente. Ed ancora, altra novità riguarda la conferma del nuovo termine di presentazione del modello 730, che slitta al 30 settembre invece che al 23 luglio. In parole povere andrà a cambiare l’intero calendario degli adempimenti, tra cui anche la trasmissione dei dati da parte del Caf e datori di lavoro all’Agenzia delle Entrate.

Dispositivi salva bebè, norme su Alitalia e airbag moto

Il Decreto Fiscale 2020 fa slittare a marzo le multe previste per chi non adopera i dispositivi salva bebè nelle auto. A causa di varie problematiche legate alla copertura, dal Decreto Fiscale salta il bonus per l’acquisto di moto airbag. Nel dettaglio si voleva introdurre un bonus fiscale pari al 50% da applicarsi ad una spesa massima di 500 euro sull’acquisto di una moto con dispositivo airbag. A saltare è anche la norma che prevedeva prestiti ponte alla compagnia aerea Alitalia.

Il Decreto Fiscale 2020 e sanzioni sui Pos

In fase di modifica è stato eliminato dal Decreto Fiscale 2020 anche l’articolo 23. Questo introduceva delle sanzioni ai commercianti e negozianti sprovvisti di apparecchiatura Pos, per permettere ai clienti il pagamento con le carte di credito e bancomat. Questa mossa può apparire incoerente con la linea adottata dal Governo, che continua a promuovere la moneta elettronica a quella cartacea, per contrastare forme di evasione fiscale.

Nuovi controlli a tappeto per le fatture elettroniche

In arrivo controlli a tappeto per quanto riguarda la fatturazione elettronica. I dati di tali fatture, a partire dal prossimo anno, potranno essere usati dalle autorità, non solo per dei controlli fiscali, ma anche per indagini della polizia economico-finanziaria. I dati saranno ben conservati dalle autorità per 8 anni. Inoltre, è stato prorogato per il 2020 l’esonero per quanto riguarda l’obbligo di fatturazione elettronica per gli operatori sanitari, tramite il Sistema di Interscambio.

CATEGORIES
Share This