Decreto agosto: sostegni alle imprese, al lavoro ed ai settori interessati dalla crisi

Decreto agosto per risollevare le sorti del nostro Paese. Più fondi per le imprese ed il lavoro, proroga della cassa integrazione, sgravi fiscali per nuove assunzioni. Ecco alcune misure previste

Lavori in corso per la definizione del testo definitivo relativo al decreto agosto, il provvedimento che dovrebbe essere pubblicato la prossima settimana. Questo va a chiudere la serie di interventi anti-crisi messi in campo dal Governo dall’insorgere della crisi sanitaria ed economica fino ad oggi. Sostegni alle imprese, al lavoro, ai settori compromessi dalla situazione di emergenza. Ecco cosa emerge da una prima bozza del decreto.


Che cos’è il decreto agosto

decreto agosto

Il Governo proprio in queste ore sta lavorando alla definizione del testo definitivo relativo al decreto agosto. Questo dovrebbe essere pronto la prossima settimana e contiene provvedimenti anti-crisi per aiutare il nostro Paese a risollevarsi. Il decreto agosto chiude la lunga serie di provvedimenti messi in campo da marzo fino ad oggi, garantendo ulteriori sostegni alle imprese, al lavoro, ai lavoratori e tutte le realtà particolarmente colpite dalla crisi economica innescata dal Coronavirus. Nel documento potrebbero trovare conferma alcune misure che sono state anticipate i giorni scorsi dal Ministro dell’Economia Gualtieri, ossia: la proroga della cassa integrazione, più fondi per la pensione di invalidità, incentivi allo smart working, lo stop ai licenziamenti, sgravi fiscali per le nuove assunzioni e tanto altro. Si tratta di misure del valore di 25 miliardi di euro, in aggiunta ai 20 del decreto Cura Italia e dei 55 del decreto Rilancio.

Le risorse economiche a disposizione e le misure

25 miliardi di euro saranno ripartiti per risollevare le sorti del nostro Paese, in particolare: 500 milioni sono destinati all’automotive per sostenere uno dei settori più colpiti dalla crisi, circa 1 miliardo di euro potrebbe essere destinato per rifinanziare il Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese. Ed ancora 1,3 i miliardi di euro per la scuola, 5 o 6 miliardi per gli enti locali e tanto altro. Si tratta di fondi economici importantissimi, che devono essere usati al meglio per poter garantire misure efficaci e soprattutto immediate, a sostegno di un Paese che deve far ripartire l’economia. Ecco alcune delle misure che rientreranno nel testo del decreto agosto.

Decreto agosto e proroga della Cassa integrazione

Molto probabilmente sarà prorogata la cassa integrazione per altre 18 settimane a carattere selettivo, con un contributo da parte delle imprese che ne fanno richiesta senza aver registrato significative perdite economiche. Non è tutto, in quanto si sta lavorando anche alla definizione della percentuale di perdita del fatturato, che consentirà l’utilizzo gratuito della cassa Covid. Probabilmente questa percentuale sarà fissata al 20%, tuttavia per notizie certe dobbiamo ancora aspettare. Stop anche ai licenziamenti fino a tutto il 2020, misura che andrà di pari passo alla cassa integrazione.

Fondi economici per la pensione di invalidità

Nel decreto agosto ci sarà spazio anche per misure connesse alla pensione. Più fondi destinati alla pensione di invalidità, incrementando il suo valore. Si sta lavorando a portare tale pensione per gli invalidi totali da 285 euro a 516 euro. Non è tutto, in quanto il beneficio della pensione di invalidità scatterà dai 18 anni invece che dai 60 come è avvenuto fino ad oggi. Altro aspetto molto importante è la proroga della moratoria sui mutui, che andrebbe a favore numerosi soggetti ancora in difficoltà economiche per il calo dei fatturati e per la crisi economica da Coronavirus. Tale proroga non è ancora stata confermata ma è tra le ipotesi nel nuovo decreto di agosto.

Decreto agosto, smart working e sgravi per le aziende che assumono

Il decreto agosto conterrà diverse misure a sostegno del lavoro e delle imprese. Tra queste anche la proroga ed incentivi allo smart working, limitando lo spostamento dei dipendenti, che possono continuare a lavorare da casa. Si tratta di una modalità di operare che già prima della pandemia si stava sviluppando e che ora ha trovato terreno fertile per crescere. Previste anche agevolazioni per le aziende che assumono nuovo personale. In particolare parliamo di sgravi fiscali al 100% per le assunzioni a tempo indeterminato. I datori saranno esonerati dal versamento connesso ai contributi previdenziali. Tali sgravi fiscali sono riconosciuti per un periodo di 6 mesi, a partire dal giorno che segue l’assunzione. Proroga fino al 31 dicembre 2020 anche dei contratti a termine e dell’assegno di disoccupazione per altri 2 mesi. Queste sono solo alcune delle misure emerse dalla bozza del decreto agosto, ma tante altre ne prenderanno parte, in attesa della pubblicazione del testo definitivo.



CATEGORIES
TAGS
Share This

Commenti

Wordpress (0)