Home » News Lavoro » economia e risparmio

Fatture online gratis – Lavorare con facilità

Per molte aziende e piccoli liberi professionisti, poter godere di fatture online gratis è veramente un ottimo vantaggio.

Condividi questo bel contenuto


La fatturazione elettronica è il segno dell’evoluzione fiscale dello stato italiano. Con essa infatti è possibile ridurre lo spreco di carta e inchiostro sostituendolo con una documentazione unicamente virtuale, facilissima sia da trasmettere che da conservare. Il cambiamento radicale del metodo di fatturazione in Italia è cominciato a partire dal 2014, quando le fatture dirette alla Pubblica Amministrazione dovevano essere inviate solo per via telematica. Negli anni successivi, tale metodologia di invio fatture è stata imposta anche ai liberi professionisti, imprese e ad altri soggetti che scambiano beni e servizi.

Come sono fatte le fatture elettroniche?

Apparentemente le fatture elettroniche, visualizzate quindi a monitor, sono molto simili a livello visivo a quelle classiche nonostante siano formulate mediante un formato virtuale chiamato XML (EXtensible Markup Language).

fatture online

Sarà facile dedurre quindi che molti soggetti nel corso degli ultimi anni, si sono ritrovati spiazzati davanti a questa innovativa e tecnologica modifica in campo fiscale, tanto che numerose attività sono subito corse alla ricerca di un gestionale per fatture online gratis, In modo da avere un punto di riferimento economico oltre che in linea con le norme vigenti.

Per molte aziende e piccoli liberi professionisti, poter godere di fatture online gratis è veramente un ottimo vantaggio.

Come si compila una fattura elettronica?

Le fatture elettroniche richiedono di essere compilate con dati che variano a seconda dei soggetti coinvolti nella vendita di beni/servizi. Una fattura, infatti, può essere emessa tra soggetti privati con partita iva (B2B), verso consumatori (B2C) o appartenenti alla Pubblica Amministrazione. Se si vuole inviare per esempio una fattura ad un libero professionista, si dovrà comunicare lo SDI (codice destinatario) oppure la PEC, che solitamente riceve le fatture tramite SDI. Quest’ultimo caso però è meno frequente.

Nel caso in cui invece si dovesse avere la necessità di inviare una fattura alla Pubblica Amministrazione bisogna essere muniti del Codice Univoco d’Ufficio, di almeno sei caratteri relativi all’ente facente parte di quest’ultima. Nel caso di invio fattura ad un consumatore, invece, basterà inserire nel documento il suo codice fiscale, il cui SDI penserà a recapitare il tutto nel cassetto fiscale. Le fatture online possono rivelarsi apparentemente complicate, ma basta un po’ di pratica per capire in realtà che è tutto un discorso di abitudine verso una tipologia di compilazione nuova.

Le fatture elettroniche e i loro tempi di conservazione

Le fatture elettroniche hanno dei tempi di conservazione molto ferrei da rispettare, in quanto hanno valore legale a tutti gli effetti. Ecco quindi che anche se le fatture online gratis non prevedono costi, hanno comunque una valenza tale da dover essere tutelata nel tempo. In particolare, i tempi di conservazione delle fatture elettroniche sono pari a 10 anni e permettono di evitare tantissime problematiche, come risparmio sull’acquisto di carta, toner ed elettricità. Non solo, la conservazione elettronica permette di ridurre il rischio di distruzione dei documenti, oltre che casi di smarrimento e alterazione del testo. Per non parlare inoltre di quanto consenta di dimezzare i tempi di ricerca e consultazione.

Condividi questo bel contenuto