I servizi di consulenza: l’integrazione tra avvocati e consulenti del lavoro

L'importanza di un ottimo servizio di consulenza passa attraverso la collaborazione di varie figure professionali, come ad esempio avvocati e consulenti del lavoro

I consulenti del lavoro diventano sempre più importanti e di notevole rilievo. Oggi c’è il concreto bisogno di servizi a 360°, così fanno il loro ingresso professionisti in grado di occuparsi delle risorse umane e piani di welfare, tutto per garantire dei migliori e più efficienti servizi di consulenza ad aziende e lavoratori.


L’importanza di una buona consulenza

consulenza

Una figura professionale che sta avendo tanto successo è quella del consulente del lavoro. Parliamo di un professionista nel settore giuridico ed economico, con il compito principale di amministrare il personale subordinato e parasubordinato per conto di enti ed imprese. Ad esempio, una delle sue attività è quella di elaborare i cedolini paga e tutti gli adempimenti che ne derivano, per conto di vari enti ed aziende. Naturalmente non si occupa solo di questo, ma anche di altre azioni di consulenza e supporto al lavoro ed occupazione, trattate con professionalità e competenza. Non è un caso che negli ultimi anni, all’interno di studi associati, accanto ad avvocati e commercialisti, abbiano fatto il loro ingresso anche queste figure professionali. Il consulente del lavoro, in collaborazione con le altre due, diventa strategico per operare con maggiore e rilevante efficienza.

Avvocati e consulenti del lavoro al servizio dei clienti

Oggi, sul versante giuslavorista, diventa davvero necessario garantire un’offerta ampia, vincente e funzionale, in grado di soddisfare le esigenze dei clienti. Per questo motivo, la collaborazione sempre più stretta tra avvocati ed esperti nella consulenza del lavoro, apre ad uno scenario nuovo, che garantisce maggiori risultati con meno sforzi e spese. Oggi il solo commercialista, non può offrire anche una consulenza sul lavoro, come magari succedeva in passato, in quanto le realtà sono cambiate e necessitano della presenza di figure specializzate nel settore, con tanto di esperienza e di competenze. L’integrazione e collaborazione tra diversi professionisti, rappresenta una marcia in più ed un’evidente possibilità di successo, non solo per lo studio, ma anche per i clienti stessi.

Come dice lo stesso Emiliano Villa, commercialista e managing partner di Villa Roveda e Associati, associazione professionale multidisciplinare con sedi a Milano e Lodi, oggi è davvero necessaria un’offerta a 360 gradi.

La collaborazione professionale per una migliore consulenza

La cooperazione tra avvocati e consulenti del lavoro, diventa vantaggiosa non solo per tali figure professionali, ma anche per il cliente stesso. Infatti, questo potrà beneficiare di una consulenza più completa, il tutto grazie alle competenze dei differenti professionisti che si uniscono tra loro. In particolare l’avvocato potrà indicare una strategia mentre il consulente del lavoro è in grado di individuare con dati reali, l’impatto che potranno avere specifiche decisioni. Dunque, sempre secondo Villa, oggi è davvero difficile rinunciare o comunque non avvalersi di una figura professionale di tale portata. Altra componente indispensabile è quella informatica, in quella che è ormai diventata la società dei software.

Il giuslavorista e consulente del lavoro

Quando parliamo di giuslavorista e consulente del lavoro, ci riferiamo a due professioni analoghe con dei campi di azione disciplinati dalla legge stessa. Tanto per fare un esempio, l’avvocato è in grado di seguire in tutto e per tutto l’attività del consulente, mentre il compito di interazione con la Pubblica Amministrazione appartiene solo ed esclusivamente a quest’ultimo, incapace di rappresentare il cliente in giudizio. Emerge quanto queste due figure professionali siano oggi in stretta relazione tra di loro, andando a rappresentare un “unicum” nell’assistenza ai clienti. Il settore della consulenza si evolve ogni giorno di più, mettendo insieme tante figure, che con le loro conoscenze possono davvero fare la differenza.

Una buona consulenza preventiva che spazia dalla realizzazione di piani welfare, alla gestione delle varie relazioni sindacali, passando per la determinazione dei costi e dei compensi ai dipendenti, significa un notevole risparmio di denaro e non solo.

CATEGORIES
Share This

Commenti