Lavorare come addetto alle pulizie, mansioni e stipendi

Se sei alla ricerca di un lavoro come addetto alle pulizie, sappi che si tratta di un lavoro per cui attualmente c’è grande richiesta e che può essere svolto in molti ambiti differenti. Ecco tutte le informazioni necessarie per intraprendere questa attività.

Un addetto alle pulizie svolge un lavoro considerato semplice, ma che riveste importanza fondamentale nella nostra società. Si tratta di una figura professionale richiesta all’interno di ogni organizzazione lavorativa e che puoi svolgere sia come dipendente che in maniera autonoma. Requisiti necessari: voglia di lavorare, precisione, e scrupolosità. Si tratta di un lavoro che non è per tutti ma che offre buone possibilità di impiego e, col tempo, potrai raggiungere retribuzioni adeguate.


Chi è e cosa fa un addetto alle pulizie

addetti alle pulizie

Un addetto alle pulizie può avere un lavoro molto vario, a seconda del luogo in cui è impiegato. Che lavori in una struttura sanitaria, o in una casa privata, svolgerai compiti differenti. Minimo comune denominatore sarà la pulizia dei locali ed il rispetto delle norme igienico-sanitarie. Come addetto alle pulizie ti occuperai di pulire ed igienizzare ambienti di vita e di lavoro secondo le regole stabilite dalla normativa, nel caso lavori presso strutture sanitarie, o dal datore di lavoro. La pulizia di uffici o di abitazioni sarà differente rispetto alla pulizia da effettuare in ambienti quali ospedali, studi medici o case di cura ma, in tutti i casi, bisognerà che tu conosca l’utilizzo corretto dei vari prodotti e le norme di sicurezza ad essi legate.

Requisiti per diventare addetto alle pulizie

Per diventare addetto alle pulizie non è necessario fare corsi di formazione, potrai benissimo apprendere sul campo tutto quello che serve. Ti basterà tanta voglia di lavorare, una discreta forma fisica, precisione affidabilità e puntualità. Come addetto alle pulizie dovrai essere in grado di organizzare il tuo lavoro in maniera autonoma e proficua ed avere un ottimo senso pratico. È utile, inoltre, che tu acquisisca un’ottima conoscenza dei prodotti utilizzati per le pulizie, dei rischi connessi al loro utilizzo e delle norme igieniche. Che lavori come lavoratore autonomo o che tu sia alle dipendenze di una società o di una cooperativa, potresti avere necessità della patente per spostarti più agevolmente ed in poco tempo per raggiungere le varie sedi di lavoro, che possono essere anche diverse nel corso della stessa giornata.

Corsi, scuole e formazione per diventare addetto alle pulizie.

Sebbene non sia richiesta una formazione specifica, sono attivi molti corsi professionali di avviamento al lavoro per addetti alle pulizie. In molti casi si tratta di corsi organizzati a livello regionale e a volte, proprio per questo, gratuiti. Nei suddetti corsi puoi imparare l’utilizzo dei macchinari e dei prodotti, le norme igieniche e le regole della sicurezza e sono degli ottimi punti di partenza per un avviamento al lavoro.

Di seguito ti elenco alcuni dei corsi di avviamento professionale per addetti alle pulizie:

Un aspetto importante sviluppato in tutti questi corsi, e che fornisce un sicuro valore aggiunto al candidato, è l’attenzione rivolta verso i rischi specifici del settore. L’attività degli addetti alle pulizie, infatti non è esente da rischi relativi all’utilizzo di prodotti chimici e di macchinari, ma anche rischi a carico dell’apparato scheletrico e muscolare dal momento che si tratta di un lavoro che richiede un notevole sforzo fisico. È dunque un buon punto di partenza che tu segua uno di questi corsi se vuoi entrare in questo settore.

Tipologie di addetto alle pulizie

Come addetto alle pulizie potrai lavorare in proprio oppure essere assunto da società o cooperative. Potrai lavorare in appartamento per datori di lavoro privati, oppure potrai occuparti della pulizia di uffici, strutture sanitarie o industriali. Le mansioni da svolgere in ciascuna di queste situazioni sono differenti e differenti sono gli orari di lavoro. La differenza più grande è tra i lavoratori domestici e quelli industriali.

Addetti alle pulizie domestiche

Gli addetti alle pulizie domestiche lavorano generalmente in orario di ufficio, quando i datori di lavoro sono fuori casa, e spesso hanno un impiego part-time e lavorano presso più datori di lavoro. I loro compiti sono quelli della normale manutenzione della casa. Dal lavare i vetri al lavare i pavimenti, lavare ed igienizzare bagni e cucine, fare i bucati, stendere i panni, stirare, spolverare, tutte le attività di pulizia della casa saranno a carico dell’addetto alle pulizie. Se vuoi lavorare in questo ambito ti sarà richiesta una grande onestà, discrezione, precisione, capacità di organizzarti e rapidità di esecuzione.

Addetti alle pulizie industriali

L’addetto alle pulizie in una struttura industriale avrà compiti e orari di lavoro differenti. Se è così che pensi di lavorare, allora sappi che lavorerai all’alba o alla chiusura delle fabbriche e degli uffici, quando il restante personale non è presente, e ti dovrai occupare di pulire gli ambienti lavorativi. Tra i tuoi compiti rientrerà l’igienizzazione degli ambienti, come mense, toilette, uffici e zone di produzione. Potresti dover utilizzare macchinari più o meno complessi e più o meno pesanti, per i quali potresti avere bisogno di una formazione. In fabbrica potresti dover pulire le macchine di produzione, attività per la quale dovrai essere formato.

La carriera dell’addetto alle pulizie

impresa pulizie

Come addetto alle pulizie potrai lavorare in proprio oppure essere assunto da una agenzia. Come lavoratore autonomo puoi trovare impiego grazie al passaparola e alla sponsorizzazione da parte di chi già ti conosce. Lavorerai con partita IVA e avrai bisogno di un commercialista. Da autonomo inoltre potresti, dopo aver fatto un po’ di esperienza, pensare di aprire la tua società.

Per quanto riguarda lavorare per una agenzia, le cose sono diverse. Le agenzie cercano sempre personale per occuparsi della manutenzione di uffici, aziende o condomini. Online è molto facile imbattersi in annunci di lavoro di questo tipo. Potrai rispondere agli annunci oppure potrai presentarti, munito di curriculum e lettera di presentazione, direttamente alle agenzie per presentare la tua candidatura.

Potrai essere assunto con differenti tipi di contratto. Se assunto da una società privata, il tuo lavoro sarà disciplinato dal Contratto collettivo del lavoro dei servizi di pulizia e servizi integrati e sarai tutelato da tale contratto sotto ogni aspetto della tua professione, sia che tu abbia un contratto a tempo determinato che un contratto a tempo indeterminato. Il tuo livello di inquadramento potrà variare, e con esso la tua retribuzione. Partendo da un primo livello, con esperienza e anni di lavoro potrai arrivare ad essere inquadrato come VII livello con un conseguente aumento retributivo.

Quanto guadagna un addetto alle pulizie

Lo stipendio di un addetto alle pulizie, come ti ho detto, varierà in base all’esperienza ed all’inquadramento all’interno del contratto. Per darti una idea della retribuzione, puoi guardare le tabelle della retribuzione minima contenute nel Contratto collettivo del lavoro dei servizi di pulizia e servizi integrati. In queste tabelle, suddivise per livelli, troverai le retribuzioni minime dovute ai lavoratori del settore:

  • Livello 1: 604,78 euro
  • Livello 2: 659,21 euro
  • Livello 3: 713,64 euro
  • Livello 4: 774,11 euro
  • Livello 5: 846,68 euro
  • Livello 6: 1.052,30 euro
  • Livello 7: 1.215,60 euro

Come vedi, il primo stipendio se non hai esperienza e vieni inquadrato al primo livello, si aggirerà intorno ai 700 euro, e il secondo livello non sarà retribuito molto di più. Per arrivare al settimo livello avrai bisogno di circa 20 anni di esperienza e non arriverai a guadagnare molto più di 1200 euro.

Se invece deciderai di lavorare come lavoratore autonomo in partita Iva, la tua retribuzione dipenderà da quanto lavorerai. Aprendo una attività per la prima volta potrai essere soggetto al regime forfettario con pagamento pari al 5% per i primi cinque anni. La svolta alla tua carriera la potrebbe dare un po’ di spirito imprenditoriale. Da lavoratore autonomo titolare di partita IVA, potresti aprire una tua ditta di pulizie. Contando sul lavoro dei tuoi collaboratori, oltre che sul tuo, raggiungerai guadagni sicuramente superiori rispetto ad un lavoratore dipendente. Intraprendenza, capacità organizzativa, onestà, saranno tutte qualità molto importanti per fare il salto da semplice addetto alle pulizie ad imprenditore.

Associazioni e/o gruppi

Punto di riferimento del settore è l’ANIP, Associazione Nazionale Imprese di Pulizia e servizi integrati. Si tratta dell’organo principale del settore e la sua pagina web è raggiungibile al seguente indirizzo: ANIP. Troverai lì tutte le informazioni più importanti a livello istituzionale e normativo che riguardano il mondo delle imprese delle pulizie.

Ti segnalo anche il vivace gruppo Facebook: Cerco offro lavoro PULIZIE. Un gruppo con più di 25000 iscritti n cui troverai offerte e richieste di lavoro. Consideralo una possibile vetrina per la tua attività o un bacino per reclutare possibili dipendenti per la tua impresa!

Ora che hai tutte queste informazioni, sei sicuramente pronto per intraprendere la tua nuova carriera come addetto alle pulizie. Ricorda, si tratta di un lavoro che, sebbene sembri umile e poco specializzato, è di importanza essenziale e, a fronte di un po’ di intraprendenza e di capacità, potrebbe condurti a risultati al di sopra delle tue aspettative.

Cerchi un nuovo lavoro?

Per avere sempre offerte di lavoro reali e verificate nella tua casella email in linea con le tue esigenze, registrati su Euspert Bianco Lavoro selezionando la tua zona e categoria di interesse (il servizio è completamente gratuito):

SI, voglio offerte di lavoro



CATEGORIES
Share This

Commenti

Wordpress (0)