Pensione: arriva il calendario per riscuotere l’assegno di maggio

Poste Italiane rendono noto il nuovo calendario per il ritiro della pensione di maggio. Novità pensione a domicilio per gli over 75

Novità per quanto riguarda il ritiro della pensione a causa dell’emergenza Coronavirus. Anche per il mese di maggio, si adopererà la stessa tecnica di riscossione applicata ad aprile, ossia quella dell’ordine alfabetico. Ecco il calendario completo della riscossione pensione nel mese di maggio.


Pensione e Coronavirus

Il dilagare dei contagi da Coronavius che ha interessato il nostro Paese, ha comportato delle novità anche sul versante pensione. In particolare, resta assolutamente indispensabile evitare qualsiasi tipo di assembramento all’interno ed all’esterno delle poste, così come di tutti gli uffici e luoghi pubblici. Per questo motivo, Poste Italiane riconferma anche per il mese di maggio, gli ingressi scaglionati per ordine alfabetico, relativamente il ritiro dell’assegno pensionistico. Inoltre, questo mese c’è una novità, in quanto sarà possibile ricevere la pensione in contanti direttamente a casa, consegnata dai Carabinieri. Dimentichiamoci le lunghe file di anziani davanti gli uffici postali, in attesa di ritirare il tanto atteso assegno previdenziale.

A causa del Coronavirus e del concreto rischio di contagi, la situazione cambia, adottando nuove strategie e tattiche contro gli assembramenti. Ecco che Poste Italiane ha ufficializzato il nuovo calendario a cui i pensionati devono prestare particolare attenzione.

Versamento della pensione: si parte il 27 aprile

Il Coronavirus ha dunque leggermente modificato le tempistiche relative la riscossione della pensione mensile. Si parte in anticipo, ossia il 27 aprile, in maniera da suddividere e scaglionare gli accessi agli uffici postali in ordine alfabetico, permettendo il ritiro dell’assegno pensionistico in più giornate. Dunque, anche questo mese, per coloro che desiderosi di riscuotere la pensione in contanti, sarà possibile recarsi alla posta solo nei giorni indicati. In particolare, si parte il 27 aprile con i cognomi dalla A alla B, per arrivare al 2 maggio con i cognomi dalla Q ala Z. Ed ancora, per chi ha un conto corrente bancario, l’accredito della pensione arriverà più tardi, perché il primo giorno bancabile del mese cade proprio lunedì 4 maggio.

Il nuovo calendario per la riscossione

Coloro che vogliono riscuotere la propria pensione in contanti, recandosi presso i tanti uffici postali dislocati su tutto il territorio nazionale, c’è un calendario da dover rispettare. Questo è stato redatto e pubblicato tenendo conto dell’ordine alfabetico. Dunque, per i tanti interessati, sarà possibile recarsi alla Posta per la riscossione dell’assegno pensionistico, solo nelle giornate indicate, oppure dopo il 4 maggio. Ecco il nuovo calendario da tenere in considerazione:

  • 27 aprile 2020: potranno accedere i cognomi dalla A alla B;
  • 28 aprile 2020: eccesso ai cognomi dalla C alla D;
  • 29 aprile 2020: i cognomi dalla E alla K;
  • 30 aprile 2020: potranno accedere i cognomi dalla L alla P;
  • 2 maggio 2020: uffici aperti solamente la mattina, per i cognomi dalla Q alla Z.

Pensione a domicilio con l’aiuto dei Carabinieri

Come accennato in precedenza, questo mese c’è una grossa novità, un servizio messo a disposizione dei pensionati, con il supporto dei Carabinieri. Infatti, i pensionati over 75 potranno ricevere a casa la pensione in contanti, consegnata direttamente dai Carabinieri. Il servizio in questione non può essere adoperato da coloro che:

  • hanno già delegato altri soggetti alla riscossione;
  • hanno un libretto od un conto postale;
  • anziani che vivono con i familiari o vicino ad essi.

Per accedere e richiedere tale servizio, basta chiamare il seguente numero: 800 00 33 22.

Accredito su un conto corrente bancario

L’accredito della pensione su conto corrente bancario, arriverà leggermente in ritardo, ossia il 4 maggio 2020, perché primo giorno bancabile del mese. Differente per chi la riceve su conto corrente postale. Infatti, i titolari di Libretto di Risparmio, di un conto BancoPosta o della Postepay Evolution, l’accredito è previsto per il 27 aprile 2020. Per questi soggetti è consigliabile ritirare i contanti direttamente ai Postamat, senza affollare ulteriormente gli uffici postali. Cambiano dunque le tempistiche avviando in anticipo i pagamenti, ma la pensione resta intatta senza tagli.